venerdì 26 giugno 2009

Note dal primo consiglio comunale

La serata inizia con la lettera di dimissioni dalla carica di consigliere presentata dal Sindaco uscente Valentini, e da altri consiglieri, già prevista e data per scontata da tanti in caso di sconfitta dello stesso. Valentini presenta le dimissioni con la intuibile scusante di far largo ai giovani (l’assessore Molino non ci sembra poi così tanto giovane) e non prendendosi, come al solito negli ultimi tempi, le sue responsabilità, lasciando agli altri la nave che affonda nei momenti difficili.Ben più provocanti e incresciose sono le parole dello stesso Valentini nella sua letterina: egli parla di lealtà; questa, secondo lui, l’ha contraddistinto in tutti questi anni.
Scusi Sindaco uscente, ma noi Giovani Mafaldesi sinceramente crediamo che questo termine sia indebitamente adoperato, sia veramente troppo dura da digerire la parola lealtà, una ulteriore presa in giro per tutti i Mafaldesi, trovatisi come sempre non di fronte alla verità ma dinanzi alle tante menzogne che purtroppo hanno calcato questi ultimi mesi...altro che onestà e lealtà! E ieri sera se ne avuta nuovamente la conferma.
Come puntualmente ribadito dal Sindaco Riccioni, l’amministrazione uscente promise che il 6 e il 7 giugno Mafalda, tramite i suoi elettori, avrebbe avuto la possibilità di scegliere il suo futuro (dopo che il referendum popolare non era stato voluto dallo stesso Valentini), votando per Di Iulio e sostenendo così il famoso progetto dell’inceneritore, oppure votando la lista Insieme per Mafalda capeggiata da Egidio Riccioni rifiutando così una volta per tutte questo pazzesco progetto.Ebbene, come era ormai prevedibile, il Sindaco uscente insieme alla sua giunta, tutto ha fatto tranne che far scegliere ai cittadini di Mafalda la sua sorte. L’amministrazione uscente ha messo Mafalda davanti al fatto compiuto.
Per questo, caro consigliere dimissionario Valentini, caro dimissionario N.Masciulli, caro dimissionario A.Fabrizio, caro dimissionario P. Massimi, caro amico Paolo, abbiate la dignità di non parlare di lealtà e di non difendere quelle parole e quei comportamenti, perché fanno male a Mafalda e a tutti i Mafaldesi. In aggiunta, noi Giovani Mafaldesi vogliamo richiamare l’attenzione di Valentini dicendo che poteva, nei mesi scorsi, prendere inchiostro e calamaio e avere l’onere di rispondere alle tante lettere, ben più importanti, scritte dai giovani del suo amato paese, invece di quella singolare delle sue dimissioni.
Continuiamo riprendendo le parole del neo sindaco Egidio Riccioni, che, rammaricato, presenta la situazione che sta investendo Mafalda: “Per la nuova giunta è un momento difficile, stavano cercando di far entrare Mafalda in un vicolo cieco da cui si rischia di non poter uscire”. Egli poi parla di accelerazioni incredibili nell’iter procedurale e dei soldi volutamente ed incautamente spesi dall’amministrazione uscente per mettere in difficoltà Mafalda, e al contrario avvantaggiare Dafin e queste persone che si nascondono dietro una fiduciaria. Riccioni comunque è convinto che insieme alla sua squadra, riuscirà a fermare l’Inceneritore grazie anche alla consulenza di tutti i possibili esperti e al lavoro del pool di avvocati. Ribadisce che l’ulteriore accredito fatto dalla Dafin sarà accantonato e tutti i proventi non saranno nel modo più assoluto toccati perché ci sono cause in corso e perché Mafalda ha detto con forza NO alla centrale a biomasse in contrada Pianette. Invita tutta la cittadinanza a seguire gli sviluppi della vicenda, ad informarsi su tutti i particolari, facendo un augurio a tutti e prendendosi la responsabilità di rispettare Mafalda e le decisioni democratiche di tutti i Mafaldesi.
Brevi e interessanti anche gli interventi dei consiglieri e assessori, in modo particolare dell’assessore rosa Aurelia Spatocco che risponde per le rime ad uno stravagante Molino, seguito poi da Montano, i quali chiedono alla nuova amministrazione di portare avanti il “Progetto Mafalda”. Spatocco risponde affermando che Mafalda ha scelto il suo programma e che la nuova Amministrazione combatterà con tutte le sue forze per FERMARE L ’INCENERITORE.
Questo il riassunto della serata del primo insediamento: a noi Giovani Mafaldesi preme ribadire il comportamento scorretto dell’amministrazione uscente e fare il nostro sincero in bocca al lupo al lavoro della nuova squadra amministrativa che ci appoggerà per FERMARE L’INCENERITORE. Questo è l’obiettivo nostro e della stramaggioranza di Mafalda e con questo ideale proseguiremo la nostra lotta per fermare la centrale a biomasse, nonché la distilleria.
MAFALDA HA AVUTO UNA REAZIONE FORTE E CONTINUERA’ AD APPOGGIARE LA NOSTRA CAUSA, siamo certi e combatteremo con, ed eventualmente anche contro, la nuova amministrazione per far valere la volontà popolare. SIA CHIARO!!!

65 commenti:

  1. ma che faccia hanno molino e montano a chiedere di mandare avanti il progetto mafalda? hanno degli interessi o c'e' ancora dietro valentini?

    RispondiElimina
  2. di interessi ce ne sono tanti dietro quel mostro. RICORDATEVI CHE I SOLDI DEI RIFIUTI SONO QUELLI PIU' SPORCHI

    RispondiElimina
  3. Montano e Molino hanno la faccia di chi ha sempre creduto nel progetto e continuerà a crederci a prescindere dalle vostre calunnie e dall' ingnoranza!
    Non è che come avete vinto voi ora a noi è passata la voglia di continuare raga!!!

    RispondiElimina
  4. Anzi iniziate a credere anche voi in qualcosa nella vita, se davvero non voltete fare solo chiacchiere!

    RispondiElimina
  5. Infatti....il vostro progetto qual'è ora che la lista da voi appoggiata è in carica!?
    non ancora riusciamo a capire!
    l' unica cosa che abbiamo capito è che il vostro unico scopo è quello di distruggere tutto quello che è stato costruito!
    bravi...e poi?

    RispondiElimina
  6. cari germano molino ed emilio montano,
    possibile che talmente è estremo il vostro amore per mafalda da accanirvi a chiedere, anche nel tavolo dell'opposizione, di portare avanti il progetto mafalda???

    tale è la forza che vi spinge a difendere questo progetto da precludervi qualsiasi altra soluzione per lo sviluppo del paese??

    esiste solo la centrale biomasse?

    oppure forse ci troviamo di fronte ad un domino??
    ...marrollo, d'auria e company premono su valentini per portare avanti il progetto-biomasse, mentre questo scappa per l'ennesima volta non senza aver prima delegato i suoi scagnozzi di insistere, a mio avviso anche umilmente, per convincere(inutilmente)la maggioranza consiliare a rivedere le proprie condizioni..

    possibile che non sapete proporre altro??

    RispondiElimina
  7. Noi stiamo aspettando con ANSIA che l'amministrazione in carica ne proponga finalmente uno alternativon al nostro!!
    Che sia piaciuto o meno noi almeno un programma ce l'abbiamo!!
    Altre soluzioni adesso tocca a voi trovarle visto che siete stati eletti!!!

    RispondiElimina
  8. E' come dire:" noi almeno qualche cosa facciamo" AMMAZZIAMO ma per favore!.....

    RispondiElimina
  9. 18.07 minoranza, EMPRE 'PROGETTO MAFALDA',fateci un favore, reunitevi!!!reunitevi!!!cosi tra dieci anni i bimbi avrano qualcosa di dire in consiglio, siete ancora dei bimbi, menomale che non avete imparato niente di Babbo Natale, siamo salvati!!!UN AUGURIO PER L'ADULTO CHE VERAMENTE SI è MERITATO IL POSTO, è IL PIù UMILE...

    RispondiElimina
  10. all'anonimo delle18:07:

    ti invito a visitare questa pagina web che, seppur lunga, ti farà capire quanto sia vuoto ogni tuo intervento piochè capirai che hai detto solo ed esclusivamente cavolate:

    http://www.insiemepermafalda.it/programma/programma.htm

    poi, la tua frase "noi un programma ce l'abbiamo che sia piaciuto o no" è ASSURDA!!!

    STATE DIFENDENDO UN AFFARISTA!!!!

    STATE DIFENDENDO UN PROGETTO CHE TOGLIE TANTISSIMISSIMI POSTI DI LAVORO E NE METTE POCHISSIMISSIMI!!!

    STATE OFFENDENDO IL VALORE DELLA DEMOCRAZIA!!!

    BASTA!!!!

    LA CENTRALE NON LA VOGLIAMO!!!!!

    saremo così agguerriti anche se ci fosse Riccioni a sostenere il progetto mafalda!!!

    io spero che tu un giorno possa capire le immense cazzate che hai appena detto!!!

    sono fiducioso perchè "il mafaldese" possiede un cervello acuto: devi solo allenarlo!!

    ...guarda con sospetto l'ex-sindaco....

    RispondiElimina
  11. PER IL PROGETTO BIOMASSA PORTATO AD UNO STATO MOLTO AVANZATO DALLA PRECEDENTE AMMINISTRAZIONE CREDO CHE IL SINDACO RICCIONI ABBIA TUTTE LE POSSIBILITA' PER POTERLO FERMARE COME HANNO CHIESTO LA MAGGIORANZA DEI MAFALDESI. SONO STATI UTILIZZATI SOLDI VERSATI DALLA DAFIN????? IL COMUNE LI DOVRA' RENDERE E I LEGALI DOVRANNO STABILIRE SE SI POTEVANO SPENDERE PERCHE' ALTRIMENTI SI POSSONO CHIAMARE IN CAUSA GLI AMMINISTRATORI PRECEDENTI CHE SE HANNO COMMESSO IRREGOLARITA' NE RISPONDERANNO ANCHE PERSONALMENTE.
    IL COMUNE NON HA I SOLDI DA RESTITUIRE ALLA DAFIN??? SE SONO DOVUTI SI RESTITUIRANNO CONTRAENDO UN MUTUO, IN FONDO SONO STATE FATTE OPERE PER IL PAESE ANCHE SE, ALCUNE ERANO PALESEMENTE REALIZZATE PER CONVINCERE LA GENTE SU QUALE MINIERA D'ORO PORTAVA L'INCENERITORE.
    QUALI PROGETTI HANNO CHI AMMINISTRA OGGI?????
    BASTA CHE LEGGIATE IL PROGRAMMA CHE HANNO PRESENTATO, PERCHE' I PROGRAMMI NON DEBBONO SOLO ESSERE LA BIOMASSA COME AVEVA DI IULIO NEL SUO PROGRAMMA.
    IL PROGRESSO NON ERA BRUCIARE VINACCE, IO SONO CONVINTO SEMPRE CHE SE LA DAFIN ERA UNA RISORSA IL COMUNE DI ORTONA FACEVA DI TUTTO PER MANTENERLA NEL SUO TERRITORIO. QUESTO E' UN DOGMA, INIZIATE A SFRUTTARE IL SOLE E IL VENTO PER PRODURRE ENERGIA, FIDATEVI E' UNA RISORSA ANCHE QUESTA.

    RispondiElimina
  12. Le biomasse? Peggio dei combustibili fossili
    [ Ecologia :: Foreste ] by Edoardo Capuano @ 25.06.2009 18:14 CEST
    Lo dice l'Environment Agency (EA), l'ente ambientale britannico: nel 2030 le biomasse di origine agricola potrebbero produrre più CO2 dei combustibili fossili.

    Secondo lo studio dell'Environment Agency, l'impiego di scarti legnosi produce i livelli più bassi di emissioni, mentre pioppi e salici, assieme alla colza, hanno gli indici più alti. L'agenzia ha quindi richiesto al governo di prevedere un dettagliato rapporto sulle emissioni di gas serra da tutte le imprese del settore.

    Le biomasse sono state considerate a basso impatto, dato che il carbonio rilasciato durante la combustione viene nuovamente catturato dalle nuove piante in crescita. Ma non è così. Nel migliore dei casi le biomasse sono in grado di produrre 7kg di CO2 per kilowatt / ora: il 98 per cento in meno rispetto al carbone. Ma lo studio dell'Environment Agency ha dimostrato che questo vantaggio può essere facilmente riassorbito, soprattutto quando le colture a biomassa sono impiantate in praterie.

    E' quanto avviene in vasti tratti del Sudamerica, dove le piantagioni sostituiscono progressivamente le praterie. Queste piantagioni producono trucioli fin'ora impiegati per la produzione di carta e compensato, ma il loro mercato ha subito una forte impennata in seguito al boom delle biomasse. Inoltre, molti impianti a biomasse inoltre sono scarsamente efficienti, e il limitato vantaggio è velocemente disperso. “Le biomasse sono una risorsa limitata, e dobbiamo assicurarci che non sia buttata via in generatori inefficienti, che ad esempio non ottimizzano l'energia prodotta combinando il riscaldamento con la produzione di energia elettrica” ha spiegato Tony Grayling, dell'Environment Agency.

    Proprio in questi giorni il World Rainforest Movement e la Global Forest Coalition hanno presentato una richiesta al Forum Foreste dell'Onu chiedendo che le piantagioni siano escluse da sovvenzioni e finanziamenti, proprio a causa del loro impatto sul clima, sulla biodiversità e sulle popolazioni native.

    Fonte: www.salvaleforeste.it

    RispondiElimina
  13. Siamo diventati la barzelletta della Regione!!!!!

    RispondiElimina
  14. Secondo te cosa si doveva fare?, dai genio, ti puì sprimere tranquillo, tanto 'sei un anonimo' e adesso si vive la DEMOCRAZIA...
    IO NON VEDO I FATTI DI MOLTI DEGLI ANONIMI CHE SCRIBONO IN QUESTO BLOG, LA PAROLA HA VALORE SI VIENE ACCOMPAGNATA DEI FATTI...tutti bravi, furbi e inteligenti, ma nessuno propone niente???!!!
    IL POTERE CITTADINO

    RispondiElimina
  15. 26 06 12.59
    '''Non solo perderemo lo sviluppo ma torneremo dietro e questo mi spiace dirlo anche per colpa del giovani di Mafalda.
    Siamo lo zinbello della Regione.'''
    MA FINISCILA CON QUESTA STORIA... 26 06 12.59
    Il presidente della provincia e D'Ascanio, mi sa della SINISTRA...cosa avete fato voi per farli conoscere questo SVILUPO que avevate come l'unica assurda alternativa? I giovani della SINISTRA hanno la colpa!!! Io credo che nemeno vi conosci NICOLA D'ASCANIO...svegliate, movetevi se volete rapresentare il paese...

    RispondiElimina
  16. Le biomasse Peggio dei combustibili fossili ?

    Quell'articolo riguarda le biomasse non indigene (come gli oli di palma, la colza ecc.) ovvero le biomasse impiantante appositamente per la produzione. La centrale di Mafalda è per biomasse già presenti nella zona come le vinacce e di produzioni legnose. L'articolo non ci azzecca. Possibile che si trovano sempre informazioni sbagliate ? Per ottenere un risultato almeno si deve sapere di cosa si parla, se no si crea solo confusione.

    RispondiElimina
  17. carissimo,
    era pura informazione!!
    copiando quell'articolo volevo solo fare INFORMAZIONE!!!
    secondo te solo tu hai capito il senso dell'articolo???
    comunque mi fa piacere sapere che l'hai letto :-)

    RispondiElimina
  18. IL POTERE CITTADINO28 giugno 2009 21:44

    pura informazione!!! MA BUONA, SE AVETE UN PO DI TEMPO:::

    http://www.marcopolo-e.com/default.aspx?area=attivita&idpage=12

    IL POTERE CITTADINO

    RispondiElimina
  19. ho letto il sito qui sopra e devo dire che è davvero interessante e dà una vera ventata di informazione e conoscenza!!
    spero che i nostri giovani leggendolo si rendano conto di quanto si siano fermati alla pura ignoranza e al pregiudizio malato inculcatogli negli anni!
    Lo spero perchè se tutto il mondo ragionasse come voi oggi invece che progredire si tornerebbe alla preistoria!

    RispondiElimina
  20. IL POTERE CITTADINO29 giugno 2009 20:48

    Ricordiamo un video importante sul argomento rifiuti:

    http://www.youtube.com/watch?v=ovW7yI9Uzf8

    Faciamo qualcosa?
    IL POTERE CITTADINO

    RispondiElimina
  21. IL POTERE CITTADINO29 giugno 2009 20:53

    E per i bambini:

    http://www.youtube.com/watch?v=N_Gdx9CiKZw&feature=related

    IL POTERE CITTADINO

    RispondiElimina
  22. IL POTTERE CITTADINO29 giugno 2009 20:57

    Quest'altro per l'amministrazione uscente (il coni) e gli altri ancora in lista...

    http://www.youtube.com/watch?v=mNoVU9d3giI&feature=related

    IL POTTERE CITTADINO

    RispondiElimina
  23. http://www.youtube.com/watch?v=2dD0w0S4NnQ&feature=related

    http://www.youtube.com/watch?v=6N7hd7oA-2w&feature=related

    RispondiElimina
  24. http://www.youtube.com/watch?v=5pWvwUgKmwk&feature=related

    http://www.youtube.com/watch?v=jARr0OUhMOE&feature=channel

    RispondiElimina
  25. http://www.youtube.com/watch?v=0fEynnBX60I&feature=related

    http://www.youtube.com/watch?v=UljnoX90SrY&feature=related

    http://www.youtube.com/watch?v=R8RMMwldu7E&feature=related

    http://www.youtube.com/watch?v=JoUP6on2bis&feature=related

    RispondiElimina
  26. Siamo lo zimbello della Regione!!!

    RispondiElimina
  27. 'Siamo lo zimbello della Regione!!!'
    Ma caro amico, è possibile che sia l'unica cosa che hai imparato a scuola? poveri i tuoi figli e povera Mafalda...
    Tu sei diventato 'NOSTRO ZIMBELLO' !!!

    RispondiElimina
  28. cari concittadini, vi esorto a leggere l'articolo qui di seguito e vi anticipo che vi meraviglierete per l'ennesima volta, constatando quanti interessi ci siano dietro una centrale a biomasse e per questo tutti i sindaci che la propongono si indispettiscono all'enesima potenza per portarle a termine!!
    germono molino, emilio montano e company:
    leggete "APRENDO GLI OCCHI"...

    Centrale a biomasse: ci stanno fregando ! ! !

    Il 1 luglio prossimo, presso la Regione Toscana, sono stati convocati: Power Crop, Sindacati, Associazioni degli Agricoltori, Regione, Provincia e Comune di Castiglion F.no, per dar seguito all’iter di autorizzazione della centrale a biomasse.
    Ci spiace ancora una volta rilevare che non è andata a buon fine la nostra richiesta al Sindaco di partecipare ad una assemblea pubblica con i cittadini, per metterli a conoscenza di cosa andrà a concordare in Regione.
    Evidentemente al ns primo cittadino non interessa informarci su come intende procedere riguardo la centrale a biomasse, e tanto meno sapere cosa la popolazione ha da dire in proposito, ma preferisce decidere da solo.
    La domanda che tanti cittadini Castiglionesi stanno facendo in questi giorni è:
    Con quale intenzione il Sindaco andrà all’incontro?
    Si ricorderà che i Castiglionesi hanno più volte manifestato la loro contrarietà a questo tipo di riqualificazione? Si ricorderà i seguenti motivi più volte enunciati?
    - Grave impatto sulla salute e sull’ambiente;
    - impossibilità di reperire le biomasse con filiera corta entro i 70 km (assenza delle biomasse);
    - progetto improduttivo se non sorretto da soldi pubblici (cip6- certificati verdi ecc.);
    - impatto totalmente negativo sulle attività tipiche della zona: agricoltura, turismo e biodiversità;
    - enorme consumo d’acqua e rischi di riduzione e inquinamento delle risorse idriche locali;
    - svalutazione degli immobili e degli investimenti fatti con sacrificio di intere generazioni;
    - speculazione edilizia, cementificazione ed impermeabilizzazione del suolo;
    - l’impianto a biomasse, classificato insalubre di I° CLASSE, attirerà altre industrie gravemente
    nocive, come Metal Chimera e Magnolia (che fine hanno fatto?).
    Oppure, come riportato dal Corriere Aretino del 29/5/09:

    “Castiglion Fiorentino
    Sottoscritto un verbale per la riconversione dell’ex zuccherificio
    Trovato accordo per la centrale a biomasse”

    il Sindaco proseguirà nel sostenere l’accordo del 10-12-07 che prevede una centrale, di produzione elettrica, da 7 Megawatt a biomasse e una da 11 MW ad olio, con in più 17 MW termici presso l’area Sadam di La Nave?

    Vorremmo tanto sbagliarci ed essere clamorosamente smentiti ma avvertiamo l’esigenza di dire ai cittadini che, vista la fitta rete di incontri e verbali firmati tra il Sindaco e gli altri attori in campo ed in più i recenti comunicati stampa della Power Crop, sta crescendo in noi la fortissima sensazione che ci stanno fregando!!!

    NO ALLA CENTRALE A BIOMASSE
    SI A PROGETTI ALTERNATIVI

    Comitato Tutela Valdichiana
    sez. Castiglion Fiorentino
    www.comitatotutelavaldichiana.it
    LUNEDì 29 GIUGNO 2009 13:21 - Comitato Tutela Valdichiana

    RispondiElimina
  29. I nomi di persona vanno scritti con le maiuscole ad esempio: molino germano diventa come per magia Molino Germano....

    RispondiElimina
  30. Maurizio Del Nero30 giugno 2009 14:12

    Per l'anonimo delle 13.27:

    Io ho riportato l'articolo precedente su facebook ma non sono stato io a postarlo su questo blog. Ho fatto un semplice copia-incolla aggiungendo delle mie considerazioni personali ma guardandomi bene dal citare nomi di persone. Ti consiglio di tornare sul mio profilo di facebook e di leggere meglio la nota.
    Poi se hai un po di tempo, quando ci incontreremo in giro per Mafalda mi spiegherai perchè hai usato il mio nome abbreviato per firmare il tuo post.
    Per chiudere ti ripeto, nel caso tu non abbia recepito, che l'articolo delle 9.35 non è stato pubblicato da me.
    Se vuoi puoi rispondermi direttamente su Facebook visto che sono presente tra i tuoi amici. Mi raccomando, io ci conto!

    RispondiElimina
  31. Ma chi è sta gente che si firma come "il potere cittadino"??
    Se non mi sbaglio un amministrazione ha si dei poteri ma anche e soprattutto dei DOVERI, e ancor più nel vostro caso che vi siete proclamati paladini della giustizia e avete promesso alla gente che farete tutto ciò che "loro vorranno" dicendo a tutti che il regime è finito!
    Ma non è che per caso è appena iniziato??
    O forse è meglio dire che è iniziato il CAOS!!
    AL CONSIGLIO SEMBRAVA DI STARE AL MERCATO DEL PESCE!!

    RispondiElimina
  32. ma chi è che ha scritto: "siamo LO zimbello della regione"? anonimo che scrivi TU sei LO zimbello dell'italiano!!! eheh o per meglio dire sei gli zimbelli dell'italiano?

    RispondiElimina
  33. da premettere che sono un cittadino non residente,non di parte,però fortemente legato alle origini,inizio col dire che...non ci sono parole per descrivere l'ignoranza suprema che aleggia per la piccola comunità mafaldese in mano agli SCIITI,essendo a conoscenza di ambedue i programmi,credo le persone debbano aggiornarsi ed adeguarsi a quella che è la realtà dei fatti,la biomassa comunque si farà,voglio vedere cosa dirà la nuova maggioranza(uhm...e na parol che gentaglia...!meglio amico de lu preit) ai propri sostenitori,AMICI PARLIAMOCI CHIARO,VOI SAPEVATE MEGLIO DELLA PASSATA AMMINISTRAZIONE CHE IL PROGETTO MAFALDA STESSE AVANTI ANNI LUCE E X IL TERRITORIO E PER LA REGIONE TUTTA,ALTRESì NAVETE GIOCATO SPORCO INFATUANDO PURTROPPO IL BASSO LIVWLLO DI CULTURA PAESANO,IN MODO TALE DA FARE CARNE DI PORCO!CHE CAZZ NON Z ABBUTTAT MAI...

    RispondiElimina
  34. mi sento in dovere di rispondere alle stupidate che hai scritto perché a differenza tua, io ci vivo nel nostro paese e ti posso assicurare che anche se l'ignoranza è tanta è comunque perfettamente equilibrata e lo dimostrano pienamente gli ultimi risultati elettorali.
    se la biomasse si farà sarà perché IL VOSTRO SINDACO, QUELLO CHE VOI VI SIETE VOTATI ALLE PASSATE ELEZIONI ha fatto in modo tale che non sia possibile a livello legale tornare indietro; ma siccome il nostro parse ha ampiamente dimostrato di avere cervello e fegato in abbondanza per opporsi ad un progetto-suicida, sono sicuro che in tal caso ci inventeremo qualcosa, a costo di dover piantonare il posto e legarci ai cancelli!

    mi sembra inutile precisare che se c'è una persona che ha SEMPRE giocato sporco e che indubbiamente HA FATTO "CARNE DI PORCO" come dici tu, di concetti quali: moralità, onore, rispetto della volontà popolare, democrazia, libertà etc. ebbene, quel signore si chiama Nicola Valentini; si proprio quel povero signore che TU E ALTRI FESSI come te avete votato per tutti questi anni consegnando il nostro paese e le nostre vite in mano a un lupo, rivelatosi nel momento della verità UN CONIGLIO!

    F.TO io non ci sto

    RispondiElimina
  35. anche tu anonimo delle 14.28 giochi sporco ma con l'italiano! ...ti farei strappare la pagella!ahahah

    RispondiElimina
  36. La centrale non si farà!
    Ne vale dellla reputazione degli eletti e degli elettori, questo sottolineatelo.
    Se sarà necessario occuperemo l'intera zona industriale!
    Capito DAFIN SPA!
    Non l'avrete vinta e mettetevi in mente che la gente è libera dal giogo della tirannia di un padrone lacero ed in declino.
    I vostri giochetti di scaricabarile non servono, questo ve lo ha dimostrato l'elettorato con un secco NO!
    Valentini, ringrazia il tuo portabandiera se hai ottenuto quel risultato, se c'eri tu a candidato non avresti preso neanche 300 voti.

    Intanto continua il vergognoso trattamento dei dipendenti della SMI,da parte di MARROLLO.
    I dipendenti non percepiscono lo stipendio da febbraio, però non hanno mai smesso di lavorare.
    VERGOGNA!

    Tornando a: "La centrale si farà".
    Prima c'erano degli impedimenti, ora c'è una forza politica al potere che è contro, dunque non vedo come la strada sia spianata per il si.
    Ci sono molti modi per mettere i bastoni tra le ruote al progetto, dunque cara DAFIN SPA, dovrai aver pazienza e forse...e lo sai, dovrai rinunciare.
    Non ti conviene andare altrove?

    Gandalf

    RispondiElimina
  37. Vorrei fare una domanda al Sig. Gandalf (visto che sei tanto ottimista), se la Dafin al posto di fare la centrale a Mafalda trova un accordo e te lo piazza a San Felice e Marrollo vende a Dauria i suoi capannoni (perchè lo puo fare essendo un' azienda privata) cosa resta al popolo Mafaldese dopo? Solo cenere e fumo!!!!!




    La puzza sotto il naso

    RispondiElimina
  38. per l'anonimo delle 15.48:
    so che c'è una legge precisa che impedisce la vendita indiscriminata di un impianto produttivo; difatti di solito quando si vuol cedere un'azienda si cerca di venderla a una società che anziché convertirla possa far uso dei macchinari e della manodopera senza operare grandi tagli o rivoluzioni.
    per quanto riguarda invece, il comune di san felice so che sia la cittadinanza, sia l'amministrazione sono fortemente contrari alla realizzazione della centrale a biomasse...perciò per ora non c'è nulla da temere o dovrei dire DA SRERARE?

    f.to D'o

    RispondiElimina
  39. La puzza sotto il naso è da vedere.
    San Felice o Mafalda la cosa non cambia, la lotta continua. Forse non si è capito: qui non la vogliamo come non la vogliamo da nessuna altra parte!
    DAFIN SPA e DAURIA, non avranno la nostra pelle!
    Mi pare che i giovani di San Felice erano presenti ai convegni ed ai comizi, non credo si lascino convincere. Oramai si è creata una coscienza ed è difficile cancellarla.
    Non sono ottimista, credo in quelle persone che lavorano in silenzio e seriamente, dove hanno messo in gioco la loro reputazione e non per denaro come chi ha presentato il "Progetto Mafalda".
    Poi c'è la gente sempre più motivata e pronta a scendere in campo per difendere la propria terra e la propria identità e non "svenderla" ai mercenari.

    La centrale non si farà!
    Costi quello che costi!
    DAFIN SPA E DAURIA, cambiate strada!

    Gandalf

    RispondiElimina
  40. Poveri illusi...ma credete ancora alle favole?
    Ma anche Egidio Riccioni è daccordo con la vostra teoria? Anche lui e le figlie verranno ad incatenarsi insieme a voi ai cancelli??
    Possibile che non vi rendete conto che vi ha semplicemente usati per vincere?...appena si calmeranno gli animi farà finta che ormai non è possibile fare più niente per bloccare la biomasse e vi darà un bel calcione al sedere a tutti!!
    POVERI RAGAZZI!!!

    RispondiElimina
  41. POSSIBILE CHE NON VI RENDIATE PER NIENTE CONTO DI QUANTO SIA IMPORTANTE UN PROGETTO COME QUESTO PER IL NOSTRO PAESE??
    POSSIBILE CHE NON VI RENDIATE PER NIENTE CONTO DI QUANTO SIETE STATI STUPIDI?
    POSSIBILE CHE NON VI RENDIATE PER NIENTE CONTO CHE QUESTO PROGETTO,ORMAI AVVIATISSIMO, SE NON SI DOVESSE FARE A MAFALDA COMUNQUE SI FARA' NELLE NOSTRE VICINANZE?
    NON ESISTE SOLO SAN FELICE!!!CE NE SONO TANTI DI PAESI CHE VORREBBERO FARLO!!
    E POSSIBILE CHE NON VI RENDIATE CONTO CHE SE SI DOVVESSE FARE PURE (CHE NE SO A DOGLIOLA)
    NOI COMUNQUE SUBIREMMO I SUOI FUMI NON TRAENDO NESSUN GUADAGNO?!
    NOI, VE LO DICO IO, RESTEREMMO A GUARDARE I NOSTRI PAESI LIMITROFI CHE SI ARRICCHISCONO MENTRE NOI RESTEREMO A BOCCA ASCIUTTA!!!
    BRAVI!! BELLA BATTAGLIA AVETE FATTO!!!

    RispondiElimina
  42. ahahahah...si...ricostruite nuove opere come l'ex edificio scolastico,che durante l'amministrazione riccioni delle ditte prima hanno scavato le fondamenta,poi messo le finestre e dichiarando agibile lo stabile...ahahahahah ma chi è l'architetto?grande puffo..ahahahaha poi legatevi dinanzi i cancelli,ma fatelo con una corda ben tesa...balordi...nemmeno il popolo dei puffi potete ingannare...

    RispondiElimina
  43. Sono ormai venti giorni che TUTTI (e dico TUTTI!) state continuando ad andare avanti con commenti che si risolvono TUTTI in un'inutile "scaramuccia"!..Vi invito a postare commenti costruttivi o - ancora meglio - a valutare la situazione che andiamo ad affrontare e a dire la vostra, con intelligenza, nel momento in cui ce ne sia il bisogno. Il rischio è di trasformare il blog in un "pretesto" per beccarsi...come polli!
    L'amministrazione comunale è al lavoro per mantenere fede alle proprie promesse e ai propri obiettivi: ora è compito loro, visto che rappresentano un'istituzione, lavorare per far fronte ad un progetto avviato con inganni e sotterfugi alla faccia della democrazia e del libero consenso.
    Noi Giovani Mafaldesi abbiamo solo fatto il nostro dovere di cittadini, attivandoci opportunamente per dire la nostra e per informare. D'altronde l'ex sindaco non ha speso una parola in termini di "informazione"..quella tecnica..scientifica..per affermare che un inceneritore "fa bene" alla salute!
    Ora deve essere il nuovo "governo" a farsi carico del consenso della propria gente..perchè - non dimentichiamocelo - è la gente che deve decidere (ed ha deciso!) di un bene comune che racchiude in se: Salute, Ambiente, Territorio..quindi, Benessere!
    Vi invito di nuovo a non dar fiato inutilmente alle bocche ma ad essere costruttivi!

    Buon pomeriggio a tutte le persone perspicaci ed intelligenti!

    RispondiElimina
  44. dai che quando si fara' la centrale dalla canna alta 50 mt usciranno banconote da 50 ,100 ,500 euro per tutto il popolo di mafalda .
    quanti soldi arriveranno per la popolazione mafaldese state tranquilli gente ,non andrete a lavorare piu'.
    sveglia ragazzi che ormai la barca e' affondata .e se non state attenti affonderete anche voi

    RispondiElimina
  45. ...evvai con le somoglianze con la nostra cara Mafalda....intanto leggendo i giovani ragazzi della sinistra mafaldese, piano piano, aprono gli occhi alla realtà!!
    ecco a voi:


    Centrale a biomasse: lettera aperta al Sindaco di Castiglion Fiorentino.

    1 2 3 4 5 (11 voti) Gli autori della presente sentono l’esigenza di scrivere al Sindaco Brandi per ribadire alcune considerazioni inerenti la riconversione dell’ex zuccherificio Sadam di La Nave, visto che siamo alla vigilia dell’incontro che si terrà in Regione il primo luglio, dove tale tema sarà ancora una volta all’ordine del giorno con le parti interessate.

    Dalla lettura del documento del 16/6, redatto dal Sindaco in preparazione dell’incontro e inviato alla Sadam e alla Provincia, emergono alcuni interessanti passaggi quali:

    - richiesta di presentazione di progetti alternativi alla centrale a biomasse come previsto dalla legge 152/2006”…. “Questo permetterebbe di addivenire ad una soluzione nell’interesse della Comunità Castiglionese”;
    - contestare “il tentativo della Sadam di utilizzare la situazione occupazionale degli attuali dipendenti come unica leva di pressione verso gli Enti Locali trascurando possibili alternative che potrebbero, al tempo stesso, superare la situazione attuale e dare soddisfazione ai lavoratori”;
    - il Sindaco riconosce che la Sadam non ha mai contestato le informazioni di carattere medico scientifico, suffragate dal parere di autorevoli esperti, che il Comitato e le Associazioni Ambientaliste hanno portato negli ultimi tre anni sulla pericolosità di tale impianto d’incenerimento.

    Siamo lieti che anche il Sindaco finalmente ritenga questi punti come importanti e soprattutto indispensabili per sbloccare la vicenda sadam. Faremmo un torto, ai moltissimi castiglionesi, se non ricordassimo che da sempre questi ed altri punti sono stati dai cittadini individuati come prioritari nel manifestare la loro contrarietà alla centrale a biomasse.

    Vogliamo ricordare che, come ha dichiarato il Capo Dipartimento del Ministero dell’Agricoltura, gli incentivi europei vengono appositamente erogati per la dismissione, la bonifica dell’industria saccarifera e del relativo sito. Per l’eventuale riconversione in centrale a biomasse, l’intento politico del ministero dell’agricoltura è quello di erogare contributi verso eventuali piccole centrali di potenza inferiore ad un megawatt, alimentate con biomasse provenienti da aziende agricole locali. L’istallazione di tali centrali, non viene imposta dal ministero o dal governo, pertanto, grandi o piccole che siano, non possono essere istallate se non con il consenso di tutti, cioè istituzioni locali e cittadini.

    Troppo tempo è già stato speso dietro all’insostenibile progetto della centrale, auspichiamo che finalmente questa Amministrazione lavori per un progetto alternativo che possa coniugare sviluppo per il territorio, occupazione per i lavoratori ex sadam, tutela della salute e dell’ambiente e che non danneggi altre attività già insediate nel territorio (turismo, produzione agro-alimentari, ecc.) nonché il patrimonio immobiliare dei residenti.

    La realizzazione di quanto sopra descritto ci renderebbe doppiamente felici perchè oltre a eliminare il pericolo di una centrale, da persone di sinistra quali siamo, vedremmo probabilmente cessare il declino di consensi che tale ipotesi di riconversione ha prodotto nelle ultime consultazioni elettorali al PD Castiglionese.

    Crediamo che un’amministrazione di centro sinistra, nata da una battaglia contro l’ipotesi d’insediamento della Chimet nel territorio comunale, non possa avallare un progetto di eguale impatto ambientale, che porterebbe ad una sicura sconfitta elettorale alle prossime consultazioni elettorali per il governo del comune.

    Cordiali saluti.

    Claudio Agnelli
    Luciano Buonfiglio MERCOLEDì 01 LUGLIO 2009 09:40 - Luciano Buonfiglio

    RispondiElimina
  46. ....e ancora....

    Comunicato stampa PCL

    1 2 3 4 5 (4 voti) La questione infinita della centrale a biomasse a Castiglion Fiorentino
    Si terrà a giorni (il 1^ luglio) l’incontro fra Regione Toscana, Amministrazione comunale di Castiglioni e Azienda Eridania Sadam per definire il futuro dell’area dell’ex-zuccherificio di Manciano. Nell’occasione crediamo opportuno intervenire con le nostre considerazioni, sia per rispetto verso gli impegni sottoscritti con i vari Comitati ambientali nel corso dell’ultima campagna elettorale, sia perché abbiamo a cuore gli interessi della cittadinanza tutta, maestranze e residenti.
    A tutt’oggi non reso pubblico in modo chiaro cosa in realtà ll’Azienda voglia fare di e in questo territorio, tranne il fatto che si parla unicamente di impianto a biomasse per la produzione di energia elettrica e di altre aziende ad esso collegate, ma SENZA aver presentato – come avrebbe dovuto – un progetto ben definito sul piano tecnico. Se questo progetto esiste, non è stato reso noto. Il nostro partito è ovviamente contrario alla centrale a biomasse soprattutto per due ragioni fondamentali, di pari importanza: tutela dei lavoratori e tutela dell’ambiente, cioè tutela della salute e della qualità della vita di un intero territorio.
    Come lo stesso sindaco ammette chiaramente l’Azienda non è stata in grado di smentire le informazioni fornite dai Comitati ambientali in merito alla pericolosità per la salute di un simile impianto, se non con affermazioni generiche e vaghe.
    D’altro canto appare evidente che troppe altre cose avrebbe dovuto fare la Sadam e non ha fatto.

    - Perché non è stato presentato ancora alcun progetto in merito?

    - Perché non è stato quantificato il numero reale dei lavoratori dell’ex- zuccherificio che verrebbero riassorbiti nel nuovo impianto?

    - Perché non ha mai presentato altre proposte (almeno tre) come per legge avrebbe dovuto fare?

    - Perché viene fuori che si parla addirittura di SPOSTARE la sede della centrale in altro territorio non meglio identificato?

    - Perché a tempo debito l’Azienda chiese la Cassa integrazione ordinaria e non quella speciale per i lavoratori?

    Ci pare ovvio che l’assenza di risposte indichino chiaramente che l’Azienda persegue esclusivamente il proprio interesse e che la minaccia del non rinnovo della cassa integrazione a fine anno è un modo efficace per esercitare un ricatto nei confronti dei lavoratori.
    Ci pare altrettanto ovvio che compito dell’Amministrazione comunale non è quello di collaborare con l’Azienda – come pare credere il sindaco – ma. Semmai, come PUBBLICA amministrazione, quello di tutelare gli interessi di tutta la cittadinanza.
    Crediamo altresì fondamentale che si crei un rapporto di fattiva collaborazione fra comitati e maestranze proprio perché gli interessi dell’una e dell’altra parte non sono in conflitto, evitando strumentalizzazioni di vario segno che lavorano in senso opposto. Possono essere individuate altre soluzioni, come quella della creazione di aziende alimentari che abbiamo sostenuto, che possano .
    tra l’altro valorizzare contemporaneamente forza-lavoro, agricoltura, territorio, salute, da sostenere anche esercitando pressioni politiche forti.
    Aspettiamo senza troppe illusioni l’esito dell’incontro del 1^ luglio.

    Ivana Aglietti
    Coordinatore della sezione di Arezzo
    Partito Comunista dei Lavoratori MERCOLEDì 01 LUGLIO 2009 11:23 - Ivana Aglietti - PCL

    RispondiElimina
  47. MA LO VOLETE CAPIRE CHE, SE LA DISTILLERIA DAFIN FOSSE STATA QUELLA GRANDE OPPORTUNITA', IL PAESE DI ORTONA AVREBBE FATTO I SALTI MORTALI PER NON LASCIARLA ANDARE ALTROVE?????
    VOLETE CAPIRE CHE CHI VUOLE BENE AL PROPRIO TERRITORIO, QUELLE CIMINIERE MALEODORANTI, NON LE VOGLIONO NEL PROPRIO TERRITORIO. SE SI PRODUCE VINACCIA AD ORTONA, SI DEVE RICICLARE AD ORTONA. SE POI LA BIOMASSA PORTA TANTA RICCHIEZZA, ANCORA DICO SE LA TIENE ORTONA E I SUOI CITTADINI.
    OGNI VOLTA CHE PARLATE DI BIOMASSA CARI AMICI DI VALENTINI, RIPASSATEVI QUESTE CONSIDERAZIONI POI POTETE SCRIVERE.
    FA UN POCO SCAPPARE DA RIDERE VEDERE PERSONE CHE PREDICANO DI LASCIARE LA MACCHINA ED ANDARE A PIEDI IN PAESE POI RINCORRONO GLI INCENERITORI-BIOMASSA.

    RispondiElimina
  48. ma valentini non aveva detto che IL VOTO AVREBBE DECISO SE FARLA O NO. PERCHE', ORA, I SUOI FEDELISSIMI VOGLIONO ARROGARSI DI NUOVO IL POTERE DI FARLA. QUALI INTERESSI CI SONO SOTTO........NATURALMENTE SI PARLA DELL'INCENERITORE PER CHI NON L'AVESSE CAPITO

    RispondiElimina
  49. ormai conosciamo tutti la vicenda, simile alla nostra, che da anni crea disagi nella provincia di arezzo riguardante la costruzione di una centrale a biomasse.

    abbiamo tutti capito che anche lì NON LA VOGLIONO!!!!!!

    QUI DI SEGUITO RIPORTO L'ARTICOLO:

    Centrale a biomasse: la fine è vicina

    Esiste la ragionevole certezza che all'interno del Partito Democratico di Castiglion Fiorentino, abbiano rassegnato le dimissioni dagli organi direttivi e assembleari la componete politica che si riconduce all'ex Margherita.
    Sono convinto e nel contempo mi auguro, che questo atto, se confermato, possa essere ricondotto alla vicenda relativa alla realizzazione della centrale a biomasse.

    Durante questi tre lunghi anni di battaglie contro la centrale i cittadini hanno più volte manifestato la contrarietà a un progetto insostenibile sotto tutti i punti di vista.
    Finalmente una componente autorevole del PD ha preso una ferma posizione, in coerenza con quanto gia manifestato in passato come Partito della Margherita, contro la centrale a biomasse a tutela della cittadinanza e dell'ambiente.

    Non resta altro da fare che procedere subito, senza perdere altro tempo, con una vera riconversione che garantisca uno sviluppo sostenibile per il territorio e occasione d'occupazione per gli ex lavoratori sadam.


    SABATO 04 LUGLIO 2009 12:45 - Luciano Buonfiglio

    RispondiElimina
  50. ...leggendo leggendo...


    Lettera aperta al Sindaco Paolo Brandi

    Caro Paolo,
    Ti scrivo queste righe, velate da una sottile amarezza che mi proviene dal cuore, a motivo dei più recenti risvolti della lunga ed incomprensibile storia della riconversione dell'ex Zuccherificio.
    Leggo e sento di una frattura all'interno della Tua maggioranza consiliare, segnale poco confortante sul consenso all'operato della Giunta, e credo di non sbagliare nel ricollegare il tutto alla solita ipotesi di centrale a biomasse.
    Io a questo punto non so più cosa pensare. Osservo sconsolato la frana del consenso che a Castiglioni, di elezione in elezione, ha portato le forze di maggioranza dal 68,26% delle comunali 2006 a poco più del 40 delle recenti europee, con il PD al 34,66 (minoranza, quindi).
    Continuando così, non è difficile immaginare un cambio di maggioranza alle prossime elezioni. Già, ma quando si terranno queste elezioni? Arriveranno alla scadenza naturale oppure questi scricchiolii della maggioranza preludono ad una crisi anticipata? Sarà forse questo l'auspicio (o la previsione) di quelle personalità che, con più di due anni di anticipo sul 2011, preparano e studiano la creazione di una lista civica?
    Ti chiedo - ma la risposta non la voglio io, la devi dare a quei 5.034 Castiglionesi che nel 2006 affidarono a Te i loro sogni e le loro speranze di futuro - perché tutto questo? Perché ostinarsi su un progetto senza ali, che invece di volare si impantanerà inesorabilmente nelle melme del Giuncheto, trascinandosi dietro la Tua maggioranza e lo sviluppo di Castiglioni?
    La ditta proprietaria dell'ex Zuccherificio ha già avuto le sue somme per demolirlo e ripristinare l'area. Adesso, se vuole ancora soldi pubblici, deve presentare progetti veri, credibili, legati allo sviluppo dell'agricoltura, della filiera agricola corta e con molti posti di lavoro (veri!), non con solo 25-35 assunzioni, legate a tariffe "politiche" dell'energia elettrica. Non può pensare di presentare un unico progetto di riconversione, legato ad un aspetto a lei favorevole oppure scendere a ricatti occupazionali. Chi ha il coltello dalla parte del manico è il Comune, assieme alla provincia ed alla regione. Se saltasse l'accordo chi rimetterebbe di più (molto di più) è la proprietà, che perderebbe soldi pubblici e superfici edificabili.
    Come si può ancora credere a centrali a biomasse e/o ad oli, alimentate da prodotti locali, provenienti da un raggio di 70 chilometri, se anche in loc. Casella (Castiglion del Lago), a poco più di 30 chilometri, si vorrebbe realizzarne una che, si spiega - ovviamente - brucerà solo materiali locali: come se i due bacini non si sovrapponessero per migliaia di ettari .
    Credo che una risposta la debbano avere anche le altre 5.500 persone che, preoccupate per la salute, l'ambiente e per il territorio, ti inviarono un appello contro la centrale a biomasse, nonché le popolazioni che vivono nei comuni limitrofi a Castiglioni.
    In conclusione, credo che un ripensamento di tutta la vicenda non solo sia auspicabile, ma utile e doveroso, oltre che indispensabile per recuperare consensi alla Tua Amministrazione. E il tempo, intanto, corre in fretta .




    LUNEDì 06 LUGLIO 2009 13:37 - Santino Gallorini

    RispondiElimina
  51. ci sono!!! ci sono!!!
    raul

    RispondiElimina
  52. Ormai la lista insieme per mafalda ha vinto,la sera della vittoria sentivo dire dal signor laviano che la lista insieme per Mafalda rovina la frof.Aurelia Spatocco gli ho risposto che il sindaco uscente pensa solo per la salute sua,invece il sindaco Egidio Riccioni pensa sia per la salute sua e sia per quella del popoloe che la nostra mafalda non l'ha mai rovinato e non la rovinerà mai.

    RispondiElimina
  53. Giovedì 16 luglio, ci sarà il consiglio comunale, immagino che ci saranno delle novità.
    L'artefice del "grande"progetto Mafalda dove sarà?

    Gandalf

    RispondiElimina
  54. Giovedì 16 luglio, ci sarà il consiglio comunale, immagino che ci saranno delle novità.
    E voi Giovani Mafaldesi che vi siete dati lo scopo di informare, dove sarete?

    Possibile che con tanta tecnologia in giro, non abbiate un telefonino o un registratore (almeno l'audio) per archiviare questi momenti (storici) del dibattito democratico mafaldese?

    Se la volontà c'è i mezzi si trovano...

    Dalfgan

    RispondiElimina
  55. La prova te l'hanno dato nella canpagna elettorale!
    Se vuoi avere tutte, ripeto tutte, le registrazioni, puoi rivolgerti alla sezione: Insieme per Mafalda.

    RispondiElimina
  56. non ti preoccupare giovane! noi ci saremo al consiglio e scommetto pure che tu non ci sarai!

    RispondiElimina
  57. Siamo lo zimbello dell'intera Regione!!!

    RispondiElimina
  58. Dalfgan, come avrai notato i Giovani Mafaldesi ieri sera al consiglio comunale c'erano...tu sei andato via insieme alla minoranza per caso?
    A breve ti informeremo sull' accaduto...dacci solo un pò di tempo.

    RispondiElimina
  59. Non ci resta che "scappare"!
    Ennesima brutta figura!

    Povera sinistra, o meglio poveri coloro che speravano di essere rappresentati da persone pronti a combattere.
    L'esempio Valentini è stato preso alla lettera: "Se non sai cosa dire e ti senti in minoranza:scappa!"

    Eppure vi avevo avvertiti, siamo solo all'inizio, perciò preparatevi a combattere.

    Insieme per Mafalda è forte di menti e Ragioni. Hanno dimostrato che si lavora in gruppo ed in gruppo sconfigeranno lo scellerato progetto.

    Gandalf

    RispondiElimina
  60. x gandalf
    IMMAGINAVI NOVITA IN CONSIGLIO, CI SONO STATE?
    QUALI? INFORMACI.

    RispondiElimina
  61. Come non c'eri?
    Peccato!...
    In ogni modo puoi trovare un articolo sul "Quotidiano del Molise", o sei tra coloro che considerano tale giornale "spazzatura"?

    Per coloro che non sono del posto, la regione Molise ha rimandato indietro il piano di fabbricazione o meglio rigettato, presentato frettolasamente dalla passata amministrazione. Con questo la matassa siingarbuglia ancora di più per la Dafin Spa & C., vengono a mancare i requisiti per costruire l'inceneritore, visto che le altezze del vecchio piano erano inferiori ai 50 metri.
    Con ciò non si possono insediare industrie di classe A, come quella della Dafin Spa.

    Non obiettate dicendo che i lavori sono iniziati, mettere un mattone o la cartellonistica vuol solo dire: abbiamo iniziato per non far scadere i termii di inizio lavoro.

    Gandalf

    RispondiElimina
  62. GANDALF! ALLORA SE NON CI SONO I REQUISITI POSSIAMO STARE TRANQUILLI CHE LA CENTRALE NON SI FARA’ VERO?

    RispondiElimina
  63. TUSCIA, LE BIOMASSE CORLEONESI / che intende fare il Comune di Fabrica di Roma?
    FABRICA DI ROMA - VITERBO (UnoNotizie.it)

    In queste giornate travagliate dal caldo e dalla crisi economica, sul territorio di Fabrica si stanno addensando i 'fumi' di una serie di progetti, tutti con un impatto sulla popolazione, tutti lesivi della salute di chi respira e vive nel circondario, quale più quale meno... a seconda di quanto vicino si ha la casa...

    La voce della comunità deve farsi sentire e per questo è stato formato il comitato 'No Veleni nel mio paese', in particolare, però è indispensabile che quelle persone che i cittadini hanno delegato col voto, per una volta dimostrino di amministrare nell'interesse di tutti e non di pochi pescecani.
    Qui non si tratta di rifare una strada anziché un'altra, di fare un lavoro piuttosto che non farlo...

    Di fronte ai pericoli per la salute, di qualsiasi entità essi siano, il punto diventa non tradire la propria comunità!
    Martedì si svolgerà in Provincia la prima conferenza dei servizi sul progetto di Centrale a biomasse a Fabrica di Roma... se prima avevamo l'impressione che nessuno in comune avesse nemmeno letto questo progetto, adesso, dopo i clamori suscitati sulla stampa, speriamo che l'amministrazione di Fabrica si esprima in ragione degli interessi della popolazione e non di qualcun'altro di Corleone o di dovunque sia...

    Stavolta credo sia proprio il caso di dirlo chiaramente: “Palmegiani, Fabrica ti guarda: non sbagliare!”.

    Riccardo Fortuna
    Consigliere alla Provincia di Viterbo
    Rifondazione Comunista- Fabrica di Roma

    - Uno Notizie Fabrica di Roma -

    RispondiElimina
  64. ricordate che la centrale porterà occupazione per i giovani, la centrale a biomassa potrà portare tanti vantaggi al territorio.
    Bisogna credere nelle nuove iniziative e dar forza al futuro delle energie rinnovabili.

    RispondiElimina