sabato 1 maggio 2010

Buon Lavoro!

Oggi, Primo Maggio, si festeggia in tutto il mondo la giornata dei lavoratori. Un valore importante, quello del lavoro, tant’ è che, nel suo incipit, la nostra Costituzione fonda su di esso la nostra Repubblica. Quest’ anno poi, la festa giunge a pochi giorni da una ricorrenza particolarmente significativa: i quaranta anni dello Statuto dei Lavoratori (legge 20 maggio 1970, n.300).
Proprio oggi vogliamo rivolgere il nostro pensiero ad una particolare categoria di lavoratori, tutti gli ex dipendenti della SMI, esprimendo loro la nostra solidarietà per la condizione poco bella in cui si trovano a vivere di questi tempi. Tale condizione è legata, ricordiamo, alla costruzione della centrale a biomasse: questa avrebbe dovuto sorgere sullo stesso sito degli stabilimenti dismessi; molto probabilmente la fine dell’ attività di questi ultimi serviva a far spazio alla centrale, ma non potremo mai affermarlo con certezza; sicuramente, invece, il passaggio dalla Smi alla biomasse avrebbe avuto lo stesso effetto per i lavoratori: lasciarli a casa.
Dopo la sentenza del Tar Molise, che ha accettato i ricorsi presentati per ostacolare la costruzione della centrale annullando alcune delibere comunali, vorremmo festeggiare un’ altra vittoria e cioè la risoluzione dei problemi di questi lavoratori. Sappiamo che nessuno è dotato di bacchetta magica e potrà cambiare le cose da un giorno all’altro, ma ci auspichiamo che si giunga presto ad una soluzione, magari una ripresa delle attività lavorative con nuovi proprietari che rilevino gli stabilimenti ora fermi.

99 commenti:

  1. Andrea Mastrangelo1 maggio 2010 00:10

    1 maggio 2010-FESTA DEI LAVORATORI

    Art.1, comma 1, COSTITUZIONE ITALIANA:L'Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro.

    Art.4 COSTITUZIONE ITALIANA:La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto.

    Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un'attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società.

    Al di là di ogni colore e appartenenza politica, vorrei esprimere personalmente la mia solidarietà e il mio sostegno (purtroppo solo morale) nei confronti di tutti i lavoratori della SMI prefabbricati che in questi ultimi tempi stanno combattendo una dura e logorante battaglia per veder garatito un loro diritto fondamentale:IL LAVORO!!!

    RispondiElimina
  2. Ma non vi vergognate di dire ciò??????!!!!! prima fate di tutto per ostacolare lo sviluppo del lavoro e poi vi permettete di dire e di augurare!!!!!!!!!!!!!!! Ma fatemi il piacere............andatevene a f...........!!!!

    RispondiElimina
  3. Siete sempre i soliti con i soliti paraocchi: lo sviluppo non arriva con gli inceneritori! E se Marrollo ha chiuso la colpa è solo vostra!
    Questo significa essere di sinistra per voi? Parlate di lavoro, welfare, Statuto dei Lavoratori e poi avete fatto licenziare cento persone per gli interessi di quattro imprenditori: complimenti!!!

    RispondiElimina
  4. A' rravà la cocc all'asene ze sprec l'acq lu timb e lu sapon!!!!

    RispondiElimina
  5. Caro pescarese, sono più di destra io che mussolini!!!!!!!! perchè pensi che solo gente di mafalda e di sinistra scrive su questo blog???
    sei tu che sei un falso uomo di centrodestra!!! marrollo ha chiuso perchè sta sviluppando altri investimenti sicuramente, la centrale è una opportunità, che purtroppo la pochezza di un paese ormai al lumicino non fa altro che causare danni!!!!!!!!!!state cavalcando gli interessi di due sole famiglie......bravi.....

    RispondiElimina
  6. ma, non avete il coraggio di scegliere altre persone?
    auguri ai lavoratori e alle donne pure

    RispondiElimina
  7. Anonimo delle 16:07 non hai capito proprio niente: io sono di sinistra!!!!!!!!!!!!!!!! E mi pare logico che una persona di destra (non "fascista" - che è sempre una brutta cosa) sia favorevole ad un simile progetto; il problema è che a Mafalda questo progetto è portato avanti da gente che si crede di sinistra!

    RispondiElimina
  8. Scemo 17 che fine hai fatto???

    RispondiElimina
  9. io invito tutti a moderare i toni. insomma se proprio non siete daccordo con i giovani mafaldesi perchè continuate a visitare REGOLARMENTE il loro sito? perchè continuate a dargli tutta questa importanza... insomma, il maggior disprezzo è la noncuranza e con il tempo si scoprirà tutto... le magagne del signor valentini e marrollo comprese!
    abbiate fede!

    RispondiElimina
  10. le prime tre righe erano interessanti ma mi pareva troppo strano,infatti lasolita stupidità si è resa manifesta già dal quarto rigo:come si fa a dire che un'azienda chiude per farne aprire un' altra se i proprietari non sono gli stessi? e poi ci rendiamo conto che se la biomassa non fosse stata ostacolata da voi, gli ex dipenti della SMI avrebbe potuto lavorarci senza perdere il posto? ora avete un lavoro VERO da offrire loro,alternativo alla biomassa, o siete bravi solo a dire un sacco di parole banali e dalle lacrime finte? rispondi scemo del 02 maggio 2010 00.06

    RispondiElimina
  11. Anonimo 17 siete tutti dello stesso tipo! Ci credi così ingenui da pensare che CASUALMENTE Marrollo ha deciso di chiudere proprio in quel momento, dopo una ventina d'anni di attività, e che CASUALMENTE c'era pronta la centrale a sostituire l'attività precedente?! Che tempismo perfetto che ha avuto la vecchia amministrazione! Anzi, ha presentato il progetto indipendentemente dalla chiusura di Marrollo che (per quelli come te è stata un fulmine a ciel sereno), quindi è stata addirittura profetica.
    Scusaci se non crediamo a tutte queste coincidenze e alle favole sullo sviluppo e sugli 800 posti di lavoro...

    RispondiElimina
  12. Una curiosità: ma ti pagano per controllare regolarmente il blog e scrivere le tue fesserie? E' questo uno dei posti di lavoro promessi dalla biomasse oppure è la ricompensa che ti spetta per il tuo essere un fedelissimo, nonostante tutto?

    RispondiElimina
  13. è l'unica alegria per N. Valentini e famiglia, può continuare a dire fesserie, per me non è un problema.
    Ma mettiti a lavorare incapace!!!

    RispondiElimina
  14. Al pescarese (finto). Lo sai cosa significa IPOCRISIA. Vai al dizionario, e rifletti sulla data del 1° maggio e sui lavoratori della SMI.

    RispondiElimina
  15. Caro pescareso, non è che sei pagato tu per contrastare l'apertura di un azienda a Mafalda? mica è detto che solo in pochi hanno l'interesse per farla aprire, vale anche per chi non la vuole far aprire. Sempre poche persone nel sedere dei lavoratori.

    RispondiElimina
  16. Anonimo delle 13:26, il significato del termine faresti meglio a spiegarlo a quelli del Pd...
    Anonimo delle 13:40, non ho capito cosa vuoi dire, spiegati meglio, please!

    RispondiElimina
  17. Non Abbassiamo La guardia6 maggio 2010 19:23

    Leggete e inorridite...

    http://lnx.ddupload.net/nuovomolise.net/upload/5345.pdf

    RispondiElimina
  18. non abbassiamo la guardia, non va con la macchina perchè consuma petrolio, non beve perchè non vuole buttare la bottiglia di vetro, la casa è freddissima d'inverno perchè non vuole pruciare legna per il co2 e sopratutto non connosce il metano, inoltre va nudo perche i filati di lana vengono dalle pecore ammazzate. Quando sta male non prende le medicine perchè prodotte dalle aziende chimiche. CHE LAVORO FARA? guarderà il sole perchè il progresso inquina (TUTTO).
    Allora cosa facciamo? DEVE TORNARE LA FAME

    RispondiElimina
  19. Certo che l'ignoranza regna sovrana a Mafalda! Scusatemi, ma stavolta devo proprio dirvelo...mi spiegate cosa c'entrano le normali azioni quotidiane, come mangiare, vestirsi, muoversi con l'auto, con lo scempio del territorio che si vuole fare in Molise, con le varie centrali a biomasse, turbogas e nucleari? Si cerca di far passare almeno un paio di messaggi sbagliato: che chi, a Mafalda, è contro la centrale è contro il progresso e che per questo non è coerente perché vive inquinando. Le cose non stanno così e solo persone stupide o meschine possono affermare certe cose. E poi basta con la storia dei giovani mafaldesi ubriaconi e fumatori: gli altri, i giovani che vogliono il "progresso" sono per caso degli esempi da imitare?

    RispondiElimina
  20. In merito all'articolo del Nuovo Molise
    Siamo all'assurdo, si fa confusione tra depuratori anaerobici, che producono biogas, ed inceneritori.
    Poi l'agronomo è sicuramente tardo perché tutti sanno che il mais ed il sorgo non crescono contemporaneamente e, nel caso in esame, probabilmente si applica la rotazione delle colture sullo stesso terreno che darà 3 raccolti all'anno.
    Inoltre l'assurdo degli assurdi è vietare la depurazione e valorizzazione energetica dei reflui di origine animale che ci sono indipendentemente dalla realizzazione dell'impianto e che vanno comunque depurati.
    Poi quel cretino che ha scritto l'articolo come può scrivere - "Visti i numeri e le ambizioni del progetto, il dubbio è più che legittimo:
    e se si trattasse di un inceneritore travestito
    da centrale energetica con "fonti rinnovabili"?"
    Ma vi sembra identico il progetto? Tutti hanno visto quello proposto per Mafalda, era estremamente diverso.
    Caro Michele Mignogna: cambia lavoro!

    RispondiElimina
  21. Io credo invece che, al di là delle questioni "tecniche" di cui parli, il progetto abbia lo stesso identico fine di quello di Mafalda: far arricchire poche persone, senza curarsi del resto...e tutt'e due sarebbero andati a finire nella medesima direzione, diventando inceneritori...

    RispondiElimina
  22. Posso capire che l'arricchimento di persone, in un paese cattolico dove chi predica la povertà è il più grosso possidente immobiliare, sia intrinsecamente un male ma devo ricordare ai miei concittadini che il meccanismo dei certificati verdi prevede che a pagare siano coloro che inquinano e che, proprio per questo, sono vincolati all'acquisto di un determinato numero di certificati dipendente dalla quantità di emissioni prodotte.
    Quindi per ogni società che si arricchisce con questi impianti ce n'è un'altra che si impoverisce in ragione della sua poca sostenibilità ambientale.

    RispondiElimina
  23. ma il sindaco di Larino e amico di Valentini?

    http://www.primonumero.it/attualita/primopiano/articolo.php?id=6694

    RispondiElimina
  24. Anonimo delle 10:24, la questione principale della nostra battaglia contro la centrale a biomasse è che non la vogliamo proprio perché inquina! Quindi non ci interessa per niente che la società che vuole realizzarla pagherebbe l'indennizzo per il danno che andrebbe a recare.
    Dopo un anno e mezzo dovresti averlo capito...

    RispondiElimina
  25. Caro Alessandro, non hai afferrato la faccenda: la biomasse di Mafalda avrebbe maturato certificati verdi che avrebbe potuto vendere a chi inquina in quanto le biomasse sono considerate fonti di energia rinnovabili.
    Ad ogni modo non volevo parlare della nostra sventata centrale ma di quella dell'articolo che è tutt'altro: lì si produce biogas (principalmente costituito da metano) dalla fermentazione di materiale putrescibile da noi volevano realizzare un impianto per bruciare biomassa. Volevo solo rilevare come il giornalista (se così possiamo chiamarlo) sia prevenuto e ami fare casino solo stimolando il sospetto e la diffidenza senza avere capito un cazzo di ciò di cui parla.

    RispondiElimina
  26. Caro Alessandro, non ti devi incazzare, devi solo capire che il comune di mafalda è imbottigliato.
    La dafin ha l'autorizzazione e anche se ci sta questo ricorso pendente, e imparate a leggerlo e ad interpretarlo, o altrimenti fatevi aiutare, si evince che la colpa per il 99 per cento è a carico del comune.
    Quindi è ovvio che il comune dovrà far fronte in primis al rimborso di ciò che ha preso, ed in secondo ad un procedimento di rimborso per i danni.
    Spero di essere stato chiaro!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  27. attenzione attenzione attenzione:
    se avete bisogno di consuletni specializzati in materia di produzione di energia dovete recarvi nel molise e precisamente a mafalda, ci stanno dei grandi professori.
    E quelli di sinistra sono ancora più bravi.
    Non capiscono un cazzo!!!

    RispondiElimina
  28. colpa del comune??? certo, colpa dell'EX COMUNE, QUINDI SARA' L'EX MORTA DEFUNTA AMMINISTRAZIONE A PAGARE, CAPITOOOOOOO???

    RispondiElimina
  29. Dalla lettura dell'articolo uscito su Nuovo Molise, a me pare che la situazione di Larino non sia poi troppo diversa da quella che c'era a Mafalda, a prescindere da cosa avrebbe dovuto alimentare (sulla carta!) la centrale.
    Ma spiegatemi cos'è questa storia dei certificati verdi che il comune avrebbe potuto rivendere a chi inquina: questa mi giunge nuova! Non la ritengo plausibile per niente e, anche se fosse vera, continuate a non capire che non siamo interessati ai soldi provenienti da risarcimenti per l'inquinamento.
    Anonimo delle 17:40, la lettura attenta della sentenza la consiglio vivamente anche a te...

    RispondiElimina
  30. Caro delle 18,23
    amministrazione vecchia, amministrazione nuova, è possibile che sei talmente tonto?
    Il comune ha preso degli impegni che deve rispettare. Se non li rispetta deve rimborsare ciò che ha preso in primo luogo.
    in secondo luogo deve pagare i danni qualora verranno richiesti, in quanto ha preso degli impegni a sostenere il progetto, cosa che non sta facendo.
    Spero che stamattina al fresco riesci a capire.

    RispondiElimina
  31. E se invece facessimo pagare chi ha preso gli impegni di cui parli? Visto che ci tieni tanto a che qualcuno paghi le conseguenze, non ti sembra più giusto che tocchi agli irresponsabili che ci hanno cacciato in questa situazione?

    RispondiElimina
  32. Chi ha creato questa situazione erano degli amministratori e come tali hanno le loro responsabilità. E se hanno commesso reato dovranno rispondere di proprio.
    Adesso ritengo che gli amministratori attuali stanno commettendo ed hanno commesso delle irregolarità in quanto stanno disattentendo un contratto.
    Quindi sono passibili anche di denuncia alla corte dei conti, in quanto non rispettando un contratto lecitamente fatto ed approvato in Consiglio Comunale, fino a prova contraria, stanno facendo un danno alla collettività.
    Su questo non so ancora se i consiglieri comunali ne sono coscienti. Quindi sarebbe opportuno, e questo l'ho già detto altre volte, che il Sindaco cerchi di risolvere, per il bene di tutti la questione.
    In alternativa è meglio che si dimetta perchè rischia di portare il comune di Mafalda in un avicenda legale senza fine. E con i chiari di luna che c sono non penso convenga.

    RispondiElimina
  33. RAGAZZI SPEGNETE I COMPIUTER ED ACCENDETE LE CANDELE SOPRATUTTO AL PESCARESE, LA MAGGIORE ENERGIA ELETTRICA OGGI VIENE DAGLI IDROCARBURI. LE FONTI RINNOVABILI AL PESSCARESE NON SI DEVONO FARE IN QUALSIASI MODO SPECIALMENTE SE PROVIENE DAI PRODOTTI ABRICOLI. Altro che non centra niente le attività quotidiane, e stupido e meschino sei solo tu non noi Mafaldesi. Sei la classica persona egoista, ma sopratutto ambientalista per gli altri non per te. Deve arrivare la fame per capire cosa dici, e non che trovi il piatto pronto di papà quando torni a casa e dopo a pancia piena ti diverti a giocare su cose importantoi per il nostro futuro.

    RispondiElimina
  34. Una ditta che ha un progetto e lo propone ad un amministrazione, non c'entra niente con le battaglie politiche. L'attuale amministrazione si trova in un dilemma bello è forte. L'errore più grande che può fare è quello dello scontro legale, sicuramente ci rimetteranno tutti le ossa. Invece deve contattare la Dafin capire cosa volevono fare, studiare insieme alla cittadinanza se andava bene se modificare il progetto o se non va assolutamente bene cercare il modo di trattare l'allontanamento da Mafalda con la restituzione dei soldi anticipati anche a rate o in altri modi con il quale l'amministrazione attuale non faccia danni alla ns comunità.

    RispondiElimina
  35. Da quando Mafalda è diventata terra di esperti di diritto (l'anonimo delle 08:53), di moralisti (l'anonimo delle 09:37) e di brillanti politici (l'anonimo delle 09:51)? Ma fatemi il piacere!
    Non sapete più come difendervi e vi arrampicate sugli specchi in modo ridicolo...
    Primo anonimo, forse vieni da un altro pianeta in cui le sentenze dei tribunali non contano. Qua da noi c'è un tribunale amministrativo che ha annullato le delibere comunali che avrebbero permesso l'inizio dei lavori per costruire la centrale, quindi la centrale non si farà perché le sentenze si rispettano. Secondo te perché i lavori non sono mai iniziati? Perché si aspettava la sentenza. (Spero che ora non negherai l'evidenza dicendo che i lavori sono iniziati.) Poi parli di danno alla collettività...danno alla collettività???!!! Il danno alla collettività lo stava facendo la vecchia amministrazione!
    Secondo anonimo, inizia a far pace col tuo cervello e con l'italiano prima di parlare: quando saprai fare un discorso chiaro che segua un filo logico sarò in grado di risponderti.
    Terzo anonimo, adesso parli di dialogo tra Dafin, amministrazione e cittadinanza? Il dialogo doveva esserci nella fase iniziale del progetto, ma è stato evitato e tutti conosciamo il perché. L'unica cosa che può fare questa azienda è alzare i tacchi e tornarsene da dove è venuta!

    RispondiElimina
  36. pescarese sei proprio un emrito ignorante. e meno male che dici agli altri.
    L'autorizzazione è stata rilasciata dalla regione dopo una conferenza dei servizi.
    I pareri di tutti gli enti ha permesso ciò
    Il comune se ha sbagliato il suo parere paga.
    Se dopo devono pagare gli amministratori in prima persona si andrà a vedere. Bisogna vedere se il consiglio comunale ha approvato delle cose illecite e ritengo di no.
    Mentre ritengo che gli attuali amministratori stanno commettendo delgi errori in prima persona, in quanto pur sapendo che ci sta una convenzione che li impegna a portare avanti un progetto sta facendo il contrario.
    Inoltre bisogna innanzitutto mettere mani alla cassa del del comune per rimborsare quanto già prelevato e poi si vedrà!!!
    spero di essere stato chiaro.

    RispondiElimina
  37. Forse pescarese tu hai studiato più di me (alle spalle di papà) ed oggi sei il classico professore delle che non serve a nessuno. Tu non vali niente come persona e come ragioni, quello che dici a questo blog serve solo ad istigare e non a risolvere i nostri problemi. Non Hai risposto comunque, ma hai solo offeso, perchè ti ho colpito ed affondato. I tuoi pensieri tieniteli per tè perchè noiu no ti ascoltiamo. Anche io sono contrario a certe imposizioni e certi impianti, ma non sono distruttivo totalista come te. Sei un egoista ed ambientalista a casa degli alttri, non ci servi e le tue offese a noi mafaldesi non ci pesano per niente, perchè è detto da una persona che non vale nulla in questa società civile. Anche se non scritto come ti piace, spero che comprendi il concetto, altrimenti fai meglio a tacere ed a leggere i libri alle spalle di papà.

    RispondiElimina
  38. Io dico una cosa e voi rispondete con un'altra: con voi non c'è possibilità di dialogo. Ho detto che il Tar ha annullato ogni "autorizzazione" e tu continui a dire che "L'autorizzazione è stata rilasciata dalla regione dopo una conferenza dei servizi. I pareri di tutti gli enti ha permesso ciò", quindi dimostri che stai leggendo solo superficialmente quello che ti voglio dire.
    L'altro dice che non ho risposto alle sue parole, ma non vedo nessuna domanda tra le sue affermazioni.
    Parlare con voi non ha senso, è tempo sprecato. Avete ragione, pagheremo tutti, l'amministrazione di adesso è fatta di incompetenti, quelli di prima sì che erano persone in gamba, la biomasse fa bene e porta soldi e perciò si farà. Contenti?
    Staremo a vedere...

    RispondiElimina
  39. Caro pescarese, io non ti ho fatto domande, ti ho detto cosa sei. Non hai risposto solo perchè è la realtà. Sopratutto non hai risposto, perhè i vigliacchi, non sono capace di affrontare i problemi. Sei la peggiore specie di individui che sta affossando l'Italia. Quando stai mangiando rifletti su cosa ti ho detto e vergognati di mangiare. Anzi questa sera quando ti attacchi alla bottiglia e dopo eventualmente fumato, fai un'altra cosa, piangiti addosso. Le persone come te non servono a Mafalda, sei un nullafacente a scrocco della società civile che lavora. Hai ragione su una cosa,è tempo sprecato parlare con noi, perchè sei un NULLO.

    RispondiElimina
  40. PERDO LA JAGUAR8 maggio 2010 18:11

    Cari amici, posso chiedervi una cortesia? guardate l'ultima QUATTRO RUOTE, e guardate cuanto è il prezzo della JAGUAR.
    ah ah ah, Ma quando finite di suporre chi paga chi non paga?, è MOLTO CHIARO CHI PAGHERà, SI VEDE DA LONTANO, VOI NON VOLETE VEDERE E NON SIETE CAPACI.
    JAGUAR CLUB ITALIA

    RispondiElimina
  41. PERDO LA JAGUAR8 maggio 2010 18:18

    Si accettano oferte per la Jaguar da questo momento.
    JAGUAR CLUB ITALIA

    RispondiElimina
  42. cuanto con la q. Tu puoi andare solo con la bicicletta.

    RispondiElimina
  43. uelà pescarese.......ti hanno detto la verità finalmente.....
    state solo facendo danni andate a lavorare.....e se non avete trovato un lavoro andate a raccogliere asparagi e pietre...tanto solo quello si può fare a mafalda

    RispondiElimina
  44. Ma che Jaguar? Mercedes!!!!

    RispondiElimina
  45. ci va bene anche una ferrari, lamborghini o maserati....

    RispondiElimina
  46. Hai ragione: basta che sia chi diciamo noi ad offrirlo in beneficenza...visto tutto il bene che ha fatto alla nostra comunità...

    RispondiElimina
  47. lasciate in pace il mio caro amico onniscente PESCARESE! ahahaha hanno ragione: ritirati! siano lodati i commenti degli anonimi del 07 maggio 2010 17.38,dell' 08 maggio 2010 07.35,del 08 maggio 2010 08.53 e ovviamente tutti quelli contro il mio amico PESCARESE..

    RispondiElimina
  48. Anonimo 17, menomale che ci sei tu: come faremmo senza te?!
    Io non vi piaccio perché vi dico le cose come stanno realmente e la verità vi dà fastidio...
    Continuate pure ad insultare, sono onorato di non piacere a quelli come voi!

    RispondiElimina
  49. No tu non ci piaci perchè sei un fannullone, che sicuramente nella vita fino ad oggi non ha combinato niente di buono, ed hai solo offeso i mafaldesi ed istigato tutti alla rissa per fare come te, cioè niente. Stai a tutte le ore sul blog, sarà il tuo mestiere pagato da qualcuno forse. Trovati un lavoro.

    RispondiElimina
  50. ti sbagli, l'unico posto dove ci stigano tutti alla rissa è il consiglio, nel blog , stupidaggini a tutte le ore, cioè niente di nuovo, nessuna proposta.
    Va avanti cosi Mafalda?

    RispondiElimina
  51. nel consiglio ci sono gli eletti dal popolo che rappresentano la cittadinanza. Li si fanno proposte, discussioni e si decide cosa fare. I consiglieri possono prendere qualche spunto dal blog, le nostre discussioni se lo ritengono valide o meno. qui non si possono fare proposte valide credo ma si esprime le proprie valutazioni personali, tranne gli imbecilli che si divertono. Poi se qualcuno li porta in consiglio sarebbe una cosa democratica. Ma hai ragione, questa storia è nata male, ed ha diviso il paese in modo profondo. Un peccato, non si affrontano così i problemi, il consiglio dovrebbe ragionare in modo diverso ed affrontare il problema non come si fa qui. Mafalda col muro contro muro subirà solo danni.

    RispondiElimina
  52. io credo che i consiglieri sono attenti al blog, voglio dire possono ascoltare le proposte, questo già è un passo avanti, altrimenti non vedo come i cittadini possono colaborare se non è attraverso il blog, ma bisogna lasciare perdere, come dici tu agli imbecilli che si divertono.

    RispondiElimina
  53. Mahh ho i miei dubbi, c'è troppa litigiosità, e ripeto tutto è partito in modo sbagliato. Però penso che si sta sbaglliando anche adesso. Io per esempio ho votato per questa amministrazione, e quando mi incontro con qualche consigliere di maggioranza, e si parla della centrale, non mi esprimo, in quando non è possibile confrontarsi sul problema in modo sereno. La cosa certa è che continuando la battaglia solo legalmente, ho paura che ci saranno comunque tanti problemi in futuro, anche se vinciamo l'eventuale ricorso al consiglio di stato. Il problema è grande per la ns comunità, ma non credo che si affronti come si sta facendo adesso, specialmente come si vede in consiglio comunale.comunque ho fiducia in questa amministrazione che troverà sicuramente un modo per tirarci fuori da questa situazione in modo diverso di quanto leggiamo da certi personaggi in questo blog.(spero)

    RispondiElimina
  54. Ma che volete, che i problemi del paese ve li risolvano i GM dal blog?

    RispondiElimina
  55. Anonimo delle 17:25, non ti piaccio ma mi copi le battute: leggi il mio commento del 2 maggio alle 17:23...un po' mi ammiri, dai, ammettilo!

    RispondiElimina
  56. no, non vogliamo che i ragazzi GM risolvano i problemi del paese, vogliamo che la gente si esprima nel senso di dare un contributo, non soltanto a criticare o divertirsi dicendo male al resto.
    Chiediamo una 'tregua', 'momento di calma', almeno fino alle prossime elezioni, FACIAMO FINTA CHE SIAMO TUTTI AMICI E ABBIAMO DELLE COSE IN COMUNE, SIETE D'ACCORDO?

    RispondiElimina
  57. Mi pare che il nostro piccolo contributo al paese lo abbiamo dato...e che abbiamo sempre cercato il confronto e non lo scontro. Non siamo stati noi ad alzare i toni e non abbiamo bisogno di fingere di essere amici di tutti perché lo siamo già!

    RispondiElimina
  58. Madonna mia che strazio........mancano le lacrime adesso...........
    ma fatemi il favore. cercate di risolvere i problemi e non di peggiorare la situazione.
    Sindaco, amici del sindaco, amici di merenda, avete deciso come aiutare a risolvere i problemi del nostro piccolo comune????
    ci state mandando alla fossa , tutti quanti, voi compresi, pur di salvare le esigenze gli interessi di solo qualche persona.

    RispondiElimina
  59. Alessandro, scusa il ritardo della mia risposta.
    I certificati verdi, così come stabilito dal protocollo di Kyoto, si fondano sul principio del "chi inquina paga".
    Funzionano così: chi produce energia da fonte rinnovabile ne matura 1 ogni MWh di produzione ed alla fine dell'anno lo mette all'asta. Chi partecipa all'asta? All'asta partecipano le aziende come SNAM o Sorgenia che producono energia elettrica da fonti fossili come il ciclo combinato di Termoli.
    Ora, tanto per fare il punto della situazione, la nostra ormai ex-biomasse, se fosse entrata in funzione, avrebbe maturato certificati verdi che avrebbe potuto mettere all'asta.
    Non ricordo quanta energia avrebbe prodotto annualmente ma, come si può vedere dal sito http://www.mercatoelettrico.org/En/Default.aspx,l'anno scorso i certificati sono stati venduti ad 88,4 €/MWh. Fateli voi i conti che io non ho memoria, ricordo solo che di tutti questi soldi il comune avrebbe preso una certa percentuale che purtroppo non ricordo.
    Cortesemente chiedo a qualcuno con più memoria del sottoscritto di rifare i conti: qui si continua a battibeccare su cavolate e sulla base di appartenenze politiche ma forse si è persa la consapevolezza di quelli che sono i numeri e di ciò che abbiamo perso.

    RispondiElimina
  60. se rifacciamo i conti, e cioè, se ci mettiamo soltanto a pensare ai soldi come molte persone in questo paese fanno(tanto per essere più chiari)forse sarebbe meglio costruire la centrale nucleare.... non trovi?
    Speriamo che prima o poi la fate finita con questa storia ridicola

    RispondiElimina
  61. Soldi: sterco del demonio!
    Ma poi se non ci sono i servizi ci si incazza!
    Previdenza, scuola, sanità, pubblica amministrazione ecc.
    Poi adesso? i vostri cugini in camicia verde spingono per il federalismo fiscale, cosa rimane a Mafalda, cosa rimane al Molise da dove li tiriamo fuori i soldi? Faranno anche schifo ma da qualche parte devono venire sennò si emigra tutti di nuovo.
    Intendiamoci, disprezzo il PD quasi quanto il PDL ma a certe cose è ora di pensarci.

    RispondiElimina
  62. Oramai è fatta, la centrale a biomasse non si farà più a Mafalda.Cosa può fare questa amministrazione, visto che c'è una sentenza chiara? niente.Potrebbe valutare un altro progetto da zero con la DAFIN visto che voleva investire su questa zona?

    RispondiElimina
  63. Occhio che c'è ancora il Consiglio di Stato e la sentenza così chiara non la definirei...

    RispondiElimina
  64. Anonimo che ti rivolgi a me, inizio la mia risposta ricordandoti che il mio no non è stato dettato da appartenenze politiche (i miei amici sostenitori della centrale te lo potranno confermare); credo, inoltre, che tanta altra gente abbia fatto le mie stesse considerazioni, esprimendo col voto la propria contrarietà al Progetto più che la propria appartenenza politica.
    In ogni caso, il punto del nostro discorso è un altro. Tu sostieni che i soldi che sarebbero stati pagati come prezzo per l'inquinamento (ammesso che questi soldi sarebbero stati destinati al comune) valgono di più della qualità della vita. Io dico esattamente il contrario, che nessuna somma potrà ripagare un ambiente rovinato.
    Ed aggiungo: possibile che nel 2010 l'unica idea di sviluppo che hanno le nostre classi politiche sia quella di produrre energia a tutti i costi (e penso alla "nostra" centrale a biomasse, a quella che vogliono fare a Larino, alla turbogas, al progetto di nucleare a Termoli)? Non c'è alternativa?
    Per l'anonimo delle 13:32, la Dafin voleva investire nel nostro paese per realizzare proprio quel progetto; se ne avesse avuto altri li avrebbe già proposti, non trovi?

    RispondiElimina
  65. Alessandro, rispetto la tua contrarietà al progetto ma qui si deve fare chiarezza.
    I certificati verdi sono nati per incentivare le aziende che contribuiscono alla riduzione delle emissioni serra a discapito di chi aggrava la situazione. La biomasse, utilizzando fonti rinnovabili, contribuiva alla riduzione dell'effetto serra. Non si produce certo più energia di quella che serve, se si fa una centrale a biomasse qualche altra centrale a combustibili fossili produrrà meno.
    Sul fatto dell'inquinamento abbiamo idee diverse, bruciare legno non è esattamente come bruciare rifiuti plastici (fonte fossile). Possono venire i professori che vogliono ma la vita mi insegna che sul legno posso cuocere rosticini mentre sui pneumatici no.
    Poi cerchiamo di non fare confusione tra le varie tecnologie: la biomasse avrebbe bruciato vinaccia e legno, l'impianto di Larino è sostanzialmente un depuratore e produce biogas (praticamente metano), il turbogas brucia metano da fonte fossile sul nucleare non mi soffermo nemmeno.
    Per quel che riguarda l'appartenenza politica mi scuso ma su questo blog ogni cosa assume un taglio di quel tipo.
    Possiamo non essere d'accordo ma qui sono in ballo questioni tecniche e non politiche. Non saremo tanto ferrati in materia ma la rete offre l'opportunità di studiare un po'.
    Cordialmente.

    RispondiElimina
  66. Ad Alessandro, la DAFIN mi risulta abbia acquistato il sito della SMI, se non si fa la centrale, cosa ci faranno? non possiamo far finta di niente. Una volta che il consiglio di stato si pronuncerà contro, cosa rimane una cattredale nel deserto? che sviluppo avrà la nostra zona produttiva? è sempre un impresa che voleva venire ad investire da noi, comunque non va demonizzata secondo me, ma va incontrata per capire cosa si può fare. Se poi c'è la prepotenza, allora si continua solo con lo scontro legale.

    RispondiElimina
  67. la prepotenza è venuta proprio da quella parte, non facciamo finta di niente!

    RispondiElimina
  68. non è vero dafin..... non ha fatto nessuna prepotenza. Forse l'amministrazione passata....

    RispondiElimina
  69. viva dafin, abbasso l'amministrazione passata! URRAAAAAAA

    RispondiElimina
  70. Ci puoi spiegare meglio anonimo delle 16,53

    RispondiElimina
  71. finalmente cominciamo a parlare con un po di RISPETTO, URRAAAAAAAA!!!!!!, chiedo al'anonimo delle 8.10 di riflettere prima di continuare a dare la culpa agli altri, o forze da e dare qualche proposta adesso che e tornata la democrazia e la libertà di espressione e è possibile parlare dei problemi del paese.

    RispondiElimina
  72. Ma a che punto siamo arrivati!11 maggio 2010 19:56

    Dafin Santa subito!!!

    RispondiElimina
  73. NON SAPEVO CHE L'ART.41 DELLA COSTITUZIONE ERA RIFERITO AI DELINQUENTI A MAFALDA (MENOMALE SOLO PER QUALCHE ESTREMISTA)

    RispondiElimina
  74. 11/05/10 - ACCORDO CON MACCAFERRI PER BIOMASSE, SODDISFATTA COLDIRETTI

    La Coldiretti Molise ha accolto con favore l’accordo tra il gruppo Maccaferri e la Coldiretti nazionale per la produzione di energia elettrica da fonti vegetali. L’accordo è stato ratificato dal presidente della Coldiretti, Sergio Marini, e il presidente del gruppo industriale Maccaferri, Gaetano Maccaferri, per lo sviluppo della filiera agro energetica italiana. L’accordo, che vedrà coinvolti gli agricoltori e le strutture associate nonché le società dedicate del Gruppo Maccaferri presenti sul territorio nazionale, consentirà di avviare le filiere agro energetiche per la produzione di energia da fonte rinnovabile mediante l’impiego di biomasse agricole.
    «L’obiettivo – ha spiegato il presidente regionale della Coldiretti, Amodio De Angelis - è quello di garantire tutela e un’adeguata remunerazione dei prodotti agricoli nonché la riduzione degli impatti ambientali e sociali anche con la realizzazione di una filiera energetica tutta italiana a forte coinvolgimento agricolo».
    «Questo tipo di energia – ha precisato il direttore regionale della Coldiretti, Angelo Milo – consiste nella produzione di biodisel che si ottiene servendosi di semi di girasoli, già coltivati in vaste aree del basso Molise».
    «La produzione e l’uso di questo ‘nuovo’ tipo di carburante – ha sottolineato il presidente De Angelis – costituisce un elemento estremamente positivo, sia per i produttori di girasoli che per l’ambiente, e fornisce un ulteriore tassello al progetto della Coldiretti di creare una filiera non solo agroalimentare ma anche energetica tutta italiana».

    RispondiElimina
  75. all'anonimo dell'11 maggio ore 20,28, leggiti anche lart.43 della costituzione.

    RispondiElimina
  76. http://www.cpl.it/prodotti_e_servizi/fonti_rinnovabili

    buona notte a tutti

    RispondiElimina
  77. THIS BLOG IS CLOSED

    RispondiElimina
  78. Perche' il sig, Maccaferri non la fa a Ravenna la produzione di energia elettrica? Il busines e' dovunque iniziando dalla sanita' che e' quello piu' vomitevole andando avanti vengono le centrali dove c'e' un giro di miliardi da spavento. Oggi il mondo va cosi', non si fanno cose per dare lavoro ma per diventare potenti o meglio onnipotenti.Le informazini a riguard ci sono basta informarsi purtroppo si da' ragione solo al politico di turno per un tornaconto personale. Questo e' immorale e, purtroppo, la moralita', oggi, trova il posto ch trova. Dico solo che se io dovessi mangiare acettando lavori poco puliti o peggio da personaggi anbigui, piuttosto mngio pane e cipolla e mi affido a qualcuno che sa muovere i fili meglio di noi poveri terreni. Il lavoro onesto uno se lo cerca lo trova. non facciamo sempre le vittime dicendo ch non si riesce a trovare lavoro e che attraverso le biomasse diventiamo ricchi perche' questo e' il progresso. Balle e lo sapete tutti. M.R.M.

    RispondiElimina
  79. hai notato che le aziende vanno via dall'italia? un motivo è quello che hai espresso TU. Quindi seguendo te si mangerà pane e cipolla. Dovresti essere contento se una regione cerca di attrarre aziende per portare risorse economiche al territorio e non farle scappare.

    RispondiElimina
  80. BLOG CLOSED. YOU UNDERSTAND ?

    RispondiElimina
  81. Il blog è aperto...

    RispondiElimina
  82. Faccio un ennesimo appello ai sedicenti "elettori di sinistra" di Mafalda perché mi contattino...

    RispondiElimina
  83. Impara l'inglese!

    RispondiElimina
  84. Abbasso la dafin e abbasso l'ex amministrazione!
    THIS ADMINISTRATION IS CLOSEDDDDDDD!

    RispondiElimina
  85. THIS BLOG IS FINISHED

    RispondiElimina
  86. Stai migliorando con l'inglese...comunque quello finito sei tu!!!

    RispondiElimina
  87. riflessione della notte:
    viviamo in un paese terribile. La cattiveria regna su ogni aspetto della vita sociale del paese. Uomini contro Uomini. Giovani che un tempo dividevano un sogno, compagni di squadra, ora, avversi, incapaci di guardare l'aspetto più bello della vita: la fratellanza! Il tempo passa e nessuno ci riporterà indietro quegli attimi in cui potevamo guardare insieme verso la stessa direzione..stiamo segnando gli anni più brutti della nostra storia locale. Droga, malattia, dispiaceri di ogni tipo hanno soffocato di singhiozzi il respiro di Mafalda negli ultimi anni..ma la gente sembra non accorgersi di nulla di quello che succede aldilà della vetrina del bar! Non c'è tempo per odiarsi e poi pentirsi, non ne abbiamo molto! Dove sono le feste? Dove sono i balli spensierati al Colle Renazzo? Dove sono le corse in bicicletta? Le scampagnate e tutto il resto? Sembra esserci tutto di quello che ho appena detto ma le emozioni che un tempo suscitavano tutte queste cose così banali non ci sono più! Quelli che al mattino sono gli amici, la sera sono pronti a darti le spalle..e in tutto ciò la politica è stata l'unica responsabile!
    Mafalda può tornare a volare e il mafaldese sa che dall'alto si vede tutto più chiaro..
    buonanotte Paese mio..

    RispondiElimina
  88. Ma quando esce il prossimo numero di MenteLocale???

    RispondiElimina
  89. il pescarese ATTIZZ SEMBR LU FOC!!!!

    RispondiElimina
  90. Da La Repubblica di oggi...
    Un vitalizio per tutti i politici
    la proposta c'è, e va avanti...
    Pensione di fine carriera non solo per i parlamentari, si costruisce una legge. Parte dal Pd ma il Pdl è d'accordo Perché solo i parlamentari devono godere di un vitalizio? Perché un politico la cui carriera non ha bucato il diaframma comunale, deve restare - a fine mandato - senza più un euro in tasca?
    Con questa preoccupazione tre deputati del Partito democratico, Maria Luisa Gnecchi, Oriano Giovannelli e Lucia Condurelli, hanno affrontato la questione della quiescenza dei politici senza altra passione che la politica. Coloro che, rimanendo esclusi dal consiglio comunale, si troverebbero a spasso, senza un soldo e uno straccio di impiego.

    Finora lo Stato si sostituisce al datore di lavoro nella contribuzione previdenziale del dipendente chiamato a rappresentare i cittadini. E paga anche le spese forfettarie dei lavoratori autonomi divenuti assessori o sindaci. Ma chi non ha mai conosciuto un ufficio né una fabbrica, chi si è solo appassionato di politica, e con la politica ha campato per l'intera vita, il destino di un miserabile tramonto verso il nulla è oggi assicurato. Questa preoccupazione ha condotto i tre parlamentari, tutti residenti a nord di Roma (la Gnecchi è di Bolzano, Giovannelli di Urbino, Codurelli di Sondrio) ad avanzare la proposta di legge numero 2875/09. "Per una ragione di equità", hanno scritto nell'unico articolo del testo che sta per essere licenziato dalla commissione Lavoro.

    Equità e giustizia. Dare una pensione al sindaco, all'assessore di un paese, al presidente della comunità montana, e anche al presidente della circoscrizione, raggiungerebbe il doppio obiettivo di rendere meno faticoso l'ingresso nella comunità e soprattutto dare ai colleghi che hanno avuto meno fortuna in carriera quel giusto ristoro di tanto sacrificio.

    In effetti i parlamentari, con o senza lavoro, godono di un vitalizio, della pensioncina che poi diventa anche robusta, e persino di una buonuscita - quando dovessero dismettere la funzione - per reinventarsi una lavoro. La buonuscita si chima infatti "indennità di reinserimento". Clemente Mastella, per esempio, quando ha chiuso con la Camera dei deputati ha ottenuto un bonus di alcune decine di migliaia di euro per poter affrontare dignitosamente un nuovo inizio. Poi, vero, ha cambiato idea e l'anno di disoccupazione e il bonus conseguito sono serviti nella preparazione dell'unico lavoro a lui congeniale: la politica. Si è candidato e ha ottenuto un seggio all'europarlamento. Armando Cossutta oggi è uno dei tanti felici e ricchi pensionati. Ma i sindaci? E i piccoli assessori rimasti per la vita intera in un assessorato? Chi ci pensa?

    Ecco, oggi sappiamo chi. Dunque, anche i politici delle categorie minori, altrimenti senza alcun altra arte, hanno diritto alla pensioncina. Contribuendo così a dare un senso previdenziale alla teoria dalemiana della superiorità dei professionisti della politica, ancorché ai rami bassi della carriera. La proposta ha fatto breccia anche nel cuore del Popolo della libertà. "Se ne può discutere", ha risposto ai colleghi l'onorevole Pelino. "Però capiamo bene come andare avanti". La Gnecchi, soddisfatta: "Garantisco un atteggiamento costruttivo del Pd". Il presidente della commissione, Silvano Moffa, ha ceduto il passo alla ragioneria generale dello Stato: "Bisogna conoscere il costo della misura". I ragionieri hanno fatto i conti, circa quaranta milioni di euro e, sommessamente, hanno avanzato un'obiezione: "forse è un privilegio".

    Obiezione accantonata e percorso quasi ultimato. "Cose da non credere" ha esclamato Antonio Borghesi, deputato dell'Italia dei Valori, "è l'ultima follia della Casta".

    W il PD!

    RispondiElimina
  91. ciao anonimo del 16 maggio 23,48 ma che vuoi dire con:
    "il mafaldese sa che dall'alto si vede tutto più chiaro"?? Grazie

    RispondiElimina
  92. Ciao anonimo del 16 maggio 23,48,ma che vuoi dire con "il mafaldese sa che dall'alto si vede tutto più chiaro"??? grazie

    RispondiElimina
  93. Caro anonimo compaesano delle 23,48 del 16 maggio,voglio dirti che condivido le tue amare riflessioni e avrei preferito rivolgermi a te chiamandoti per nome e darti la possibilità di fare altrettanto con me. Purtroppo neanche questo è possibile fare nel nostro paese a meno che non si accetti di farsi “linciare” da deboli e faziosi“ULTRAS” di partito che con il plauso dei “CAPI” e al riparo dall’anonimato scaricano con violenza le più cattive delle offese su chi non si adegua, chi si permette di PENSARE ed avere opinioni divergenti dalle maggioranze. Questa è la “nuova era democratica”, il Rinascimento mafaldese, la Democrazia tanto acclamata tornata nel nostro paese dopo il periodo di ”tirannia”. Concordo con le tue riflessioni,”non c’è tempo per odiarsi e poi pentirsi” Purtroppo questa è la Mafalda ad un anno dall’insediamento della nuova amministrazione che a PAROLE si dice a favore di una politica che miri a ristabilire armonia,serenità, che guardi a valori quali:la dignità della persona,la verità,la giustizia,la libertà,il bene,la solidarietà, la sussidiarietà, la responsabilità,la coerenza,e la legalità. L’auspicio è che faccia seguire alle parole i fatti(che in questo primo anno sono andati in direzione opposta) e che anche queste riflessioni servano da stimolo in modo che il nostro paese possa tornare a volare come tu dici.

    RispondiElimina
  94. Io soltanto farei una domanda, a Egidio e ai Cosiglieri tanto della maggioranza come della minoranza...perche ancora sono iluso e ho speranza...ma ho il dubbio...e non ancora si può intervenire in consiglio per domandare...
    VOLETE O NON VOLETE LA PACE NEL PAESE? SIETE DISPONIBILI A FARE DEGLI SFORZI O NON SIETE?, PERCHE ALTRIMENTI MAFALDA SE NE VA A FA ...
    QUANDO INIZIAMO A DARE L'ESSEMPIO?
    E BASTA DI PAGLIACCIATE NEL CONSIGLIO, SIETE GENTE ADULTA...

    RispondiElimina
  95. Mi chiedo....
    non avete niente da fare che perdere le ORE a scrivere su sto blog?????
    a L A V O R A R E!

    RispondiElimina