lunedì 27 luglio 2009

I primi passi.

A più di un mese e mezzo dalle elezioni-referendum sul "Progetto Mafalda" sono in molti a chiedersi cosa sta facendo la nuova amministrazione per bloccare la costruzione della centrale a biomasse e quindi porre fine una volta per tutte a questa vicenda. Noi Giovani Mafaldesi abbiamo cercato di saperne di più avvicinando l' assessore più giovane, Aurelia Spatocco (che ringraziamo per la disponibilità), alla quale abbiamo rivolto alcune domande.

Aurelia, senza girarci troppo intorno: che situazione avete trovato riguardo alla costruzione della centrale?
E' una situazione davvero difficile e intricata!

Allora andiamo con ordine. L' ex sindaco disse in palestra, davanti a tutti, che le elezioni del 6 e 7 giugno sarebbero state il referendum sul "Progetto Mafalda" e che avrebbe bloccato la sua realizzazione in attesa del responso delle urne; ha fatto tutto ciò?
Assolutamente no! Egli ha portato avanti tutto ciò che poteva e doveva esser fatto per la costruzione della centrale, come ad esempio la delibera 30/04/09 sulla variazione del programma di fabbricazione per la zona PIP, approvata quando erano già state presentate le lste per le elezioni.

Quindi quali sono state le prime mosse della nuova amministrazione?
Direi che le possiamo riassumere nei punti 8, 9 e 10 presenti all' ordine del giorno del primo consiglio comunale del 16 luglio.
Innanzitutto abbiamo sbloccato i 5000 euro accantonati in favore della commissione tecnico-scientifica che avrebbe dovuto "vigilare" sull' operato della centrale; commissione che, vi ricordo, avrebbe avuto solo la facoltà di esprimere pareri non vincolanti e alla quale non avevano aderito 4 dei 9 membri designati.
Poi siamo intervenuti sulla delibera approvata il 30 aprile scorso la quale variava il programma di fabbricazione per la zona PIP (la zona industriale, praticamente): tale variazione permetteva l' elevazione di qualsiasi fabbricato fino a 50 metri di altezza, la stessa delle ciminiere della centrale. Inoltre questa delibera aveva cancellato il divieto di insediamento delle cosiddette "industrie insalubri" nella stessa zona PIP.
Tutto ciò è stato propedeutico al punto 10 all' ordine del giorno del consiglio comunale. Ci accingiamo a chiedere alla Regione il riesame del Provvedimento di autorizzazione per la realizzazione degli impianti della Dafin: ci teniamo a sottolineare il cambiamento della volontà popolare e, quindi, politica di Mafalda riguardo alla centrale.

E il vostro prossimo passo quale sarà?
Abbiamo in programma un incontro con le autorità regionali nel quale faremo loro presente le nostre ragioni, consegnando la delibera sul riesame di cui parlavo prima.

In paese però si dice che la centrale si farà lo stesso. Anzi, che i lavori sono già iniziati...
Anzitutto dobbiamo guardare le fonti da cui provengono notizie di questo genere; vi assicuro che non sono fondate: per il momento c' è un semplice cartello di inizio lavori, messo lì soltanto perché altrimenti la concessione edilizia sarebbe scaduta. In sostanza è un atto dovuto. E, aggiungo, una provocazione. Ma non ci spaventa e non fermerà il nostro deciso proposito di bloccare il "Progetto Mafalda", che non è portatore di sviluppo "condiviso" (come alcuni sostengono e come ho letto nel volantino "Goodbye sviluppo"), ma portatore di interessi di pochi a scapito della nostra salute, del nostro territorio e dei lavoratori della Smi.

Allora cosa dici a chi, nonostante tutto, continua a sostenere il progetto?
Intanto non credo che siano degli sciocchi, però vorrei dire loro di informarsi realmente e concretamente riguardo ai pro (ammesso che ce ne siano) ed ai contro legati alla costruzione di una centrale a biomasse di una simile dimensione.

In conclusione, cosa vuoi dire ai mafaldesi? La centrale s' ha da fare?
Io e l' Amministrazione comunale siamo più che ottimisti di vincere questa battaglia perché abbiamo mezzi efficaci. La centrale non si farà soprattutto grazie alla volontà e all' aiuto dei mafaldesi.

240 commenti:

  1. chissà quanto sarà stato pagato l'autore del volantino "goodbye sviluppo"... e poi, perchè i conigli della dafin non vengono a parlare con noi qualche volta?

    RispondiElimina
  2. ottima "intervista", con risposte in "politichese" per non dire nulla
    la "neofita" ingenua sulla politica si propne più che capace...

    RispondiElimina
  3. Valentini, ci ha preso in giro nel 2004, quando si è candidato a Sindaco, facendo votare la sua persona e dopo essere stato eletto si è accorto che non poteva assolvere all’incarico di sindaco perché troppo impegnato nei suoi affari, però ci ha tenuto a nominare un TUTOR, mettendo in evidenza le incapacità di tutti i componenti la sua squadra a ricoprire un simile incarico.
    Valentini è sceso in campo nel 2004, perché aveva già in mente il progetto della centrale, (ma più che nella sua mente, in quella di Marrollo). Si cercava un’Amministrazione consenziente per un tipo di progetto del genere e visto che non si trovava, l’Amministrazione lo si creava.
    Durante i cinque anni di amministrazione, tolto la strada sotto il Palazzo e la strada di collegamento alla costarella, non ha fatto nulla, se non negli ultimi tre quattro mesi, (vedi asfalto, terminal bus, e inizio lavori stradine interne.
    Valentini,ha imposto alla popolazione il piano traffico e il rifacimento della villa comunale, senza tener conto che la maggior parte di essa non era favorevole.
    Valentini, due mesi dalle elezioni del 6 e7 giugno, a dir poco con toni spavaldi, ripeteva in giro: “sarò il sindaco di Mafalda per altri trenta anni”. Ma alla formazione della lista elettorale si tira indietro e lancia il messaggio di rinnovamento, candidando giovani e scegliendosi anche il candidato sindaco giovane, facendo credere loro, che anche senza la sua candidatura a sindaco le elezioni lo avrebbero vinto comunque. Ma solo lui sapeva che questa sua scelta non era per il rinnovamento, ma solo perché, la sua carica di sindaco avrebbe potuto creare qualche problema oppure sarebbe stata incompatibile con certe situazioni che si andavano delineando. Perciò si candida a consigliere, perché anche se avrebbe vinto le elezioni, lui si sarebbe dimesso lo stesso.
    A Valentini non interessa amministrare Mafalda, altrimenti l’avrebbe fatto per i 5 anni al quale gli è stato dato il mandato di farlo. Tutto questo a discapito di chi vicino a lui ci credeva e si è schierato in lista convinto di poter dare un suo contributo onesto alla crescita di Mafalda e non ho dubbi che alcuni di loro sono stati ingannati.
    Cosa molto grave per chi si candida per amministrare un Comune, non rispettare la volontà dell’elettore. Questo, solo per far capire e riflettere a chi gli ha dato questa volta la fiducia con la preferenza, perché ritengo sia stata richiesta con falsità. Lui già sapeva che comunque andava si sarebbe dimesso, perché non ha tempo per fare l’amministratore di un Comune come Mafalda.
    Una domanda a chi lo ha votato: secondo te ha fatto bene a dimettersi?
    La parola da noi, si dice che vale più di una scrittura. Ma lui di parole negli ultimi tempi ne ha date tante senza rispettarle.
    Una per tutte: “Le Elezioni saranno il Referendum” (parole del Sindaco). Dopo aver perso il referendum ancora sta li che si batte per far si che questa centrale si realizzi.
    Agli elettori di Mafalda, sia di destra che di sinistra, un consiglio: quando si vota per scegliere chi dovrà rappresentarci amministrativamente, non scegliere secondo lo schieramento a cui si appartiene o le capacità e il titolo di studio del candidato, che sono sicuramente un ottimo biglietto da visita, guardate oltre queste referenze ed io ci metterei, l’onestà e l’ umiltà di chi deve rappresentarci. Le peggiori amministrazioni, si sono avute quando a rappresentarci erano gente con il solo titolo di studio o proprietari, dove il titolo di studio veniva usato per raggirare la povera gente e i proprietari per un loro ulteriore arricchimento personale.
    F.to DIABOLIK

    RispondiElimina
  4. un Giovane Mafaldese28 luglio 2009 17:47

    Anonimo delle 12:39, perché non la fai tu un' intervista migliore, visto che critichi?

    RispondiElimina
  5. giovane mafaldese è consentita ancora la critica in questo paese o no???

    Alla giovane assessore chiedo di essere più trasparente visto che questa amministrazione tale ha promesso di essere.Situazione difficile e intricata vuol dire tutto e niente e poi non credo l'abbia scoperto adesso visto che da gennaio esiste l'autorizzazione alla realizzazione della centrale.Sul vostro programma c'è scritto:"La nostra amministrazione assume l'impegno che nussuna centrale a biomasse o impianti invasivi e nocivi verranno realizzati sul nostro territorio." Voi siete di quelli che dicono che gli impegni vanno mantenuti,mi raccomando altrimenti i cittadini vengono preso in giro!!!

    RispondiElimina
  6. un Giovane Mafaldese28 luglio 2009 19:33

    Le critiche sono sempre ben accette, quando sono costruttive! Mentre mi sembra che tu abbia solo detto che le domande non ti piacciono. Allora ti chiedo: dimmi cosa avresti chiesto tu...così giriamo la domanda...

    RispondiElimina
  7. a proposito di cittadini presi in giro.... se firmi dei contratti fregandotene di cosa pensa la maggioranza del paese non prendi in giro nessuno? ricordati, 120 voti, tienilo in mente.

    RispondiElimina
  8. sono le risposte non le domande che lasciano... "pensare"

    RispondiElimina
  9. Anonimo ha detto...
    Prima c'erano i "leccaculi" di Valentini, ora ci sono i "leccaculi" di Riccioni, così la politica mafaldese rimane miope alle angherie del potere, che sono copiose e sempre più spregiudicate, con interessi che adesso ruotano intorno a Cupello, altro centro abruzzese, con buona pace per quanti si aspettavano un cambiamento, e per quanti si aspettano ancora di smantellare piazza, biomasse e piano traffico.

    RispondiElimina
  10. le risposte sono molto chiare e non lasciano spazio a nessuna speculazione, se tu vuoi pensare altro fai pure, vai a firmare i contratti, vai a festeggiare l'inizio lavori.
    continuate pure così che il comune ve lo riprendete presto... nel 2050, forse.

    RispondiElimina
  11. Povera Mafalda nelle mani di 4 caproni, senza cultura, senza intelligenza, senza sensibilità, appoggiati, ahimè, da ragazzi in cerca di notorietà!!!!!!

    RispondiElimina
  12. continua ad insultare, vai avanti così, ci fai solo un piacere, prima di parlare conta fino a 120...., vedrai che prima o poi ti passa

    RispondiElimina
  13. Poveraccio, non si accorge nemmeno dei suoi li miti e continua, imperterrito, a guardare la pagliuzza degli altri senza rendersi conto che ha una trave nll'occhio. Pensa che la democrazia dei numeri , magari con voti comprati con promesse,o dati in buona fede,sia la verità assoluta!!!
    Non sono insulti,caro giovinetto, ma constatazione di uno squallore che affonda le radici nell'arroganza del potere, di cui anche tu devi sentirti responsabile, sempre se hai cervello e sensibilità per il benessere sociale della nostra collettività. Non capisci che sul carro del vincitore ci sono saliti persone senza scrupoli, pronte ad osannare il condottiero, anche quando, dopo poco più di un mese,egli ha riproposto una politica clientelare della peggiore specie, aggravata da interessi personali e da promesse fatte, che sapeva di non poter mantenere, durante la campagna elettorale, al solo scopo di ottenere quei numeri a cui tu adesso dai una valenza magica.
    La realtà delle cose è diversa, come avrò modo di farmi leggere, speriamo con attenzione e senza posizioni preconcette da chi vuole capire, nei miei prossimi e più articolati interventi.

    RispondiElimina
  14. un Giovane Mafaldese29 luglio 2009 17:32

    Pendo dalle tue labbra, anonimo delle 15:46! Ecco l' ennesimo sapientone che ci spiegherà i mali del nostro paese: che onore!
    Perché non inizi a dirci chi sei, prima di insultare noi e molti mafaldesi?
    Se non vuoi posizioni preconcette inizia a porti in un altro modo nei confronti delle persone.
    Infine ti ricordo che i Giovani Mafaldesi sono un gruppo assolutamente indipendente dal punto di vista politico...e se ci siamo trovati dalla stessa parte dell' attuale amministrazione è solo perché questa parte è contraria alla centrale, mentre l' altra continua ciecamente a volerla; ma siamo pronti a combattere anche contro chi c'è adesso al comune, se non dovesse rispettare le promesse.

    RispondiElimina
  15. Leggo da Primonumero del 24-07-2009, a proposito della campagna tesseramenti del Pd a Mafalda:
    "La sconfitta elettorale non è sicuramente piacevole, ma la sconfitta politica è di gran lunga peggiore. Il circolo del PD del paese bassomolisano può essere sicuramente fiero che nonostante la sconfitta elettorale non abbia subito una sconfitta politica, anzi oggi dimostra di essere ancora più forte di com’era prima delle elezioni. Un buon punto per partire e la dimostrazione che, come ha concluso il capo della minoranza Di Iulio, non si è davvero soli quando le idee sono buone e quando le si vive con passione."
    Leggo e mi chiedo: ma credete davvero in quello che dite??? Intesa democratica è come il Pd: sconfitta politicamente già prima delle elezioni, altroché! E la dimostrazione viene dal fatto che nessuno in quel partito se ne è ancora accorto (anzi, c'è una sola persona che lo ha capito, il Grande Capo, che infatti ha pensato bene di abbandonare la nave che affondava inesorabilmente).
    L' unica differenza che corre tra Intesa democratica e il Pd è che la prima ha almeno un passato "glorioso" da ricordare, mentre l' altro è nato già sconfitto politicamente: così, Intesa democratica avrebbe potuto anche vincere per caso (per un paio di voti in più) le elezioni, rimanendo comunque politicamente sconfitta, mentre il Pd non ha alcuna speranza...e noi, ahimé, avremo ancora altri decenni di governi Berlusconi...

    RispondiElimina
  16. caro giovane mafaldese comincia a dirlo tu chi sei subito dopo lo dico anchio.Per adesso ti dico che sono giovane anchio.

    RispondiElimina
  17. ASSESSORE TI è STATA RICHIESTA TRASPARENZA!!!

    RispondiElimina
  18. si, certo, magari una trasparenza di milano moda.
    vai a chiedere trasparenza al tuo capo. auguri.

    RispondiElimina
  19. Non sono un sapientone e nemmeno un coglione, come tu vuoi farmi passare con la tua ironia.
    Le offese non la faccio per mio costume, ma non posso far finta di non vedere quanta miseria umana c'è in mezzo a voi, tra quelli che, pur di apparire , si mettono a fare i giullari di corte. Ti invito a non liquidare un intervento con una semplice battuta, ma a fare un'analisi seria se vuoi che io continui a mantenere un atteggiamento di apertura e di confronto verso le tue idee.
    Se poi vuoi giudicarmi dal volto che c'è dietro questi miei interventi, niente da obiettare perchè sono una persona libera, indipendente, non allineato con nessuno,senza rancori o vendette da consumare, ma sempre pronto al confronto, a viso aperto e a muso duro. Non mi spaventa la razionalità,che amo usare sempre nei confronti, ma detesto chi usa luoghi comuni,(ed il blog è ricco di esempi),manipolando in tal modo la comunicazione per renderla pura e semplice suggestione da somministrare come fosse uno spot televisivo.
    Invito te e gli altri a meditare, e soprattutto a giudicare sulla base delle idee che una persona esprime, e non sulla sterilità dell'appartenenza sociale o politica, che sono delle etichettature di comodo che utilizziamo per avere una parvenza di verità da utilizzare nei nostri giudizi.
    Vedi, mi chiedi di rivelare il mio vero volto, cosa che a me non dispiace farlo, perchè non ho niente da nascondere, e non sono un coniglio, come spesso spudoratamente qualcuno senza volto ha scritto su questo blog, riferendosi ad altre persone, senza rendersi conto che le offese, almeno quelle personali, quando si fanno devono essere fatte a viso aperto, mentre le idee possono manifestarsi anche senza riferimento alla fonte.

    RispondiElimina
  20. dici di detestare chi usa luoghi comuni ma finisci per usarli anche tu, e poi è brutta cosa detestare qualcuno.
    poi dici che "le offese quando si fanno devono essere fatte a viso aperto" ma tu accusi la lista vincente di aver comprato voti senza darne una prova, e poi, scusa, ma secondo me, le offese non vanno mai fatte, tu che ne pensi?
    parli anche di posizioni preconcette e non ti rendi conto di quanto facilmente ti fai riconoscere di parte. e meglio mi fermo qui.
    comunque voglio solo dirti che non appartengo al gruppo dei giovani mafaldesi. ancora auguri.

    RispondiElimina
  21. Poveracci, io sono contro i corrotti, i corruttori, i disonesti, i bugiardi, i voltagabbana, gli opportunisti, i sepolcri imbiancati................. se questo è di parte, io lo sono, poi se tu dici che parteggio per la sinistra, quella onesta, ebbene, è vero, ma sappi che le miei posizioni, quando le manifesto con inpeto, sono sempre valutate con molta attenzione, senza mai essere disonestamente di parte.
    Le mie accuse non sono parole buttate al vento solo per occupare un poco di spazio nel blog, ma vengono da una consumata esperienza di persona che conosce bene l'animo umano di coloro che oggi amministrano con pressapochismo il comune di Mafalda. Le mie accuse si riferiscono alle tante promesse fatte durante la campagna elettorale,che non sono offese personali, ed io posso in qualsiasi momento , se vuoi, renderti edotto di quanto da me affermato. Poi, sono accuse a tutta l'amministrazione, non ad una singola persona, quindi l'anonimato in questo caso non "c'azzecca"

    RispondiElimina
  22. "Il Progetto Mafalda rimane il manifesto del gruppo Intesa Democratica ed ora anche quello del PD di Mafalda" (http://www.termolionline.it/notizie/boom-di-iscritti-al-partito-democratico-oltre-100-le-tessere-consegnate-11511.html)

    Lo dico a chi pretende infeudarsi un movimento politico alle proprie ambizioni imprenditoriali e clientelare: È USURPAZIONE. Una delegittimazione della Res Pubblica. Una contraddizione flagrante dei statuti del PD. Una strumentalizzazione casareccia, agricola del Partito Democratico. Una villaneria.

    Così facendo dimostrate solo il vostro provincialismo e immaturità politica. Fate di un movimento politico un aggregato di vassalli scervellati.

    RispondiElimina
  23. Caro anonimo "protagonista" degli ultimi interventi, mi permetto di intervenire nella querelle tra te e i GM in generale, prima di tutto perché sono uno di loro: parlando di noi dici che non puoi "far finta di non vedere quanta miseria umana c'è in mezzo a voi, tra quelli che, pur di apparire , si mettono a fare i giullari di corte" e questa mi pare un' offesa bella e buona; l' altro motivo che mi spinge ad intervenire è che parli dell' "animo umano di coloro che oggi amministrano con pressapochismo il comune di Mafalda": in questo caso mi sento offeso come figlio di uno di quelli che oggi amministrano. Ti posso assicurare che nessuno, né mio padre né io né altri, ha fatto promesse durante la campagna elettorale, se non quelle di fermare la centrale e di amministrare bene.
    Quindi non ci sto!! E ti sfido a rendermi edotto di quanto da te affermato.
    Rifletti bene su quello che scrivi: io tutta 'st' apertura non la vedo...
    Un' ultima cosa: come ben saprai anche io mi ritengo una persona di sinistra, quella onesta...e spero che sarai d' acoordo con me nel pensare che a Mafalda un partito di sinistra non c'è...

    RispondiElimina
  24. Quando parlo di pressapochismo mi riferisco alla squadra in generale, al cui interno, certamente, ci sono persone illuminate, ma che nulla possono fare sia in termini di moralizzazione della politica mafaldese, sia come capacità di guardare oltre l'angolo, per cercare spazi nuovi per ridare al paese un minimo di vivibilità. Caro giovane, è giusto che tu difenda la tua famiglia, come avrei fatto anch'io, ed è anche giusto che tu consideri nobili i propositi che animano te e tuo padre, ma non puoi far finta di non vedere il degrado sociale del nostro comune, con un tessuto sfilacciato, con comportamenti umani al limite della comicità,che si manifestano con oltraggi verbali su quanto di buono è stato fatto, a partire dalla piazza, per passare al piano traffico,le cui opere sono oggetto continuo di dileggio e di rifiuto assoluto persino di sostare sulla pavimentazione , come se l'opera fosse appestato , o peggio ancora, come se gli altri, quelli della parte politica opposta, fossero degli untori di antica memoria. Tutto questo cade nella rsponsabilità anche di tuo padre, almeno per l'ignavia che mostra. La sinistra, e qui faccio anche l'avvocato del diavolo, ha avuto grosse responsabilità nel passato per il clima di astio che ha contribuito a diffondere , ma la destra, quella che ha combattutto quel sistema, ora si ritrova ad imitarlo.
    Per quanto riguarda il clientelismo, o sei ingenuo o fai finta di non vedere quanto già traspare dalle prime iniziative di questa amministrazione.

    RispondiElimina
  25. Caro anonimo,delle 10,22, ma l'hai in mente la lista di Intesa Democratica?
    Parli di clientelismo poi.

    Per favore non alimentiamo sterili discussioni e se permetti dai il giusto tempo a chi deve operare.

    Qui si parla dei primi passi e ci sono stati.
    Ricorda che ci troviamo in una situazione economica, comunale, al limite se non al di là di ogni aspettativa, altra manovra bieca della passata amministrazione.
    Se poi ti reputi di "Sinistra" allora io sono di quella più estrema! Visto che se hai condiviso una politica che di "Sinistra" non ne ha nemmeno l'ombra.
    L'esempio è quello che succede in campo nazionale e non è altro che lo specchio della nostra realtà cittadina, anzi peggio.
    Il pressapochismo è l'andamento avuto da i pro "Progetto Mafalda" che non hanno mai affrontato il problema in modo serio ed hanno solo creduto al "Progetto Valentini, Marrollo ed agli investitori venezualani",Con il loro portabandiere ed elegante Alcalà (spero di aver scritto bene il suo nome).
    Se vuoi parlare di plitica avanti, dimmi una per una le opere fatte dal tuo "Capo" dal suo insediamento ad oggi(il passato è anche quando hanno amminstrato gli altri per lui).
    Se vuoi essere utile pensa libero e veramente di sinistra!

    Gandalf

    RispondiElimina
  26. Io non sono stato mai sostinitore di Valentini, e nemmeno l'ho mai votato, come tanti tuoi compagni di viaggio, o di meranda, hanno fatto. Smettila di dire baggianate se vuoi che io ti prenda in considerazione, ed impara a leggere attentamente quanto da me scritto, senza ascriverni ad una parte. Ma tu non conosci, come tanti la pluralità delle idee, e cosideri una persona o pro o contro, come se le due persone di Mafalda, alla guida dei due schieramenti, fossero i depositari, l'una della verità, l'altra della menzogna, l'una del bene, l'altra del male, rendendoti , in tal modo, responsabile di quegli atti insulsi che provengono dalla tua visione manichea della società.
    Non ho parlato del progetto Mafalda, ma sappi che in quel progetto la tua parte lo ha bocciato solamente per convenienza, giocando sulla buona fede dei giovani e complottando con l'associazione, alla quale, dopo un collateralismo intriso di opportunismi personali, l'amministrazione ha pagato, con i soldi pubblici, le spese sostenute.
    Ci sono tante altre cose, ma per il momento basta così, chiedendoti di non cantare le stesse canzoni, altrimenti mi costringi a suonartele.

    RispondiElimina
  27. Se vuoi ti do il La!
    Poi attenzione a parlare di voti, Gandalf non è certo un mito della "sinistra".

    La tua ricetta?
    Sai per sapere e capire come è possibile affrontare questo degrado "umano".

    Gandalf

    RispondiElimina
  28. si capisce che sei per la terza lista, ma sei arrivato un pò tardi, oppure troppo presto.
    non metterti a fare il moralizzatore proprio adesso con questo caldo. buon ferragosto.

    RispondiElimina
  29. Dall ultime battute di questo blog so comprende come a Mafalda oltre a fare caldo, ci siano ancora degli ardori da spegnere.
    Basta, fnitela con sta roba!!!!!!
    Valentini ha "amministrato per 5 anni" provando a rifilare ai Mafaldesi il progresso con una centrale a biomassa. La gente non la vuole quindi Valentini si deve rassegnare.
    Coloro che Amministrano ora hanno fatto un programma, lasciamoli lavorare.
    Sono tre giorni che manca l'acqua, questi sono i problemi di Mafalda, i problemi che debbono risolvere gli Amministratori.Poi tutti gli altri, molti di questi portano sviluppo anche senza biomassa.
    Fino a quando non stemprate gli animi, non farete il bene del Vostro paese.

    RispondiElimina
  30. Anonimo dalle idee incomprese, non hai capito una cosa: io penso con la mia testa, non con quella degli altri, né con quella dell' ex né con quella dell' attuale sindaco! Quindi sbagli quando dici che si è giocato con la buona fede di noi Giovani Mafaldesi.
    Parli tanto delle tue idee ma finora mi è sembrato di capire che sei contro entrambi gli schieramenti (cosa molto facile, a Mafalda le critiche sono lo sport preferito...). Ebbene, cosa proponi?

    RispondiElimina
  31. Intanto le battute servono solamente a nascondere la stupidità delle persone,specialmente quando, ed è il tuo caso, si tratta di rispondere a delle sollecitazioni che vengono da chi si presenta qui con delle "idee", che penso non siano bislacche.Poi, lo sforzo che fai per capire l'appartenenza di una persona all'uno o all'altro schieramento denota altra stupidità mentale perchè , anche tu, come fanno in tanti sciocchi qui, pensi che la fonte solamente possa dare autorevolezza alla comunicazione.
    E' solamente vergognoso usare espressioni che sono giudizi a priori, vere e proprie richieste di appartenenza all'uno o all'altro gruppo, come se la vita di ognuno di noi non fosse manifestazione autentica di libertà, ma ricerca di un modello di vita standardizzato, omologato, ritualizzato dalla moda collettiva. Tu non puoi capire queste cose perchè sei per la moda dell'appartenenza, così sei protetto, riverito,persino giocato dal potere,ma contento di parteciparvi e di contribuire alle furbizie altrui.
    Altra annotazione, io sono di sinistra, quindi schierato, ma ciò non toglie che io non sia critico ,come lo sono stato più di voi e apettamente con Valentini,(anche in difesa di uno del vostro schieramento, che ora è in mezzo a voi a spartire la torta), mentre voi vi siete esercitati, nel segreto e nell'aninimato, a chiamarlo "coniglio".

    RispondiElimina
  32. ma quali idee? ti sei presentato sul blog solo per dire che tutto è marcio, e continui ad insultare un pò tutti, a destra e manca. auguri.

    RispondiElimina
  33. “Due cose sono infinite: l’universo e la stupidità umana, ma riguardo l’universo ho ancora dei dubbi.”
    Albert Einstein

    RispondiElimina
  34. Il saggio sa di essere stupido, è lo stupido invece che crede di essere saggio.
    William Shakespeare

    RispondiElimina
  35. Uno sciocco trova sempre uno più sciocco che lo ammira.
    Nicolas Boileau

    RispondiElimina
  36. Ci sono scemenze ben presentate come ci sono scemi ben vestiti.
    Nicolas de Chamfort

    RispondiElimina
  37. In politica la stupidità non è un handicap.
    Napoleone I

    RispondiElimina
  38. Dovunque e comunque si manifesti l'eccellenza, subito la generale mediocrità si allea e congiura per soffocarla.
    Arthur Schopenhauer

    RispondiElimina
  39. Le persone sagge parlano perché hanno qualcosa da dire. Le persone sciocche perché hanno da dire qualcosa.

    RispondiElimina
  40. Un cretino è un cretino. Due cretini sono due cretini. Diecimila cretini sono un partito politico.
    Franz Kafka

    RispondiElimina
  41. Se un milione di persone crede ad una cosa stupida, la cosa non smette di essere stupida.
    Anatole France

    RispondiElimina
  42. Molti dei nostri uomini politici sono degli incapaci. I restanti sono capaci di tutto.
    Boris Makaresko

    RispondiElimina
  43. A la mona por mas que la vistan de seda MONA QUEDA!!!
    KUNTA QUINTE

    RispondiElimina
  44. Aunque la mona se vista de seda, mona se queda.
    Anche se una scimmia si veste di seta, scimmia rimane.

    RispondiElimina
  45. Arbol que nace torcido jamás su tronco endereza.
    Chi nasce tondo non muore quadrato.

    RispondiElimina
  46. visto che hai letto soltanto le frasi celebri di
    qualche autore a quanto pare dovresti leggerlo sul serio "kunta kinte", impareresti molto, se non ricordo male il titolo del libro è "radici".

    RispondiElimina
  47. Certo e 'radici'erala storia alla TV

    RispondiElimina
  48. Giro l'invito a quanti qui scrivono sproloqui.

    RispondiElimina
  49. @ diabolik
    Il tuo primo commento in questo post è davvero uno dei migliori che io abbia mai letto riguardo alla situazione di Mafalda nei cinque anni passati.

    Diamine io credo che se un sindaco davvero pensa che un progetto sia cosi buono e innovativo lo metterà nel programma elettorale, non lo tirerà fuori a cose fatte quando ormai "comanda lui" e gli altri possono rassegnarsi. Per esempio nel mio paese il progetto di fare una nuova piazza, che potrà essere o meno condivisibile, è stato sbandierato ai quattro venti durante la campagna elettorale, perche non è certamente un intervento che decidi un giorno per l'altro!

    Inoltre hai ri-messo in luce una delle cose che, personalmente, ho trovato piu assurde della amministrazione Valentini: IL TUTOR!!
    Tralasciando il fatto che solo il termine TUTOR mi da un non so che di offensivo nei confronti del resto dell'amministrazione (per tutor mi viene da pensare a una persona che aiuta li dove gli altri non sono in grado); se vuoi candidarti (e a quanto pare sei anche sicuro di vincere) dovrai fare qualche sacrificio per il tuo paese, non che fai il sindaco a tempo perso o solo per quello che interessa a te.
    Continuando il discorso e dando per scontati questi primi punti continuerei chiedendomi quale sia, in una situazione del genere, la funzione del vice sindaco, direi che tutti sapete quale sia, ma evidentemente a Valentini il proprio vice non ispirava particolare fiducia!!

    Vorrei anche dire una cosa a tutti quelli che parlano di servilismo nei confronti del nuovo sindaco e dire: se ci pensate bene siete proprio voi quello che l'hanno fatto vincere, sostenendo senza valide ragioni un progetto cosi assurdo!

    RispondiElimina
  50. @ Anonimo che riporta le frasi e gli aforismi

    Io ne aggiungerei una personale e molto piu attuale:
    "Il saggio pensa e scrive, le persone citano, lo sciocco copia e incolla da google le citazioni"
    LEONARDO

    Per l'amor di Dio sono tutte molto belle... ma la funzione??? Pensa con la tua di testa!

    RispondiElimina
  51. Le citazioni servono a ricordare che ci sono delle verità che sopravvivono nel tempo e si rendono vive anche oggi, nonostante i lustri di anni passati.Lo sciocco non è chi non ascolta gli altri, dai quali si ha sempre da imparare, ma chi sa di sapere, mentre il saggio, come lo era Socrate, considerato il più sapiente di Atene dell'epoca, ha sempre un'unica certezza, che è quella di non sapere.
    Il "Tutor", termine inviso a te, derivato dalla botanica, letteralmente significa sostegno alle giovani piante, ma, generalizzando ed allargando il significato, ha anche la valenza di consulente, ovvero, di persona che offre aiuto, per la sua esperienza e con la sua professionalità, a chi ne ha bisogno.
    Neanche all'amministrazione attuale piace usare il termine "Tutor", tant'è che al suo posto ha nominato un consulente legale con retribuzione mensile, che è , guarda caso, di San Salvo, esattamente la città del "Tutor" dell'amministrazione precedente.
    La differenza tra l'uno e l'altro esiste solamente perchè quest'ultimo non avrà l'obbligo della presenza continua nel comune di Mafalda, quindi la popolazione non avrà il fastidio di vederlo spesso, ma la retribuzione, pare di 1000 euro al mese,inciderà ugualmente nelle casse comunali.
    Come vedi, caro Leo, la musica non cambia, anzi, diventa sempre più stonata!!
    Se tu usassi anche la testa degli altri prenderesti meno cantonate; ma io so che non la usi, anzi, sempre più spesso attingi all'immensità della cultura clientelare dell'attuale sindaco, ma lo fai solamente perchè è triste riconoscere che c'è chi ha approfittato della tuo buona fede.
    Continua a farti domande, ma falle allargardole ad un orizzonte più vasto.

    RispondiElimina
  52. Per l’anonimo del 30 luglio 18.04
    Non prenderla come una polemica
    Persone illuminate ma che non possono fare nulla perché non hanno le capacità di guardare oltre l’angolo per ridare al paese un minimo di vivibilità…… Ma questa vivibilità, da chi ci è stata tolta?... Chi fa l’amministratore può anche sbagliare o fare certe scelte non condivisibili con la cittadinanza, ma se lo fa nonostante convinto di sbagliare o per fare favori ad amici, questo non è ammissibile per nessun amministratore di qualunque schieramento. Il clima di astio a Mafalda, viene creato a proposito, ogni qualvolta ci sono le elezioni amministrative da chi ci vuole prenderci per i fondelli. Perché non si crea quest’astio quando ci sono le politiche? Forse sono meno importanti? Oppure ai politici locali quello che accade a livello nazionale non interessa, perché si curano solo l’orticello loro?. Di quale sinistra sono questi? Della sinistra di Mafalda?. Se tu sei di sinistra e non sei mai stato un sostenitore di Valentini, devo riconoscerti che hai visto lontano cose che a me c’è voluto del tempo, ma posso assicurarti che quando l’ho sostenuto ci credevo ed ero convinto e posso dire che sono state fatte anche cose buone. Ma quando uno perde la sua identità di uomo politico e le sue idee di sinistra scompaiono dalla sua mente. Queste persone perdono tutta la loro credibilità, specie se predicano di un modo e razzolano di un altro e permettimi di dire che a queste persone è difficile attualmente ancora credergli. Si parla di pluralità di idee, a Mafalda, anche le idee ti vengono imposte, per una non libertà, perché persone influenti, impongono a una parte della popolazione la loro idea che, se non condivisa, dicono che ti si chiuderanno le porte e tu anche se ritieni questa idea sbagliata devi accodartici. (Vedi il caso della centrale a biomasse): Gente di sinistra che se pur pensandolo diversamente, ma solo perche è stata un’idea di uno di sinistra deve portare avanti questa idea e mi riallaccio a quando dici che è giusto che uno difenda la sua famiglia. Io dico che un’idea sbagliata, può venire pure da tuo padre, ma se ritieni che è sbagliata devi dire che è sbagliata, cosa vuoi difendere?. A riguardo della parte che ha bocciato il progetto Mafalda solo per convenienza, come tu affermi, posso dirti che visto i risultati, la convenienza è stata della maggior parte dei cittadini di Mafalda che hanno espresso la loro contrarietà a questo progetto e non dirmi che si è giocato sulla buona fede dei giovani mafaldesi. i giovani questa volta hanno voluto essere partecipi a decisioni che riguardavano il loro futuro in questo territorio e non hanno accettato che gli si veniva imposto un così grande progetto per il futuro di Mafalda, senza far esprimere una loro idea. L’amministrazione insediatasi da 2 mesi, ha preso come primo impegno, quello di combattere a tutti i costi la realizzazione della centrale, conoscendo un po’ la situazione in cui stanno operando, posso dire che si stanno adoperando con tutte le loro forze, togliendo forse in questo momento l’attenzione anche ad altri problemi che a Mafalda purtroppo vi sono, per questo si può dire che è prematuro rivolgere accuse, o dare giudizi in così breve tempo sul loro operato. Anzi invito a vigilare visto che sono convito che l’opposizione preposta non lo farà, fatelo voi cittadini, anche attraverso questo blog. La critica, se è fatta senza interessi di parte, ma stando dalla parte dei cittadini, credo sia la cosa migliore anche per una buona amministrazione dove tutti ne trarranno dei benefici. Ma questo, l’opposizione non lo farà mai.
    F.to DIABOLIK

    RispondiElimina
  53. Scusa Diabolik ma l'anonimo a cui ti riferisci si chiama Alessandro ( 30/07/2009 18:04 ).
    Credo di capire a chi tu ti sia rivolto ma è meglio se lo dici tu. Comunque, finora sono d'accordo con te in tutto.

    RispondiElimina
  54. DIBOLIK, intanto ti dico che apprezzo il tuo intervento, che sicuramente è fatto con il cuore, da persona che crede in certi ideali, ed io mi rallegro con te. La critica, per quanto spesso si legge qui, è sempre costruttiva, anche quando si verificano eccessi verbali, o forzature di qualsiasi natura, mentre, credo, che il rispetto di chi la pensa diversamente è d'obbligo, da parte di tutti: solamente in tal modo si riesce a dare quella spinta propulsiva che serve al bene della nostra collettività. Sono stato sempre il sostenitore del ricorso al popolo per le decisioni sulla Biomasse, ma l'ho fatto sempre riconoscendo, come ho avuto modo di scrivere in tanti miei interventi, che sulle questioni ambientali si dovesse ricorrere ad un referendum. Ebbene, detto ciò, devo, purtroppo , constatare che quasi tutti quelli che si sono mossi contro la biomasse, ed io li conosco, hanno agito per un tornaconto, senza avere la necessaria sensibilità verso l'ambiente, prova ne è che l'associazione, creata con l'intendo di mantenere l'indipendenza, è scivolata verso posizioni politiche di appoggio diretto alla candidatura di Riccioni, tant'è che tutte le spese da essa sotenute sono state pagate dalla collettività, sia dalla parte contraria alla biomasse, sia da quella favorevole, mentre i suoi membri sono saliti sul carro del vincitori Non ti sembra tutto ciò da condannare?
    I giovani sono stati da me sempre apprezzati, ma sono stati anche messi in guardia contro le furbizie del sindaco attuale,il quale spesso ha utilizzato, in nome di ideali a lui estranei,gli altri, pur di ottenere l'ambita poltrona.
    Se ti guardi intorno, non puoi non vedere quanti aspettano dalle furbizie del potere vantaggi personali, elargiti copiosamente già in questa prima fase del potere:dal sottobosco ai sottoBoschetti, dai fondi all'associazione alle assunzioni,per non parlare di incarichi vari, tutti rigorosamente a vantaggio della parte allineata.
    Vogliamo far finta di non vedere e lasciarlo fare? Io che conosco l'arrampisco di certe persone, ma che conosco anche la debolezza di altre, (che peccano di ignavia), pur capaci, non posso far finta di non vedere, e sono qui per denunciare le loro malefatte.
    Mi dispiace molto quando sono costretto ad usare toni duri verso persone che mostrano buona fede, come ho fatto, sbagliando, con Mastrangelo, al quale voglio solamente dirgli che quelle espressioni non erano dirette personalmente a lui, o a suo padre,che stimo entrambi per la loro serietà, ma agli opportunisti delle retrovie. Per Leonardo non ho pentimenti perchè gli sciocchi non sono quelli che riportano il pensiero altrui, ma i presuntuosi e gli arroganti, quelli che pensano che la loro testa sia sufficiente per conoscere l'umanità.

    RispondiElimina
  55. Sono d'accordo con DIABOLIK, credo che meglio aspettare cosa fa la amministrazione attuale, MA DOVREMO ESSERENOI 'I TUTORI' CHE CONTROLANO, ARRIVA UN PUNTO CHE DOVREMO COMINCIARE A RICHIAMARE COSA FANO? ADESSO C'E LA LIBERTA DI FARLO E SIAMO IN DEMOCRAZIA, NON è VERO?,PERCHE GRAZIE A DIO IL LUPO CATIVO SOLTANTO PUO VENIRE A FARE UNA VISITA AI SUOI FEDELI, ADESSO A PERSO TUTTO,NON CENTRA NIENTE NELLA VITA DI MAFALDA E MENOMALE CHE COSI SONO LE COSE...
    K.KINTE

    RispondiElimina
  56. Chiedo scusa ad Alessandro, per aver citato erroneamente il suo intervento e ringrazio l'anonimo/a attento a farlo rilevare. Comunque, vista l'attenta correzione,che apprezzo con piacere, correggendomi dico che, mi riferivo ai commenti del 31 luglio 2009 10.22 e 11.37.
    F.to DIABOLIK

    RispondiElimina
  57. Hasta la victoria siempre


    Che Guevara

    RispondiElimina
  58. A DIABOLIK consiglio di leggere con più attenzione il programma elettorale che l’attuale amministrazione ha presentato agli elettori. Nel programma troverà non solo l’impegno a combattere la realizzazione della centrale a biomasse,ma anche l’impegno che nessuna centrale a biomasse o impianti invasivi e nocivi verranno REALIZZATI sul nostro territorio,poi vi è un altro impegno preso e non onorato che è quello di indire una consultazione popolare nei primi trenta giorni. Gli elettori si sono espressi su quest’ impegni!

    RispondiElimina
  59. http://www.ilpontemolise.it/dettail.php?id=3942
    Vuole esportare anche a Montefalcone del Sannio il "Progetto Mafalda",che altruismo...

    Ma la "Sinistra" dov'è?

    RispondiElimina
  60. Per l’anonimo del 30 luglio 18.04
    Non prenderla come una polemica
    Persone illuminate ma che non possono fare nulla perché non hanno le capacità di guardare oltre l’angolo per ridare al paese un minimo di vivibilità…… Ma questa vivibilità, da chi ci è stata tolta?... Chi fa l’amministratore può anche sbagliare o fare certe scelte non condivisibili con la cittadinanza, ma se lo fa nonostante sia convinto di sbagliare o per fare favori ad amici, questo non è ammissibile per nessun amministratore di qualunque schieramento. Il clima di astio a Mafalda, viene creato a proposito, ogni qualvolta ci sono le elezioni amministrative da chi ci vuole prenderci per i fondelli. Perché non si crea quest’astio quando ci sono le politiche? Forse sono meno importanti? Oppure ai politici locali quello che accade a livello nazionale non interessa, perché si curano solo l’orticello loro? Di quale sinistra sono questi? Della sinistra di Mafalda?. Se tu sei di sinistra e non sei mai stato un sostenitore di Valentini, devo riconoscerti che hai visto lontano cose che a me c’è voluto del tempo, ma posso assicurarti che quando l’ho sostenuto ci credevo ed ero convinto e posso dire che sono state fatte anche cose buone(?). Ma quando uno perde la sua identità di uomo politico e le sue idee di sinistra scompaiono dalla sua mente. Queste persone perdono tutta la loro credibilità, specie se predicano in un modo e razzolano in un altro e permettimi di dire che a queste persone è difficile attualmente ancora credergli. Si parla di pluralità di idee, a Mafalda, anche le idee ti vengono imposte, per una non libertà, perché persone influenti(!?), impongono a una parte della popolazione la loro idea che, se non condivisa, dicono che ti si chiuderanno le porte e tu anche se ritieni questa idea sbagliata devi accodartici. (Vedi il caso della centrale a biomasse): Gente di sinistra che se pur pensandolo diversamente, ma solo perché è stata un’idea di uno di sinistra (???) deve portare avanti questa idea e mi riallaccio a quando dici che è giusto che uno difenda la sua famiglia. Io dico che un’idea sbagliata, può venire pure da tuo padre, ma se ritieni che è sbagliata devi dire che è sbagliata, cosa vuoi difendere? A riguardo della parte che ha bocciato il progetto Mafalda solo per convenienza, come tu affermi, posso dirti che visto i risultati, la convenienza è stata della maggior parte dei cittadini di Mafalda che hanno espresso la loro contrarietà a questo progetto e non dirmi che si è giocato sulla buona fede dei giovani mafaldesi. i giovani questa volta hanno voluto essere partecipi a decisioni che riguardavano il loro futuro in questo territorio e non hanno accettato che gli si veniva imposto un così grande progetto per il futuro di Mafalda, senza far esprimere una loro idea. L’amministrazione insediatasi da 2 mesi, ha preso come primo impegno, quello di combattere a tutti i costi la realizzazione della centrale, conoscendo un po’ la situazione in cui stanno operando, posso dire che si stanno adoperando con tutte le loro forze, togliendo forse in questo momento l’attenzione anche ad altri problemi che a Mafalda purtroppo vi sono, per questo si può dire che è prematuro rivolgere accuse, o dare giudizi in così breve tempo sul loro operato. Anzi invito a vigilare visto che sono convito che l’opposizione preposta non lo farà, fatelo voi cittadini (e i su' citatati giovani mafaldesi), anche attraverso questo blog. La critica, se è fatta senza interessi di parte, ma stando dalla parte dei cittadini, credo sia la cosa migliore anche per una buona amministrazione dove tutti ne trarranno dei benefici. Ma questo, l’opposizione non lo farà mai.
    F.to DIABOLIK Ma la "Sinistra" dov'è?

    RispondiElimina
  61. Nicola Valentini si frega le mani
    Berlusconi: «Il progetto si fonderà sulla rete creditizia delle banche di Credito cooperativo»


    Intervista al Mattino/ Berlusconi: «Sud e salari
    Ecco il piano. E lo guiderò personalmente»

    «Retribuzioni legate al costo della vita sul territorio»
    «Infrastrutture, turismo e innovazione per lo sviluppo»
    «Sui tagli solo pregiudizi dalle Regioni di sinistra»


    Quando partirà la banca per il Sud? Sarà privata o pubblica?
    «Alla nuova Banca del Mezzogiorno, che vorremmo operativa sin dalla ripresa dopo la pausa estiva, sta lavorando il ministro Tremonti, che ha già reso note alcune coordinate dell’iniziativa». Il governo, come ha detto Tremonti, è convinto del fatto che "le banche che operano nel territorio ma non sono del territorio non bastano" perché "solo un ceto bancario radicato nel territorio ed espressione della classe imprenditoriale locale è in grado di effettuare una politica selettiva del credito" tale da rilanciare lo sviluppo del Mezzogiorno. Il progetto si fonderà sulla rete creditizia delle banche di Credito cooperativo, che nelle regioni del Sud sono presenti con oltre 600 sportelli che nel 2008 hanno raccolto 14,6 miliardi e ne hanno impiegati 10».

    RispondiElimina
  62. Ma la "Sinistra" dov'è?

    A quanto la conversione pubblica del Nicola Valentini e pseudo pid(ue)ini nel calderone di Papi

    Sinistra se ci sei, scrollati le pulci (o la rogna che hai in corpo)

    RispondiElimina
  63. a come noto,vige un'ignoranza su questo blog,non indifferente,sembrate animali vaganti in un labirinto senza uscita,vi offendete a più non posso senza onori in causa,il male di questo paese siete voi, e soltanto voi!nel 2009 rifiutare fonti di sviluppo rinnovabili è da folli,poiché tutta l'europa si stà mobilitando alla realizzazione di più siti;non capisco...a già...voi siete seguaci del premier,che sta facendo di tutto per installare la nucleare a TERMOLI,ritenuto sito idoneo alla realizzazione,si...bravi amici,così poi scompariremmo in due anni! E voi...venite a dire che le biomasse provocano tumori?ma per costesia; comunque,la centrale a biomasse verrà realizzata,e non esiste montanari che tenga,poi i signori che governano il paese diranno a coloro che li han sostenuti,si...non provoca mali,e tutto si risolve...ma su....guardiamo in faccia alla realtà!Per la cittadina v è un clima ostile,fatto di mille contraddizioni,mensogne,promesse non mantenute...la gente è stufa,stufa!basta prendere in giro,ci sarà una rivolta popolare!apprezzo coloro che pur avendovi sostenuti,si son resi conto della presa per i fondelli,dicendo a questo punto...meglio che il progetto lo gestisca chi lo ha messo in campo,e non questi puritani che fanno a gara ad accaparrarsi tutto!mah...staremo a vedere!

    RispondiElimina
  64. Staremo a vedere cosa?
    Che due pseudo-innovatori vogliono affondare il paese?
    Le elezioni sono un mezzo di confronto e il risultato è chiaro.
    Che sia di sinistra o di destra l'elettore che ha contribuito a ciò non importa, resta la decisione delle urne. Continuare a ribattere sullo stesso tasto è noioso! Il rispetto di chi alimenta discordie e dissapori è vergognoso!
    E dire che in passato l'emblema della libertà e la rivolta era la Sinistra, oggi l'interesse lobbystico è prevalso alle ragioni e la libertà di coscienza popolar-demicratica.

    Ma la "Sinistra" dov'è?

    RispondiElimina
  65. Sinistra assente ingiustificata da molto tempo.
    Provvedimento di sospensione dall'incarico per almeno 5 anni. Rivalutazione della sua posizione al termine di detto periodo. Situazione attuale molto critica, necessari cambiamenti sostanziali.

    RispondiElimina
  66. Chi non usa energia elettrica fa bene ad essere contrario ad una nuova centrale di produzione.

    RispondiElimina
  67. chi usa energia elettrica fa bene a dire si alle centrali nucleari.

    RispondiElimina
  68. Porta chiusa ai professori di religione
    Il Tar : «No agli scrutini e ai crediti»
    I docenti non possono partecipare "a pieno titolo" agli scrutini e la loro materia non può avere effetti sul credito

    «Rispetto, com'è ovvio, la sentenza. Ho tuttavia dato attuazione a un quadro legislativo e a una normativa precedente e vigente» si è difeso Giuseppe Fioroni, che da ministro della Pubblica Istruzione nel 2007 e nel 2008 firmò le ordinanze sugli esami di Stato rigettate dal Tar.

    (Corriere, 12 agosto 2009)

    «lo Stato, dopo aver sancito il postulato costituzionale dell’assoluta, inviolabile libertà di coscienza nelle questioni religiose, di professione e di pratica di qualsiasi culto "noto", non può conferire ad una determinata confessione una posizione "dominante"»
    «Sul piano giuridico, un insegnamento di carattere etico e religioso, strettamente attinente alla fede individuale, non può assolutamente - sottolinea il Tar- essere oggetto di una valutazione sul piano del profitto scolastico»
    (sentenza n. 7076 il tar del Lazio)

    «da cattolico, rispettoso della Chiesa e dei suoi comandamenti, non posso che condividere la decisione del Tar del Lazio in quanto in uno Stato laico tutti i cittadini, cattolici e non cattolici, hanno uguali diritti. Non ci può essere una discriminazione nel profitto scolastico su base religiosa. L'ingiustificata disparità di trattamento vìola Costituzione e diritti dell'uomo»
    (Antonio Di Pietro, leader dell'Italia dei valori, 12 agosto 2009)

    RispondiElimina
  69. Complimenti alla nuova maggioranza consigliare e alla giunta a essa annessa!
    Complimenti per la trasparenza.
    Ci siamo sciacquato la bocca del gioco torbido della fu' giunta Nicola Valentini (RIP), cambia il riferente ma l'abitudine rimane.
    Dove sono le prime delibere approvate da questa nuova giunta? sono state pubblicate sul sito ufficiale del comune di Mafalda? Che a quanto vedo e' rimasto imbalsamato. Direi anche che e' piu' rachitico che mai; magari un bicchiere di olio di ricino farebbe bene!?
    Faccio notare, all'ignoranti di turno, che il proprietario ufficiale del nome di dominio www.comune.mafalda.cb.it e' il privato cittadino Nicola Valentini.
    A due mesi e passa dall'insediamento (l'assalto alle poltrone) si e' bevuto il vino e mangiato i tarallucci, avete anche avuto il tempo della digestione. Cosa aspettate? La prossima era glaciale?
    Oppure bisognera' andare sul sito www.insiemepermafalda.it (proprita' del privato cittadino Egidio Riccioni) per avere un lembo di notizia predigerita? avendo questi nostri valenti giovani alfieri mafaldesi rinunciato a raccogliere le testimonianze foniche e video dell'operato democratico... questione di resistenza (fisica).

    RispondiElimina
  70. Sciacquando sciacquando

    Di buon mattino si sono svegliati in cento (magic number) e si sono scoperti piddini...

    A euro 14 la quota dell'iscrizione (e contrariamente a quanto avvenuto a Termoli, nessun bocciato), fanno un totale di euro 1400. Come dire il prezzo di un televisore LCD. Una spesuccia da valorizzare subito tramite testata giornalistica web compiacente (www.termolionline.it); articolo della stessa calligrafia di quella che succhiava il latte e il miele della conferenza stampa della Dafin a Termoli.
    Perche' poveracci non hanno i mezzi (finanziari? intellettuali?) di aprire una pagina web per fare da soli la loro propaganda. Una pagina web 1.0, non dico un blog ne parlo di web 2.0; che magari ci sia il rischio che qualcuno interferisse e domandasse a questi nostri lecca pi(e)dini di pubblicare online le generalita' di questi valorosi illuminati dallo spirito opportuno.
    Se non sapete immaginare, copiate.
    Lo dico al reggipanza Paolo di Iulio, segui l'esempio di Egidio Riccioni e compari. Un bel sito con tanto di foto. A quanto mi risulta, a l'anagrafe sei piu' giovane di lui. Oppure i tuoi studi superiori non ti hanno insegnato l'uso della tastiera? Il tuo sponsor, lui almeno ha la scusa di avere solo un diploma di perito elettricista, e tu ti fai sorpassare da uno che a malapena a finito le madie?

    Povera Italia, povera sinistra sinistrata.

    RispondiElimina
  71. non disperare anonimo del 13 agosto ore 15.15 questa povera amministrazione non ha avuto ancora tempo,ma a breve vedrai la trasparenza come non l'hai mai vista.Il sito del comune si aggiornerà costantemente con delibere di giunta e delibere di consiglio ti diranno i criteri di ogni scelta che faranno: il perchè di questa banda anzichè l'altra,perchè questa compagnia teatrale anzichè l'altra,il perchè di questo tecnico anzichè l'altro,il perchè di questo muratore anzichè l'altro.Saprai perchè non è stata mantenuta la promessa della consultazione popolare nei primi trenta giorni,perchè non torna il pulman in piazza e a breve saprai anche il perchè non è possibile bloccare la centrale a biomasse.Te lo diranno vedrai e non ti nasconderanno niente perchè loro sono diversi e vogliono che i cittadini debbano controllare il loro operato.Attento però a non esagerare con i perchè! E poi un bel segnale di trasparenza, sulla situazione della centrale a biomasse,non te l'ha già dato l'assessore dicendo che la situazione è davvero difficile e intricata? O forse ti è stata poco chiara? vedrai,vedrai abbi fiducia,vota quando c'è da votare che a darti trasparenza ci pensano loro vedrai.

    RispondiElimina
  72. I mistificatori non mancano mai!
    Se tutto questo slancio l'avreste messo prima delle elezioni, oggi, chi è stato chiamato ad amministrare non dovrebbe faticare così tanto per uscire da questo sfacelo.
    Riparliamone a settembre e vediamo effettivamente dove si può arrivare, per molti lontano, per chi invece ha contribuito al dissesto ed all'arricchimento personale sicuramente sarà una conferma del come non bisognava amministrare.
    Finiamola con queste beghe da bar e circolo della "piazza", cerchiamo di collaborare per una qualità migliore della vita cittadina.
    Altra cosa, - Consultazione popolare - abbiamo capito che è la solita tiritera per risalire la china, ma chi la vuole veramente?
    Ma di che parte sei?
    Sicuramente uno sconfitto.
    Le rivinicite ci saranno ma tra cinque anni.
    Scrollatevi di dosso quel finto attivismo e cerchiamo di migliorare il rapporto umano, abbandonando quella vecchia e demagogica politica di finta democrazia, comoda a chi ne ha giovato sempre.

    Ma la "Sinistra" dov'è?

    RispondiElimina
  73. Hasta la victoria siempre

    El pueblo unido 'jamas sera vencido'

    Che Guevara

    Dificile, ancora dificile, ci sono MOLTI ANONIMI AMAFALDA...

    RispondiElimina
  74. COME VENGONO SCELTI GLI INSEGNANTI DI RELIGIONE?

    Vengono scelti dalla curia, a suo insindacabile giudizio. Quindi lo Stato paga lo stipendio a persone su cui non ha il minimo controllo, e che utilizzano lo spazio concesso per un insegnamento di parte, spesso in contrasto con i principi di laicità dello Stato stesso.

    Per conservare il posto, costoro devono ogni dodici mesi chiedere il nulla osta all’autorità diocesana, dalla quale possono essere revocati anche per ragioni che non hanno nulla a che fare con le capacità dell’insegnante, ad esempio per «…condotta morale pubblica in contrasto con gli insegnamenti della Chiesa».

    È noto il caso della professoressa in gravidanza «non canonica», licenziata dalla curia, che ha fatto ricorso contro tale provvedimento ottenendo anche un pronunciamento favorevole del Comitato Pari Opportunità del Ministero del Lavoro, per finire infine sconfitta da una sentenza della Corte di Cassazione del febbraio 2003, che ha rigidamente applicato la normativa vigente.

    QUANTO COSTANO ALLO STATO?

    Nel 2001, i circa 25.000 insegnanti di religione sono costati alle casse dello Stato oltre 620 milioni di Euro (1.200 miliardi delle vecchie lire).

    La normativa è così ottusa che, quando alcuni presidi hanno tentato l’accorpamento di diverse classi con pochi studenti avvalentisi dell’IRC (insegnamento della religione cattolica), l’iniziativa è stata subito bloccata in quanto la normativa prevede l’insegnante anche quando un solo studente se ne avvale. Iniziative legislative per ridurre questo spreco si scontrano con le proteste ecclesiastiche per la conseguente riduzione occupazionale.

    GLI INSEGNANTI DI RELIGIONE IN RUOLO

    Con la legge 186 del 18 luglio 2003 gli insegnanti di religione sono entrati in ruolo. Siamo arrivati all’assurdo di avere insegnanti nominati dalla curia che, qualora non avessero più il gradimento delle gerarchie cattoliche, verrebbero assunti direttamente dallo Stato. Durante la votazione finale, al «Sì» dei partiti di maggioranza si unirono anche quelli di Udeur e Margherita. Nello schieramento di quelli che si sono opposti c'erano invece Ds, Sdi, Prc, Pdci e il repubblicano Giorgio La Malfa. Gli insegnanti assunti sono stati oltre 20.000.

    RispondiElimina
  75. Sappiamo che in Italia gli insegnanti di religione, anche quelli delle scuole pubbliche, sono nominati dai vescovi, secondo una prassi che è in vigore dal 1929, anno in cui Mussolini e il cardinale Gasparri, firmarono i Patti Lateranensi e confermata nel 1985, quando Bettino Craxi rinnova i Patti.

    Ma è veramente sconcertante vedere quali sono le differenze di trattamento tra un professore di religione ed uno di altre materie. Chi vuole insegnare oggi deve intraprendere un percorso lungo, costoso ed incerto, dopo i tre anni della laurea di base, seguono altri due di specialistica ed ancora un biennio di formazione, ssis, che prevede tirocinio, frequenza obbligatoria ai corsi (praticamente inconciliabile con un lavoro), più di 3 mila euro di tasse, e come risultato anni ed anni di precariato! A chi insegna religione invece basta la nomina vescovile!

    RispondiElimina
  76. Ma c'è di più, la disparità di trattamento riguarda anche la sfera economica, un insegnante di religione precario guadagna di più di in insegnate di italiano o di matematica nelle sue stesse condizioni, in particolare ha un aumento del 2,5% del suo stipendio ogni due anni.

    E mentre con la sua riforma il ministro Gelmini, taglia fondi e cattedre, ci rassicura però che i docenti di religione non verranno toccati!

    RispondiElimina
  77. Il tuo intervento caro "Professore" cosa c'entra con il Bolg?
    Ci vuoi dimostrare che l'insegnante di religione è la causa del nostro male?
    Finiamola con il criminalizzare, senza dare mai le risposte di cui ha bisogno la gente, male contagioso con cui sei stato svezzato, politicamente.

    Ma la "Sinistra" dov'è?

    RispondiElimina
  78. Tengo a precisare che non sono un'insegnante di religione, ma voglio dare un mio parere sull'argomento trattato. Da quello che scrivete sembra quasi che gli insegnanti di religione ricoprono un ruolo nella scuola solo perchè raccomandati da sacerdoti o vescovi, o che sono senza titolo di studio ecc. Tutto falso. Gli insegnanti di religione si devono sobbarcare 41 esami prima di prendere una laurea, poi seguono gli stessi iter degli altri insegnanti (ad es. abilitazione all'insegnamento ecc.) e solo in ultimo c'è il benestare della curia. Sicuramente non è tutto così semplice come voi dite.

    RispondiElimina
  79. Credo che prima di occuparci del tema Italia dovremo occuparci di Mafalda e i suoi problemi, che sono tanti, perche prendere un'altra strada? sarà che bisogna distrarci dei prooblemi locali? dove la critica della sinistra' onon sarà che non essiste nemeno questo? spero qualche critica alla situazione attuale, VISTO CHE ADESSO SIAMO IN DEMOCRAZIA, LI PIACIA O NON LE PIACIA ALLA GENTE CON LA BARBA!!!

    RispondiElimina
  80. SVEGLIATE D'UNA VOLTA GIOVANI DELLA SINISTRA, O CONTINUATE A SFUGIRE NEI PROSSIMI CONSIGLI COME IL CONIGLIO MAGGIORE? AVIAMO BISOGBNO DELLA VOSTRA PARTICIPAZIONE E LA VOSTRA CRITICA, MA ADULTA!!! NON DEI MAMMOCI DI SEMPRE!!!

    RispondiElimina
  81. Caro Guglielmo, la critica non è una prassi burocratica da seguire a tutti i costi, e comunque, ma un'attenta riflessione su quanto l'amministrazione fa , e soprattutto, su quanto ha intenzione di fare.
    Sono proprio le linee guida che devono essere attentamente valutate per farle oggetto di critica, ma, a tutt'ora, ahimè, l'amministrazione sui progetti a lungo respiro non esiste perchè si muove soprattutto sulla base degli umori che l'elettorato a bassa sensibilità ha manifestato durante la campagna elettorale. Innanzitutto serve un'attenta analisi da parte della maggioranza, ma anche un'autocritica forte per togliere alle posizioni estreme, quelle razionarie, quella voglia di vendetta personale e di oltraggio a quello che è il patrimonio comune dei mafaldesi.
    Continuare ad alimentare odio giova solamente al potere di pochi perchè i tal modo si sposta l'attenzione e le energie della gente verso falsi e deteriori obiettivi.
    Serve trasparenza, quella tanto invocata da tutti, specialmente da quelli che erano prima all'opposizione ed ora si ritrovano nella maggioranza a seguire le solite pastoie della politica clientelare, arruffone e arraffone. Se si vuole veramente un'opposizione incisiva, democratica e attenta, il passo che bisogna fare, in una sana dialettica democratica, è di dare alle forze esterne gli strumenti di controllo dell'operato dell'amministrazione, favorendo ogni forma di aggregazione sociale che abbia come finalità l'attenzione alla circolazione delle idee in un confronto continuo tra le diverse posizioni.
    Non si aiuta a far crescere una società con un giornalino gestito dall'amministrazione che, invece di informare sulle iniziative, finisce per fare critica all'opposizione, dimenticando che la critica, nel gioco democtratico, è sempre appannaggio delle forze che non governano il paese.
    Le feste sono caratterizzate da una partecipazione di una sola parte del paese, e ciò è la dimostrazione di come il potere abbia interesse a mantenere una tensione alta, così da sviare l'attenzione della gente e poter rifilare, in tal modo, atti clientelari a favore degli opportunisti che ruotano attorno all'amministrazione.
    Se si vuole veramente, e non a parole, sanare la spaccatura profonda che attraversa la popolazione servono atti concreti da parte di chi amministra il nostro paese, e non, come si è sempre fatto,ribaltare le accuse, come se per una parte fosse sempre l'altra a portarne le colpe.
    Un'amministrazione seria, attenta al bene comune, utilizza tutte le energie a disposizione, di maggioranza e di minoranza,specialmente sulle questioni di interesse di tutta la collettività.

    RispondiElimina
  82. Di certo a qualcuno fa comodo dimenticarsi che Ripalda si trova in Italia. Che il governo Berlusconi tramite il ministro Gelmini a deciso la decimazione nella scuola pubblica: la scuola dei vostri figli.

    «La notizia che sta tenendo col fiato sospeso decine di migliaia di precari riguarda proprio il taglio delle cattedre: 10.580 alla media e 6.245 al superiore. Cui vanno aggiunti quelli che salteranno al Sud nella scuola primaria, dove i pensionamenti non sono riusciti a tamponare la situazione. Infatti, a mitigare l'impatto della “riforma” della scuola hanno contribuito i 41 mila pensionamenti che hanno liberato altrettanti posti. Ma in parecchie realtà del Paese la coppia Tremonti-Gelmini ha tagliato più di quanto non sia rimasto vacante: azzerando le supplenze e creando migliaia di soprannumerari.

    Per questi ultimi il futuro è particolarmente incerto. Si tratta di insegnanti di ruolo che dopo anni di onorato servizio si ritrovano senza cattedra. Tra agosto e settembre saranno convocati dai dirigenti degli Uffici scolastici provinciali (gli ex provveditorati) e saranno invitati a scegliere le cattedre rimaste libere, anche per un solo anno. Dovranno accontentarsi di spezzoni di cattedra (cattedre inferiori alle 18 ore settimanali) o ritorneranno a disposizione delle scuole per coprire le supplenze. Per almeno un anno verranno sballottati dove serve a fare i tappabuchi. E quando la riforma, fra qualche anno, entrerà a regime il loro numero potrebbe anche aumentare. Perché, nel frattempo, l'età pensionabile verrà innalzata e non sarà più possibile neppure questa soluzione.»

    «E mentre con la sua riforma il ministro Gelmini, taglia fondi e cattedre, ci rassicura però che i docenti di religione non verranno toccati.»

    Che l'insegnante di religione sia un'insegnante con diplomi, ci mancherebbe anche chi sia il primo o la prima bigotta incontrata tra le gonne del prete!
    Ma contrariamente a chi vuole insegnare, e che oggi deve intraprendere un percorso lungo, costoso ed incerto, dopo i tre anni della laurea di base, seguono altri due di specialistica ed ancora un biennio di formazione, ssis, che prevede tirocinio, frequenza obbligatoria ai corsi (praticamente inconciliabile con un lavoro), più di 3 mila euro di tasse, e come risultato anni ed anni di precariato. E a chi insegna religione invece basta la nomina vescovile!...

    Questo si chiama raccomandazione, o come disse il prof. Spatocco: nepotismo.

    E qui siamo in pieno argomento paesano

    RispondiElimina
  83. Sbaglio o c' è qualcuno invidioso su questo blog?
    Non mi pare che il dibattito sugli insegnanti di religione sia molto pertinente con il nostro obiettivo principale...che poi chi ci ha rilasciato l' intervista sia anche insegnante di religione è soltanto un caso.
    Come vi ho datto tante altre volte, piuttosto tirate fuori qualche idea interessante...

    RispondiElimina
  84. Sono stati pubblicati i numeri relativi ai contingenti per le immissioni in ruolo. Numeri gravemente insufficienti, 8.000 docenti ed 8.000 ATA a fronte di circa 140.000 incarichi annuali e 300.000 iscritti in graduatoria.

    Si pensi, ad esempio, al fatto che in tutta la Liguria, in tutto il Molise, in tutta l'Umbria gli insegnanti della scuola secondaria di secondo grado (le vecchie "scuole superiori) ammontano al numero di 2 (due) insegnanti assunti.

    Delle 150.000 assunzioni previste dalla legge Finanziaria del 2006, ad oggi sono stati assunti 75.000 insegnanti e gli 8.000 previsti per le prossime settimane lasciano un vuoto di 67.000 assunzioni nel triennio che si conclude.

    Eppure i soldi per assumere ci sarebbero: il governo ha appena stanziato miliardi di euro per l'inutile e costoso Ponte sullo Stretto, e si parla di una nuova Cassa del Mezzogiorno: la mafia ringrazia, mentre i precari della scuola sono alla disperazione. Del tutto insoddisfacenti le proposte del ministro di ammortizzatori sociali per i precari che non verranno mai realizzate visto che servono a tenere buoni i colleghi più ingenui che non hanno ancora capito il calvario che li aspetta: a settembre molti precari, oltre a non avere ottenuto l'immissione in ruolo, si troveranno senza lavoro.

    (Comunicato stampa del Coordinamento Precari Scuola)

    Adesso se l'educazione e l'avvenire di nostri figli non è una preoccupazione di noi mafaldesi... vi lascio decidere a voi.

    Meno male che Silvio c'è

    RispondiElimina
  85. "invidioso", questo il vocabolo per spazzare con una scopata ogni obiezione... e tu che ti nomini pescarese saresti quello che ha raccolto l'intervista dell' assessore più giovane, Aurelia Spatocco?

    RispondiElimina
  86. L' educazione delle generazioni future è una preoccupazione non solo di noi mafaldesi, ma di tutta la società. Ma la questione su cui si sta dibattendo non credo sia un problema che dobbiamo affrontare su questo blog. Che i professori di religione contino oppure no negli scrutini o che abbiano un percorso diverso per arrivare all' insegnamento non sono cose che possiamo decidere noi e soprattutto non sono cose che incidono sull' educazione delle nuove generazioni. E poi, cosa cambia se il futuro insegnante di religione a Mafalda sarà Aurelia Spatocco oppure un' altra persona? Di certo non sarà l' amministrazione comunale a nominarlo.
    A me sembra tutto un pretesto per iniziare l' ennesima strerile polemica.
    E comunque non sono io l' autore dell' intervista.

    RispondiElimina
  87. Va bene se cualquno per caso ha voglia di parlare di mafalda e dei suoi problemi, di questa amministrazione, o delle pasate, ma di mafalda, FATEMMI UN FISCHIO, nel fratempo mi aggiorno di cose più importanti, che da leggere comenti in contro di silvio, LA SINISTRA C'E, STA VIVA E COME AL SOLITO VUOLE SOLTANTO DARE FASTIDIO, COME LO DA ANCORA UNO CHE NON HA NEMENO VERGONIA DEL VERGONIOSO GOVERNO CHE HA FATO A MAFALDA E ANCORA SI FA VEDERE COME I RE NELLA PIAZZA FUTURISTA, PENSATE ANCHE CHE IL CORAGGIOSO 'ANONIMO' CHE PARLA DI ''' MENO MALE CHE SILVIO C'E''' SICURAMENTE E DI SINISTRA, MA PERCHE NON ANDATE A LAVORARE AL COMUNE INVECIE DI SCAPARE PER ORDINE DAL RE COME DEI CONIGLI. METTETEVI A LAVORARE LADRI DEI SOLDI PUBLICI!!!

    RispondiElimina
  88. Puro discorso bolscevico di vecchio stampo.
    Mi meraviglia che un giovane, come immagino, possa ancora arrancarsi con questi mezzucci per sviare il "Vero problema" e non attaccare subdolamente una persona per screditare l'integrità stessa di essa. Perchè è questo il messaggio che passa.

    la scuola è uno dei grandi problemi di Mafalda e ci sarebbe da parlare, o meglio creare un blog a se, ma, questo non è la sua sede.
    Per rimandarti la palla, se non sei al corrente, in passato in una amministrazione "valentiniana", Tavenna era disponibile a far venire i ragazzi a Mafalda, così avremmo risolto il problema, invece si è fatto finta di niente ed ora ci troviamo ad affrontare un problema.
    Altra cosa, che ha un legame con la BIOMASSA, i soldi spesi per la sceneggiate della piazza con annessa struttura, potevano essere impiegati per costruire una scuola a norma, cosa che non hanno gli altri comuni e dunque avremmo avuto una posizione privilegiata.

    Ma la "Sinistra" dov'è?

    RispondiElimina
  89. Anvedi che bella la festa della protezione civile...chissà se dopo mezzanotte qualcuno si lamenterà per il disturbo alla quiete pubblica...

    RispondiElimina
  90. "Insieme per Mafalda" è contro l'arroganza, la faziosità e l'affarismo, per questo ci proponiamo di rivedere o eliminare i progetti dell'amministrazione uscente.

    ...

    Piano traffico e piazza: progetto da riesaminare nel caso in cui i cittadini lo riterranno essere insufficiente a garantire la comoda movimentazione di tutti i Mafaldesi, rendendo più funzionale la gestione della viabilità del nostro paese.

    Vogliamo che il nostro impegno amministrativo nel seguire e curare i problemi di tutti i nostri concittadini, possa essere esemplare, sopra fazioni o colori distintivi.

    Il nostro impegno sarà per tutti i Mafaldesi, in modo trasparente e democratico, poiché un vero sviluppo della nostra Comunità si costruisce "INSIEME" e rispettando la "LIBERTÀ"' del Popolo sovrano. SEMPRE!

    PROGRAMMA ELETTORALE INSIEME PER MAFALDA PER LA LIBERTA'

    RispondiElimina
  91. PROGRAMMA ELETTORALE

    EMERGENZA BIOMASSA

    La nostra Amministrazione assume l'impegno che nessuna CENTRALE A BIOMASSE o impianti invasivi e nocivi verranno realizzati sul nostro territorio.

    Noi vogliamo garantire una gestione e un futuro al nostro paese, senza questo tipo di insediamenti, per tutelare al meglio il territorio in cui viviamo e conservarlo incontaminato.

    L'inquinamento che una Centrale a Biomasse arrecherà al nostro territorio, colpirà la ricchezza del nostro paese, come l'agricoltura e i prodotti tipici della nostra zona, la salubrità dell'aria e il turismo rurale, che sta prendendo forma anche in questo territorio.

    Una eventuale Centrale a Biomasse di questa portata, peggiorerà l'incremento della popolazione a Mafalda . La nostra proposta è, invece, quella di promuovere e valorizzare le manifestazioni organizzate allo scopo di migliorare l'offerta turistica specialmente nel periodo estivo.

    Mentre le città industrializzate si vanno svuotando per la non tranquillità, per l'inquinamento atmosferico, veicolare ed industriale, a Mafalda si va contro questa tendenza e si vuole mettere a rischio il territorio. La salute è un bene supremo e la qualità della vita e della nostra terra sono un patrimonio da preservare.

    La speranza del nostro futuro è legata alla conservazione del nostro territorio: questa è. e sarà, la nostra unica ricchezza.

    Nonostante la crisi attuale, il settore che non avverte regressione è quello del TURISMO RURALE e del TURISMO CULTURALE - RELIGIOSO. Allora, perché non sfruttare la nostra terra in questi settori con uno sviluppo organico e sostenibile per il nostro territorio, attraverso piccole attività legate al turismo rurale e ai prodotti tipici della nostra terra?

    Aquesto scopo saranno promosse attività produttive, culturali, turistiche, commerciali e sociali.

    Diciamo No alla Centrale a Biomasse perché riteniamo che non porterà nessuno sviluppo economico a Mafalda bensì le nostre case subiranno una forte svalutazione.

    Diciamo No alla Centrale a Biomasse perché, visto che la nostra prima ricchezza è l'agricoltura, riteniamo che un grave inquinamento declasserà tutti i terreni circostanti la centrale a svantaggio dei coltivatori e delle produzioni agricole di qualità della nostra zona.

    Diciamo No alla Centrale a Biomasse perché la riconversione per la difesa dell'occupazione preesistente è puramente teorica. Al contrario l'insediamento della Centrale a Biomasse al posto dell'attuale fabbrica S.M.I-Marrollo Prefabbricati causerebbe la perdita di ben 150 posti di lavo



    Diciamo No alla Centrale a Biomasse perché non è possibile che l'amministrazione uscente, che ha perso "pezzi" di maggioranza su questo problema, si arroghi la scelta di imporre alla cittadinanza un simile insediamento non presente minimamente nel programma su cui cinque anni fa ha chiesto la fiducia dei Cittadini.

    Diciamo No alla Centrale a Biomasse perché questa amministrazione uscente non può usare il potere amministrativo ed imporre alla popolazione scelte non condivise.

    Diciamo No alla Centrale a Biomasse perché tale progetto, che stravolge gli equilibri ambientali e sanitari del nostro territorio, doveva essere materia di consultazione popolare.

    Diciamo No alla Centrale a Biomasse perché occorreva un diverso atteggiamento da parte dell'amministrazione uscente e cioè maggiore trasparenza ed informazione, ascoltare gli esperti e la volontà di noi Cittadini, prima ancora di impegnarsi con una firma che condanna Mafalda ed i Mafaldesi.

    Diciamo Sì alle energie veramente rinnovabili, come il fotovoltaico e l'eolico. Questi impianti dovranno essere realizzati (in modo preventivo) dopo essere stati concordati con la popolazione, per far sì che non pregiudichino il nostro territorio.

    Per tutto questo indiremo una consultazione popolare entro i primi 30 giorni


    PROGRAMMA ELETTORALE INSIEME PER MAFALDA PER LA LIBERTA'

    RispondiElimina
  92. "Per tutto questo indiremo una consultazione popolare entro i primi 30 giorni"
    (PROGRAMMA ELETTORALE INSIEME PER MAFALDA PER LA LIBERTA')

    Siamo il 18 agosto, le elezioni amministrative erano i giorni 6-7 di giugno.
    Son passati due mesi e 13 giorni ossia 72 giorni...

    "Vogliamo che il nostro impegno amministrativo nel seguire e curare i problemi di tutti i nostri concittadini, possa essere esemplare, sopra fazioni o colori distintivi." (PROGRAMMA ELETTORALE INSIEME PER MAFALDA PER LA LIBERTA')

    RispondiElimina
  93. TRASPARENZA

    • RENDERE PUBBLICO E TRASPARENTE L'OPERATO E LE DECISIONI DELL'AMMINISTRAZIONE TRAMITE LA PAGINA WEB DEL COMUNE

    • COINVOLGIMENTO POPOLARE

    II nostro impegno e le nostre idee tendono alla realizzazione di una comunità in cui i valori umani sono alla base dell'agire della amministrazione pubblica, che nella trasparenza e nella partecipazione, ha comportamento e regola.

    Il nostro percorso Amministrativo sarà condiviso con tutta la cittadinanza, raccogliendo periodicamente suggerimenti e idee dalla collettività e con essa decidere le scelte più giuste e prioritarie per il bene di Mafalda e dei Mafaldesi.

    Coltiveremo il dialogo e confronto civile con tutti nell'arco dell'intero mandato amministrativo, sia come presenza in sede, sia potenziando ed aggiornando settimanalmente anche tramite "INTERNET" il sito del Comune, dove si potranno consultare gli atti prodotti e le iniziative che l'Amministrazione intende promuovere.

    PROGRAMMA ELETTORALE INSIEME PER MAFALDA PER LA LIBERTA'

    RispondiElimina
  94. "potenziando ed aggiornando settimanalmente anche tramite "INTERNET" il sito del Comune, dove si potranno consultare gli atti prodotti e le iniziative che l'Amministrazione intende promuovere" (PROGRAMMA ELETTORALE INSIEME PER MAFALDA PER LA LIBERTA')

    Vi invito a consultare il sito ufficiale del comune di Mafalda (www.comune.mafalda.cb.it) e verificare democraticamente con i vostri occhi l'attuazione del programma e le promesse del gruppo maggioritario INSIEME PER MAFALDA PER LA LIBERTA'

    Dopo 72 giorni, non mi si dica che i mezzi mancano o che e' colpa dell'ex amministrazione se la promessa di RENDERE PUBBLICO E TRASPARENTE L'OPERATO E LE DECISIONI DELL'AMMINISTRAZIONE TRAMITE LA PAGINA WEB DEL COMUNE non e' ancora realizata

    RispondiElimina
  95. Nota Bene

    Il mezzo milione e passa consumati, "i soldi spesi per la sceneggiate della piazza con annessa struttura", non "potevano essere impiegati per costruire una scuola a norma" perche' gia' stanziati a tale fine (struttura sociale d'assistenza per anziani) su richiesta finalizzata dalla giunta Riccioni I. Il Valentini e associati non hanno fatto altro che mettere le mani sul tesoretto affidando il progetto al vice presidente della Bcc ing.Tasconi (meglio rimanere tra persone fidate)...

    RispondiElimina
  96. E tu le sai bene queste cose.

    Ma la "Sinistra" dov'è?

    RispondiElimina
  97. Va bene se cualquno per caso...

    ha gli occhi aperti per vedere e le orecchie sturate per sentire,
    e non è di quel greggio che scimmiotta con i paraocchi i paraorecchie e il parabocca per prestarsi a fare da paraculo ai Valentini o Riccioni di turno.

    Meno male che Silvio c'è, ride e manda tutti a puttane

    RispondiElimina
  98. per chi ha capacità d'intendere e di voler conoscere...

    questo interrogativo:

    Come mai il giornalino promosso dalla nuova giunta di Egidio Riccioni denominato InforMafalda sottotitolato Notiziario dell’Amministrazione Comunale porta sul frontespizio l'indirizzo web www.insiemepermafalda.it e non quello del sito ufficiale del comune che sarebbe più consono con la dicitura “Notiziario dell’Amministrazione Comunale”?

    Come mai tale pubblicazione (si precisa 'Ad Uso Interno' per motivi legali) non è reperibile sul sito ufficiale del Comune di Mafalda ma unicamente in formato pdf sul sito della lista civica INSIEME PER MAFALDA PER LA LIBERTA' di proprietà del privato cittadino Egidio Riccioni?

    Noto che l'editoriale è stato assunto dall'assessore AURELIA SPATOCCO, che il primo articolo è la Lettera aperta del vicesindaco BIONDO MASTRANGELO ma nessuna traccia articolata del neo sindaco EGIDIO RICCIONI.

    Moto che la data di messa in linea di questo giornalino 'InforMafalda' è del giorno 18/08/09 13:10, che è stato composto con applicazione Microsoft PowerPoint con nome di documento DA PUBBLICARE.pptx sul pc di Simone, che è stato esportato al formato pdf il 18/08/09 12:48.

    Moto che l'editoriale dall'assessore AURELIA SPATOCCO è intitolato TRASPARENZA = VERITA’ e che essa prosegue sviluppando questa equazione con la formula TRASPARENZA = CONOSCENZA = INTELLIGENZA = VERITA’.


    «Quando si agisce in modo pulito e
    trasparente, gli avvenimenti vengono conosciuti
    con intelligenza, senza finzioni e bugie, e questo
    modo di operare e pensare porta
    necessariamente alla VERITA’ dei fatti, degli eventi
    e delle situazioni particolari. Certi che questa
    nostra iniziativa d’informazione trovi in tutti voi
    compiacimento e soddisfazione, vi ricordiamo,
    cari concittadini, che siamo a vostra completa
    disposizione per togliere ogni dubbio, ogni
    perplessità ed ogni timore. In modo particolare,
    siamo al vostro servizio per ristabilire nel nostro
    caro ed amato paese la serenità, l’armonia ed il
    vero bene per tutti noi. Una buona “cultura
    informativa” a tutti.» Aurelia Spatocco

    Adesso, l'intelligenza non è di parte ne monopolizzabile per decreto...
    E se “Verba volant, scripta manent” come dice l'assessore Spatocco, la pregherei di rileggersi il PROGRAMMA ELETTORALE INSIEME PER MAFALDA PER LA LIBERTA' composto e proposto dalla sua lista civica, che magari “le parole volano, mentre ciò che è scritto resta” se c'è qualcuno per ricordare allo scriptor le parole incise “per sempre e, dunque, risulta essere perfettamente dimostrabile”

    PS
    segnalo all'assessore Aurelia Spatocco, professoressa di religione, che 'scripta' si scrive con una 'r' tra la 'c' e la 'i': “Verba volant, scipta manent”

    RispondiElimina
  99. PER INFORMAZIONE

    Domain: insiemepermafalda.it
    Status: ACTIVE
    Created: 2009-05-28 10:07:10
    Last Update: 2009-05-28 10:07:10
    Expire Date: 2010-05-28

    Registrant
    Name: Egidio Riccioni
    ContactID: ER6137-ITNIC

    Admin Contact
    Name: Egidio Riccioni
    ContactID: ER6137-ITNIC

    Technical Contacts
    Name: Egidio Riccioni
    ContactID: ER6138-ITNIC

    Registrar
    Organization: Aruba s.p.a.
    Name: ARUBA-MNT

    RispondiElimina
  100. PER INFORMAZIONE

    Domain: comune.mafalda.cb.it
    Status: ACTIVE
    Created: 2000-04-19 00:00:00
    Last Update: 2009-05-24 00:03:05
    Expire Date: 2010-05-08

    Registrant
    Name: Rete Civica Del Comune Di Mafalda
    ContactID: RETE135-ITNIC
    Address: VIA DELLA FERMEZZA 5 - 86030 Mafalda
    Mafalda
    86030
    CB
    IT
    Created: 2007-03-01 10:57:11
    Last Update: 2007-03-01 10:57:11

    Admin Contact
    Name: Nicola Valentini
    ContactID: NV609-ITNIC
    Address: VIA DELLA FERMEZZA 5 - 86030 Mafalda
    Mafalda
    86030
    CB
    IT
    Created: 2006-05-08 00:00:00
    Last Update: 2007-03-01 07:38:24

    Technical Contacts
    Name: Domain Registration Staff
    ContactID: DRS9-ITNIC
    Organization: Telecom Italia S.p.A.
    Address: Telecom Italia S.p.A.
    Via Campania 11
    Taranto
    74100
    TA
    IT
    Created: 2005-07-19 00:00:00
    Last Update: 2008-10-10 15:07:22

    Registrar
    Organization: Telecom Italia s.p.a.
    Name: INTERBUSINESS-MNT

    RispondiElimina
  101. TRASPARENZA ???

    31.01.2009

    VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

    ADESIONE ALL'INIZIATIVA PROMOSSA DAL G.A.L. 'INNOVA PLUS S.R.L. FINALIZZATA ALLA CANDIDATURA DI UN PLANO DI SVILUPPO LOCALE A VALERE SULL'ASE LEADER DEL PSR MOLISE 2007-2013

    N valentini, Matassa Michele, Baratttuci m. antonieta, Di Renzo Catia. Manca il documento!!!


    http://www.innovaplus.it/chisiamo.htm

    RispondiElimina
  102. Misura 2.1 Cooperazione Interterritoriale - Progetto “Energia dalla Terra” - PUBBLICATO AVVISO PER COSTITUZIONE LONG LIST ESPERTI
    Il Gruppo di Azione Locale (G.A.L.) “MOLI.G.A.L.”, in qualità di capofila e i G.A.L. “ARCA Abruzzo”, “INNOVA PLUS”, “MOLISE VERSO IL 2000” in qualità di partner, sono impegnati nell’attuazione del progetto di cooperazione interterritoriale “Energia dalla Terra”, che si pone come obiettivo generale quello di promuovere l’efficienza energetica e l’uso di fonti rinnovabili per la produzione di energia, sui territori di competenza dei soggetti attuatori. Ai fini della realizzazione della Misura 3 – “Realizzazione di studi di fattibilità relativi a casi significativi” del progetto citato, i G.A.L. intendono, attraverso il presente avviso, costituire una “LONG LIST” di esperti e/o società di consulenza dalla quale attingere per l’affidamento di incarichi, volti alla realizzazione dei suddetti studi di fattibilità. Per i dettagli si veda l'avviso (scaricabile cliccando sul link posto in basso).

    RispondiElimina
  103. Allegato - A
    Spett.le G.A.L. “MOLI.GAL”
    Via G. Zurlo, 3
    86100 CAMPOBASSO
    OGGETTO: P.I.C. LEADER+ - REGIONE MOLISE – ASSE II Misura 2.1 – Cooperazione
    interterritoriale. Progetto “Energia dalla Terra”
    Richiesta di iscrizione alla long list di esperti.
    Spazio riservato all’Ufficio
    Domanda prot. n. ___del ___________
    Il/la sottoscritto/a …………………………………………………………………………………nato/a
    a …………………………………….. il ………………, residente a …………………….,
    c.a.p……………, provincia ………, Via………………………......................................, n………,
    telefono…………………., codice fiscale/Partita IVA ………………………………………
    in riferimento all’avviso pubblico relativo alla costituzione di una long listi di esperti a cui i
    G.A.L. molisani potranno far ricorso per la realizzazione di una serie di studi di fattibilità e
    attività di assistenza tecnica nell’ambito del settore dell’efficienza energetica e dell’uso di fonti
    rinnovabili per la produzione di energia
    CHIEDE
    di essere iscritto nella suddetta long list alla (e) sezione (indicare con una x l’ambito o gli ambiti di
    interesse):
    □ idroelettrico
    □ recupero di biogas (da RSU e reflui zootecnici) e produzione di compost
    □ redazione di piano “comunale” di efficienza energetica
    □ diagnosi di efficienza energetica relativa a edifici pubblici e privati
    □ micro eolico
    □ solare termico
    □ analisi della filiera della bio-massa forestale e/o agricola
    □ impianti fotovoltaici e di cogenerazione
    □ applicazione di impianti di geotermia a bassa entalpia
    □ concepimento e attuazione di campagna di educazione ambientale e illustrazione
    degli incentivi vigenti nell’uso e/o produzione di energia da fonti rinnovabili
    □ concepimento e attuazione di campagne di informazione e illustrazione di casi
    esemplari di utilizzo di biomassa forestale e produzione di materiali divulgativi
    specifici.
    All’uopo
    DICHIARA
    ai sensi e per gli effetti di cui al DPR 445/2000 e consapevole che chiunque rilascia
    dichiarazioni mendaci, forma atti falsi e ne fa uso nei casi previsti dal presente testo unico è
    punito ai sensi del codice penale e delle leggi speciali in materia:
    • di essere in possesso dei requisiti previsti dall’avviso;
    • di essere cittadino……………………………
    • di godere dei diritti civili e politici dello Stato………………………………
    • di essere in possesso del diploma di laurea in (o altro titolo specifico per gli ambiti di
    iscrizione)………………………………………………………………………………………….

    RispondiElimina
  104. TRASPARENZA ???

    31.01.2009

    VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

    ADESIONE ALL'INIZIATIVA PROMOSSA DAL G.A.L. 'INNOVA PLUS S.R.L. FINALIZZATA ALLA CANDIDATURA DI UN PLANO DI SVILUPPO LOCALE A VALERE SULL'ASE LEADER DEL PSR MOLISE 2007-2013

    N valentini, Matassa Michele, Baratttuci m. antonieta, Di Renzo Catia. Manca il documento!!!

    RispondiElimina
  105. Per ogni eventuale informazione è possibile consultare:
    www.moligal.it – MOLI.G.A.L., Via G. Zurlo n.3, 86100 Campobasso - Tel. e Fax 0874 699461- Nicola di Niro
    www.innovaplus.it – GAL Innova Plus, Via Sturz o n.22, 86035 LARINO CB - Tel. 0874 824627, Fax 0874
    833755 - Giovanna Lepore
    www.moliseversoil2000.it – GAL MOLISE VERSO IL 2000, Via Monsignor Bologna n.15, 86100
    CAMPOBASSO - Tel. 0874 484508 - Antonio Di Lallo.
    Campobasso, 20 giugno 2008.
    MOLI.G.A.L.
    Il Presidente
    (Paolo Nuvoli)

    RispondiElimina
  106. www.moligal.it
    Un po' di pazienza, sito in allestimento!
    Durante l'attesa, perché non sottoscrivete il nostro servizio di news?
    www.moliseversoil2000.it

    Il progetto "Energia dalla Terra" ha lo scopo di promuovere e far conoscere l’uso razionale dell’energia e la sua produzione da fonti rinnovabili, tramite una forte campagna divulgativa ed informativa rivolta sia alle imprese che alle famiglie.

    A questo scopo sono stati attivati presso associazioni di categoria, enti pubblici, associazioni di consumatori ecc. sportelli informativi (sportello energia) dove vengono fornite gratuitamente informazioni sulle opportunità, le tecnologie,i prodotti, gli incentivi utilizzabili

    Lo sportello fornisce prime indicazioni, sulle soluzioni tecniche di efficienza energetica e sul possibile ricorso alle fonti di energia rinnovabile; attraverso la diffusione di materiale illustrativo, consulenze personalizzate ed un accompagnamento nella ricerca di canali finanziari specifici.

    Le persone interessate potranno rivolgersi direttamente presso gli sportelli energia ( di cui pubblicheremo a breve gli indirizzi, i recapiti ecc.) ma è anche possibile, tramite questo sito e la posta elettronica indicata, porre domande, avere chiarimenti, e notizie a cui sarà data risposta da un qualificato gruppo di esperti appositamente incaricati.

    RispondiElimina
  107. TRASPARENZA ???

    31.01.2009

    VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

    ADESIONE ALL'INIZIATIVA PROMOSSA DAL G.A.L. 'INNOVA PLUS S.R.L. FINALIZZATA ALLA CANDIDATURA DI UN PLANO DI SVILUPPO LOCALE A VALERE SULL'ASE LEADER DEL PSR MOLISE 2007-2013

    N valentini, Matassa Michele, Baratttuci m. antonieta, Di Renzo Catia. Manca il documento!!!

    RispondiElimina
  108. TRASPARENZA ???

    Il Presidente illustra all’Assemblea le operazioni in corso. In particolare si sofferma sull’unica operazione industriale e commerciale in atto: la costruzione del “Residence Panoramic” ribadendo, come già illustrato con la sua Relazione, la enorme difficoltà della società a posizionare sul mercato le Unità Immobiliari in Vendita. Infatti, nonostante le numerosissime richieste iniziali, queste sono andate scemando a causa sia della violenta campagna stampa contro la nostra società, sia a causa delle numerose traversie giudiziali derivanti da ricorsi avanzati da taluni cittadini e/o comitati, e che al momento non sono ancora tutti definiti. Anzi, in riferimento alla richiesta di annullamento di un preliminare di vendita, informo i Sigg. Soci che in data 15 Aprile 2009 ci è stato notificato un atto di citazione con il quale si richiedeva la nullità del contratto preliminare sottoscritto per “vizi del titolo di autorizzazione all’attività edificatoria e/o per difformità gravi dell’opera realizzata da quella consentita ovvero assentita ....per grave inadempimento della controparte all’obbligo di rendere la prestazione contrattuale in conformità ai vincoli negoziali ed alle disposizioni normative vigenti.” In seguito ad una breve transazione, al fine di evitare inutili ed onerosi giudizi, ma anche per tutelare l’immagine commerciale della nostra società, pur ribadendo la totale insussistenza dei fatti eccepiti, si è provveduto alla restituzione delle somme versate e pari ad € 189.700,00. A questo punto il Presidente invita i Sigg. Soci a riflettere sulla gravissima situazione sia giuridica che commerciale in cui si trova la nostra società e chiede ai Signori Azionisti, a conclusione di questa seduta di dargli mandato esplicito ad interessare i nostri legali affinché, laddove vi fossero i presupposti necessari, si adisca per le vie legali in termini sia civili che penali.”

    RispondiElimina
  109. “ UNA violenta campagna stampa contro la nostra società, sia a causa delle numerose traversie giudiziali derivanti da ricorsi avanzati da taluni cittadini e/o comitati”

    AH PERO' E' SOLO UNA VIOLENTA CAMPAGNA DI STAMPA,RICORSI AVANZATI DA TALUNI CITTADINI.RINFRESCHIAMO LA MEMORIA:

    "IL 16 GIUGNO ABBIAMO SCRITTO CHE “il settore Urbanistica e Pianificazione del Territorio della Provincia di Chieti ... ha stabilito l'annullamento del permesso a costruire rilasciato dal Comune di Vasto nel mese di agosto del 2006.(assessora di allora:Anna Suriani,insediatasi con la Giunta Lapenna 1 mese prima..) E, provvedimento consequenziale, lo stesso settore ha intimato al Comune di Vasto di adoperarsi, entro i prossimi sei mesi, per l'abbattimento delle opere realizzate. Sull'ex Hotel Panoramic, acquistato dalla società Buysell, che lo ha abbattuto per costruire un residence, è in corso da tempo un'inchiesta condotta dalla Procura della Repubblica di Vasto e dei Carabinieri della locale Compagnia. Le indagini sono dirette dal procuratore Francesco Prete e coordinate dal sostituto procuratore Irene Scordamaglia. Quattro persone sono indagate per 'abuso edilizio in concorso, per evidenti violazioni delle norme urbanistiche'. Si tratta del legale rappresentante della Buysell, del direttore dei lavori e della titolare della ditta costruttrice oltre che dell'ex dirigente l'ufficio urbanistica del Comune di Vasto. I lavori hanno comportato, secondo gli investigatori, una modifica di sagome e volumetrie dell'immobile. In particolare, nel 'mirino', c'è l'aggiunta di tre piani, diversamente distribuiti, con un’altezza passata dagli originari metri 8,50, agli attuali metri 14. La costruzione avrebbe anche beneficiato di un aumento di cubatura superiore al consentito. Il provvedimento dell'organo provinciale, sovraordinato rispetto agli uffici municipali, riconosce l'esistenza dei vincoli ipotizzati dalla magistratura vastese e contiene un'intimazione nei confronti del Comune a provvedere entro sei mesi all'abbattimento della nuova struttura. “




    Sono passati circa due mesi ed Assessore alla Urbanistica e' diventato il Fratello,Fratello di un detentore di quote della Societa' BUYSELL spa:del Fratello ,Fratello pero'.




    E C'E' SEMPRE LA DOMANDA DI SPINNATO:Caro Luciano Lapenna Sindaco della Città del Vasto, può lei spiegare alla città perchè nel piano del Centro storico di Vasto elaborato dal signor Cervellati è rimasta fuori la zona dell'ex Panoramic e tutte le palazzine stile Liberty adiacenti?

    Se c'è stata una svista perchè non corregge l'errore?







    SCUSA SINDACO LUCIANO ANTONIO BIANCALAPENNOLO SAI SOLO DIRE CHE QUALCOSA E' IMPORTANTE...ECCO DICCI CHE COSA DI “IMPORANTE “VUOI FARE..




    E SOPRATUTTO QUANDO VUOI ABBATTERE IL PANORAMIC?

    RispondiElimina
  110. Caro TRASPARENZiere, la comunità ti sarebbe grata se allegassi ai tuoi interventi il link della loro fonte...
    evitandomi di fare una ricerca googleana per reperirli in rete. Ti ringrazio in anticipo.

    RispondiElimina
  111. i paraculi non sono monopolio di nessun schieramento in campo

    le colpe dell'uni non assolvano le colpe dell'altri

    Valentini è un fattucchiere, Riccioni è un fottucchiere
    tra di loro una vocale li distingue

    RispondiElimina
  112. TRASPARENZA ???

    31.01.2009

    VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

    ADESIONE ALL'INIZIATIVA PROMOSSA DAL G.A.L. 'INNOVA PLUS S.R.L. FINALIZZATA ALLA CANDIDATURA DI UN PLANO DI SVILUPPO LOCALE A VALERE SULL'ASE LEADER DEL PSR MOLISE 2007-2013

    ...

    Che l'amministrazione Riccioni si decidesse a mettere in linea sul sito del comune tutti i documenti ufficiali: delibere e verbali dal 1999

    Allora potremmo si' credere alla parola TRASPARENZA
    e aderire al motto
    TRASPARENZA = CONOSCENZA = INTELLIGENZA = VERITA’
    dell'assessore più giovane, Aurelia Spatocco

    RispondiElimina
  113. ASSESSO'! QUANDO DOBBIAMO ASPETT'A PER AVE' I VERBALI SUL SITO???

    RispondiElimina
  114. '''Caro TRASPARENZiere, la comunità ti sarebbe grata se allegassi ai tuoi interventi il link della loro fonte...
    evitandomi di fare una ricerca googleana per reperirli in rete. Ti ringrazio in anticipo.'''

    prego

    Paraculo: si dice di persona furba, abile nel fare il proprio interesse senza darlo a vedere. Dizionario Garzanti 2006.
    ------------------------------------------------
    ''DEL PANORAMIC DELLA CITTA' DEL VASTO,DELL'ABBATTIMENTO TRA I FRATELLI LAPENNA,I SILENZI E LE BUGIE DEL SINDACO :''

    http://www.chiarelettere.gruppi.ilcannocchiale.it/?t=post&pid=2308616
    ------------------------------------------------
    ''delibera 31.01.2009 MANCA IL DOCUMENTO!!!:''

    http://www.studiok.it/comuni/mafalda/global_login_form.php

    Domain: comune.mafalda.cb.it
    Status: ACTIVE
    Created: 2000-04-19 00:00:00
    Last Update: 2009-05-24 00:03:05
    Expire Date: 2010-05-08
    Registrant
    Name: Rete Civica Del Comune Di Mafalda
    ContactID: RETE135-ITNIC
    Address: VIA DELLA FERMEZZA 5 - 86030 Mafalda
    Mafalda 86030 CB IT
    Created: 2007-03-01 10:57:11
    Last Update: 2007-03-01 10:57:11
    Admin Contact
    Name: Nicola Valentini
    ContactID: NV609-ITNIC
    Address: VIA DELLA FERMEZZA 5 - 86030 Mafalda
    Mafalda 86030 CB IT

    RispondiElimina
  115. Che l'amministrazione Riccioni si decidesse a mettere in linea sul sito del comune tutti i documenti ufficiali: delibere e verbali dal 1999

    'E DAL 1975...TRASPARENZA = CONOSCENZA = INTELLIGENZA = VERITA’

    RispondiElimina
  116. arricchiamo il nostro vocabolario...

    pa|ra|cù|lo
    s.m., agg.
    1 s.m. CO pop., chi è abile nel fare il proprio interesse, senza darlo a vedere
    2 s.m. BU volg., omosessuale maschio passivo
    3 agg. BU di comportamento, atteggiamento, malizioso e opportunista
    (De Mauro il dizionario della lingua italiana
    http://old.demauroparavia.it/79180)

    ...ognuno scelga la definizione più consona alla situazione

    RispondiElimina
  117. il giornalino "InforMafalda" seppur dichiarato 'ad uso interno' non riporta il nome del responsabile editoriale
    ma sulla fascetta è indicato l'indirizzo web 'www.insiemepermafalda.it' il cui registrante/proprietario (Registrant), responsabile amministrativo (Admin Contact), nonché responsabile tecnico (Technical Contacts) è il privato cittadino Egidio Riccioni
    questo sito 'insiemepermafalda.it' ospita e diffonde il suddetto giornalino InforMafalda
    per tanto il proprietario legale del sito 'www.insiemepermafalda.it', Egidio Riccioni, è penalmente responsabile di tutti i contenuti
    compresi quelli del citato giornalino

    in particolare, nel numero ANNO VI - 3^ Trimestre 2009, sono riprodotti due (2) articoli tratti da Il Quotidiano del Molise e firmati dal giornalista R.d’A. (Rossano D'Antonio) tale e quali a come essi figurano sul sito di Rossano D'Antonio, www.monteneronline.it,
    faccio notare al Gentile proprietario del sito www.insiemepermafalda.it che questi articoli sono protetti dal copyright (proprietà intellettuale) che protegge il loro autore e che in nessuna parte si legge ad essi riportati la dicitura: "Per concessione dell'autore" o "Per gentile concessione dell'autore"


    “Verba volant, scipta manent” (sic)

    RispondiElimina
  118. Il problema è tuo oppure dell'autore dell'articolo?

    RispondiElimina
  119. 20 agosto 2009 8.55
    'il giornalino "InforMafalda" seppur dichiarato'...

    allora pui spieghare perche ???

    Domain: comune.mafalda.cb.it
    Status: ACTIVE
    Created: 2000-04-19 00:00:00
    Last Update: 2009-05-24 00:03:05
    Admin Contact
    Name: '''''''Nicola Valentini'''''''
    ContactID: NV609-ITNIC

    '''Expire Date: 2010-05-08'''

    ma quando ci lascia liberi???
    si puo lavorare cosi'

    RispondiElimina
  120. Come un privato può essere admin contact del SITIO DEL COMUNE DEI MAFALDESI? UN SITO UFICIALE?
    MA, QUANDO COMINCIATE A FARE LE COSE BENE? DAI CHE SIAMO STANCHI GIà...

    RispondiElimina
  121. Mi sa proprio che STATE SCATTANDO DALL'INVIDIA!!!
    Dormite tranquilli sonni profondi, tanto 5 anni passeranno lentamente!!! AH AH AH

    RispondiElimina
  122. Così pagheremo nella bolletta
    i ritardi sul protocollo di Kyoto
    Il sottosegretario Saglia: "L'impatto sulle tariffe sarà inevitabile, adesso limitiamo i danni"
    di LUCA IEZZI

    ROMA - Con il pianeta si riscalda anche la bolletta degli italiani. Il ritardo sull'adempimento del protocollo di Kyoto per la prima volta peserà direttamente nelle tasche dei consumatori visto che il governo è alla disperata ricerca di 555 milioni entro la fine dell'anno (diventeranno 840 nel 2012). Gran parte di questa cifra finirà nelle tariffe elettriche durante l'anno prossimo.

    (http://www.repubblica.it/2009/03/sezioni/economia/tariffe/costi-kyoto/costi-kyoto.html)

    RispondiElimina
  123. "Diciamo Sì alle energie veramente rinnovabili, come il fotovoltaico e l'eolico. Questi impianti dovranno essere realizzati (in modo preventivo) dopo essere stati concordati con la popolazione, per far sì che non pregiudichino il nostro territorio.

    Per tutto questo indiremo una consultazione popolare entro i primi 30 giorni"

    PROGRAMMA ELETTORALE INSIEME PER MAFALDA PER LA LIBERTA'

    Belle parole.
    E i fatti?

    A quando la presentazione del progetto di impianti di produzione di energie veramente rinnovabili, fotovoltaico e l'eolico?
    A quanto il consiglio comunale per indire un concorso pubblico per la fornitura di panelli fotovoltaici e generatori elettrici con eoliche?

    RispondiElimina
  124. Ma la moda del momento è diventata ricopiare il giornalino dell' amministrazione su questo blog? E basta, avete stancato!

    RispondiElimina
  125. Altrimenti parliamo della festa della protezione civile.......

    RispondiElimina
  126. TRASPARENZA = CONOSCENZA = INTELLIGENZA = VERITA’
    dice l'assessore

    COERENZA + TRASPARENZA = EFFICIENZA
    COERENZA + INFORMAZIONE = DEMOCRAZIA
    EFFICIENZA + DEMOCRAZIA = COESIONE SOCIALE

    i fatti non si confondono con le recite pubbliche di buone intenzioni, il teatrino di burattini mediatici (questo a Mafalda si riduce a un giornalino - InforMafalda)

    i fatti sono atti concreti
    alcuni immediati da realizzare
    altri richiedono un tempo più lungo di attuazione, ma che comunque bisognano di essere intrapresi subito

    da subito:

    - aggiornamento del sito ufficiale del Comune di Mafalda con tutte le delibere di giunta e processi verbali del consiglio comunale e i decreti del sindaco
    dalla data di introduzzione dell'informatica nell'amministrazione comunale (1975?)

    - chiarezza formale tra gli organi di comunicazione ufficiali del Comune e quelli propagandistici del partito di maggioranza
    e questo anche per chiarire i finanziamenti dati e ricevuti

    - aggiornamento del PROGRAMMA ELETTORALE INSIEME PER MAFALDA PER LA LIBERTA' che contiene in esso proposte già deluse come "Per tutto questo indiremo una consultazione popolare entro i primi 30 giorni"
    da pubblicare e distribuire ad ogni cittadino

    Se l'amministrazione attuale fa tutto questo, qui adesso immediatamente, sarà credibile
    altrimenti "chiagne e fotte"

    RispondiElimina
  127. Altrimenti parliamo della festa della protezione civile.......
    20 agosto 2009 18.38

    Anonimo perché non ci aggiorni sulla festa della protezione civile? Che io non ho letto niente di questo evento nel giornalino municipale.

    RispondiElimina
  128. Perché non chiedi a Nicola Valentini com'era la festa? Visto che è l' unica a cui ha partecipato...forse perché crede che la protezione civile sia sua...
    Adesso lo trovi in piazza, in quella che crede essere la sua villa...poi ci aggiornerai tu...

    RispondiElimina
  129. la sua villa...la sua festa...la sua... la sua
    MA VA FAN CULO N VALENTINI

    RispondiElimina
  130. .....la sua villa...la sua festa...la sua... la sua

    Il tuo vaffà mi sembra del tutto sincero, ma magari questo tuo desiderio non potrà realizzarsi... visto tutti quei paraculo che lo circondano e gli fanno da corte.

    Piuttosto perché non rivolgerti, con parole più soave, al neo sindaco Egidio Riccione per chiedergli a che punto ne è delle verifica dei conti, delle spese di rappresentazione e dei rimborsi effettuati dall'uscente amministrazione di Nicola Valentini a vantaggio dell'ex sindaco. Se mai il tuo sfogo sincero avrà una ragione concreta.

    RispondiElimina
  131. dunque alla festa della protezione civile non c'eri
    per il valido motivo che Valentini c'era
    pertanto non puoi dirci niente di questa festa

    cosi ma Valentini ha ragione di sentirsi a casa sua tra i suoi tifosi
    (in quanto chi l'avversa si fa da parte e gli lascia il piacere di fare il proprio comodo)

    se invece avessi ingoiato la tua reticenza a condividere con costui lo stesso spazio sociale - la festa
    lui non avrebbe potuto sentirsi a suo aggio come un gallo nel pollaio

    stessa cosa si dica della piazza

    RispondiElimina
  132. Lo stesso spazio sociale lo puoi condividere quando si respira area pulito non area a politica che a volte da schifo.

    Le feste 'politiche' interesano soltanto ai politici e a una frazione della popolazione, essistono per farci vedere come siamo stati spaccati per anni per potere sottometterci.

    Se non faciamo pace, se non capiamo che deve essistere una sola maniera di andare avanti
    tutti insieme 'veramente', perdonando e in pace, sempre essistirano le spaccature in beneficio dei pochi, e queste feste saranno il vero essempio. Questo DA SCHIFO!!!

    Certo l'ex sindaco puo fare il gallo soltanto dentro il suo pollaio, ricordate cosa è sucessso l'ultima volta che è stato di fronte alla popolazione nella pallestra. Questo, la mancanza di coraggio pur quando uno svaglia, la mancanza di rispetto per ascoltare l'altro, non dare spazio alla critica, non condividire, ecc. è stato un'altro essempio di potere e sottomissione dei mafaldesi.

    RIPETTO 'MANCANZA DI CORAGGIO PER CONFRONTARSI CON L'ALTRO E NON NASCONDERSI DENTRO IL PROPIO POLLAIO O LA 'PROPIA FESTA'.

    MA, STIAMO SCHERZANDO? I BIMBI GIà CAPISCONO COME SONO LE COSE A MAFALDA, CI VUOLE D'UNA VOLTA METTERSI A LAVORARE PER FINIRE CON QUESTA MALLATTIA, CI VUOLE VOLONTà, CI VUOLE CRITICA, CI VUOLE CHIEDERE, MA, LI VA BENE AL MAFALDESE QUE QUESTO SUCEDA? IL CAMBIAMENTO? O PREFERISCI ANCORA ESSERE SOTTOMESSO?.

    RispondiElimina
  133. Messaggio saggio -- Ripa Alta -- 12 genaio 2009

    ''Siamo noi cittadini ad essere privati dell'informazione di base, il minimo per una vita politica in democrazia.
    Il fatto è che nessuna legge obbliga il sindaco o l'amministrazione comunale o un segretario comunale o un qualsiasi funzionario a pubblicare in rete gli atti ufficiali. Viceversa c'è una legge che obbliga ad esporre tutti gli atti ufficiali a l'albo pretorio, quanti cittadini vanno a consultarlo? E anche se qualcuno volesse, diciamo, consultare le delibere e tutti gli altri documenti relativi al “Progetto Mafalda” già esposti e archiviati, avrebbe tutto il concorso dei funzionari e dell'amministrazione per farlo? Per questo se una pubblicazione e archiviazione in rete venisse fatta, una semplice parola chiave basterebbe. Ma è proprio per questo che la pubblicazione in rete non viene, o non deve, essere fatta.
    Indignarsi. Indignarsi pubblicamente, rumorosamente, sentitamente. Quando le leggi non ci sono rimane l'opinione pubblica, questo ectoplasma, sacco vuoto per tutte le farine. Voi “Giovani Mafaldesi”, cercate di dare forma e senso al coperchio che cade. Ma non basta. Indignarsi. Dopo l'indegno c'è il coinvolgimento. Mettere le mani nel fango e sporcarsi per ripulire tutto questo scempio. Milioni spesi, milioni sprecati. Che ci lasciano come siamo: confinati. Trentamila euri per rifare ogni anno la pittura bianca delle strisce dei parcheggi, e una biblioteca destinata a ripostiglio. Una esposizione “Mostra archeologica sul Castello di Ripalta” inaugurata il 16 dicembre 2006, con docenti e Soprintendenza per i Beni Archeologici del Molise e articoli sui giornali, è finita dietro una porta chiusa.
    Non ci vuole solo dei milioni con tanto di zeri per fare una vita decente e dignitosa, ci vuole la volontà di fare determinate cose al posto di altre. Ci vogliono scelte e questo “fare scelte” si chiama politica.''

    RispondiElimina
  134. Anonimo delle 9:50, io alla festa della protezione civile c'ero, altrimenti come avrei fatto a vedere Valentini? Io non sono uno di quelli che non passano attraverso la villa perché l' ha fatta la vecchia amministrazione né di quelli che ora sono sempre lassù perché l'ha fatta la vecchia amministrazione. Io partecipo a tutti gli avvenementi del tuo paese...e se tanto ci tieni a saperlo, sono uno di quelli che Valentini evita di incrociare...

    RispondiElimina
  135. Scusa, dovevo scrivere del MIO paese...quindi, il NOSTRO paese.

    RispondiElimina
  136. Guglielmo firmati, tanto ti riconosciamo quando sei tu a scrivere!

    RispondiElimina
  137. lo so juajuajua, non serve già firmasi, tanto già mi riconoscete e perche sia come sia qua soltanto stiamo a butare le parole al vento!!!, perche a nessuno mai li conviene riccoglierli...
    Non mi firmo perche come anonimo ho visto che non mi tratano male, juajuajua...

    RispondiElimina
  138. nella cittadina mafaldese aleggia un clima ostile,non ci sono stati ne vincitori ne vinti,anzi i vinti hanno festeggiato la sconfitta,i vincitori stentano a festeggiare la vittora a distanza di 2 mesi dal referendum...si prospetta un'autunno caldo,ricco di colpi di scena,l'ignoranza della cittadinanza tutta verrà tramutata in conoscenza e sapere empirico;ci si augura...ora la mia domanda è...la realizzazione della centrale a biomasse può essere realmente bloccata? ossia il progetto tutto può essere inibito? grzie...vorrei risposta da esperti,o quantomeno da personale qualificato,poiché sui blog si scrivono baggianate di ogni genere... domenico

    RispondiElimina
  139. Vorrei tentare di dare una risposta a Domenico, senza la pretesa della esaustività, poichè, come ben si sa, il tutto è affidato ad un manipolo di esperti "sanguisuga", i ciceroni illuminati del nostro bel paese, l'Italia.
    Come ognuno di noi sa, l'Italia è la patria del diritto, di quel diritto che ci viene dagli antichi romani, di cui Cicerone ne era il retore per eccellenza, per la sua eloquenza e per le capacità retoriche. Ebbene, partendo proprio da questa benedetta retorica, che altro non è che una costruzione logica basata su un assunto, ritenuto vero, da cui viene costruito tutto l'impianto di accusa o di difesa di un atto rilevante dal punto di vista giuridico. Accanto a questa logica , la retorica si serve anche di immagini e di riferimenti che l'oratore utilizza per dare pathos al discorso, in modo da suggestionare i giudici chiamati a pronunciare la sentenza. Se oltre alla retorica, ci addentriamo nei meandri delle norme giuridiche, ci accorgiamo che la certezza del diritto non esiste, tant'è che gli avvocati consultati da Riccione ritengono possibile bloccare la biomasse, mentre quelli che difendono la Dafin, hanno altre certezze.
    A questo punto dovrebbe venirci in aiuto il buon senso, quello che ognuno di noi ha per capire come possono evolvere gli eventi. Se un iter è stato seguito, e ci sono le approvazioni richieste per legge, anche in presenza di errori procedurali, che possono essere sempre sanati, l'atto finale non può essere annnullato pur in presenza di vizi di forma.Ma allora, questa semplice norma del buon senso non è conosciuta dall'attuale amministrazione? Io penso che almeno il sindaco la conosca, se non altro per aver consultato i "tutori giuridici" , quelli ai quali il comune dovrà pagare lauti onorari.
    Allora, la gente si chiede perchè tutta questa sceneggiata? E' semplice: l'amministrazione attuale sa che il cavallo di battaglia che gli ha permesso di vincere le elezioni può trasformarsi in un cavallo di Troia.
    Per evitare che ciò accada, servono valenti giuristi che facciano capire, almeno alla ciurma dei consiglieri, che è possibile fermare il mostro.
    Se, al contrario, non fosse possibile, la popolazione sa che è stato fatto ogni passo e che il colpevole è Valentini,reo di aver detto che le elezioni solamente dovevano essere considerate un vero referendum pro o contro la biomasse, come se l'autorizzazione finale della regione fosse oggetto di patteggiamenti, sempre in barba a quell'idea di certezza del diritto.

    RispondiElimina
  140. SCUSATE MI SAPETE DIRE CHI C'E'(E' QUALCHE GIOVANE DI MAFALDA O CHE) ALL'UFFICIO DAFIN IN PIAZZA A MAFALDA?????????????

    RispondiElimina
  141. Non ti chiedo di dare qualcosa di tuo al povero, ma di restituirgli il suo25 agosto 2009 17:10

    (AGI) - Campobasso, 18 ago. - "Io voglio ospitare i clandestini. Anche il Vaticano potrebbe fare di piu' e aprire le porte ai migranti che non sanno dove andare". Non provocazione ma disobbedienza non violenta quella di don Antonio Di Lalla, 55 anni, parroco di Bonefro (Campobasso) che contesta i giro di vite sugli immigrati. Don Antonio giudica "iniqua e perversa" la legge che ha introdotto il reato di clandestinita'. "Come cristiani - dice - non possiamo accettarla. La mia casa e' a disposizione per i fratelli che ne hanno bisogno. Io faccio quello che dice il vangelo". Il parroco non e' nuovo alle proteste controcorrente. Da anni non versa allo Stato ma alle organizzazione caritatevoli il 3% delle imposte destinato agli armamenti.
    "Mi hanno anche pignorato lo stipendio di insegnante - rivela don Antonio - ma io non mollo". Il 3 Luglio scorso a Bonefro ha ospitato il "No G8". "Avevo dei locali - spiega - e li ho messi a disposizione dei costruttori di pace". La nuova legge sulla clendestinita', don Antonio propio non riesce ad accettarla. "Come si fa - rimarca ad alta voce - a bollare come delinquente uno che non ha documenti?. Noi discendiamo da Abramo - dice all'Agi - che era un nomade". La Chiesa, per mezzo di autorevoli rappresetanti ha fatto sentire la sua voce, ma a don Antonio Di Lalla non basta. "A Roma potevano fare di piu'. Ad esempio, aprire il Vaticano e farlo diventare spazio di liberta'". Sul balcone della canonica del paese terremotato molisano da oltre un mese campeggia lo striscione: "Io ospito i clandestini, e tu?". "E' una legge che cavalca la paura - aggiunge il parroco -. Noi dobbiamo oppocri non come rivoltosi, ma da seguaci di Cristo. Sant'Agostino diceva: "Non ti chiedo di dare qualcosa di tuo al povero, ma di restituirgli il suo".

    RispondiElimina
  142. "Io ospito i clandestini, e tu?"25 agosto 2009 17:17

    disobbedienza contro leggi inique

    Viva don Antonio Di Lalla

    qual'è la posizione di don Nicola Calvitti?
    e della professoressa di religione?
    che valori trasmettono ai nostri ragazzi?

    RispondiElimina
  143. Un Giovane Mafaldese25 agosto 2009 18:14

    Senz' altro la battaglia di don Antonio mi pare una cosa degna di lode ed hai fatto bene ad informarci. Quello che non mi piace è che usi la notizia per strumentalizzarla contro il nostro parroco e contro Aurelia, perché? E la tua posizione qual è? Perché non metti anche tu uno striscione al balcone come quel prete?

    RispondiElimina
  144. 25/08/09 - UTILIZZO BIOMASSE: LA REGIONE PUBBLICA IL BANDO

    Campobasso. L’Assessorato all’Agricoltura, Foreste e Pesca Produttiva, in sintonia con le indicazioni e gli impegni collegati alle recenti direttive energetico-ambientali internazionali (Pacchetto clima-energia), ha deciso di dare continuità alla serie di iniziative volte allo sviluppo della filiera Legno-Energia, mediante l’utilizzo delle biomasse legnose di origine forestale, su scala locale. I positivi risultati ottenuti con gli investimenti energetici finanziati con il bando attivato nel 2006 che ha prodotto la realizzazione di sei impianti pilota alimentati a cippato per la generazione di energia termica, per una potenza complessiva installata pari a 645 KW, a servizio di strutture pubbliche ad uso collettivo (scuole, case di riposo, uffici, ecc.), hanno generato un vasto e significativo interesse delle Amministrazioni pubbliche locali sempre più decise ad intraprendere ed attuare politiche di valorizzazione bioenergetica per il soddisfacimento del proprio fabbisogno. «In risposta a tale esigenza – ha detto l’Assessore Nicola Cavaliere – la Regione ha emanato un nuovo Bando con l’intento di proseguire nel raggiungimento di obiettivi specifici prioritari, quali la riduzione del consumo di combustibili fossili nella produzione di energia, l’utilizzo di biomasse legnose di scarso valore di mercato a scopo energetico, la diffusione di nuove tecnologie di generazione energetica da fonti rinnovabili, la creazione di modelli di filiera corta e cortissima finalizzata al coinvolgimento degli operatori agricoli e forestali attraverso nuovi modelli di impresa ad integrazione e diversificazione dei redditi aziendali, volte alla produzione, gestione e fornitura di energia proveniente da fonti rinnovabili alternative sostenibili». Gli aiuti previsti dal bando, per 566.000 euro circa, prevedono la concessione di contributi in conto capitale pari al 90% della spesa ritenuta ammissibile per la installazione di generatori di calore ad alta efficienza ivi comprese la strutturazione di piattaforme produttive di combustibili legnosi e le opere tecnologiche strettamente connesse al funzionamento. I destinatari del sostegno sono prioritariamente le Amministrazioni Comunali in possesso di requisiti specifici riguardanti in particolare la garanzia di copertura del fabbisogno di combustibile legnoso proveniente da una gestione pianificata dei boschi e la disponibilità di adeguate strutture in cui allocare l’impianto. Le Amministrazioni avranno quarantacinque giorni di tempo per predisporre la domanda e la proposta tecnica progettuale a decorrere dal 1° settembre p.v. (data di pubblicazione del bando sul BURM) da presentare presso la sede dell’Assessorato all’Agricoltura, Foreste e Pesca produttiva in via N. Sauro, 1 a Campobasso.

    RispondiElimina
  145. Mi sembra che la cosa riguardi piccoli impianti, o sbaglio?

    RispondiElimina
  146. Miei amatissimi Giovani,
    Andrea, Leonardo, Maurizio, Fabio, Alessandro, Deborah e Rossana
    che fine avete fatto?
    Non vi si vede ne vi si sente piu'.
    Questo e' il 146/esimo commento di questa pagina, ma di voi amatissimi Giovani Mafaldesi ne il colore ne l'odore.

    PS se a qualcosa i striscioni ai balconi servono, e' a far prendere coscienza che non ci sono problemi o problematiche riservate da confidare nelle mani di questo o di quell'altro. Biomasse o diritti umani, siamo noi cittadini responsabili: accettando o rifiutando di stare zitti. Nessuno e' nato con la coda tra le gambe. Nessuno ha il monopolio, per causa del vestito o tonaca che indossa, della verita'. E' la nostra coscienza che c'insegna a distinguere il giusto dall'ingiusto. E chi delega la propria coscienza e' un alienato.

    PS Adesso vedremo se la giunta Riccioni rispondera' al bando della Regione, se la giunta Riccioni vuol fare sul serio nella gestione controllata delle risorse a servizio di strutture pubbliche ad uso collettivo: "I destinatari del sostegno sono prioritariamente le Amministrazioni Comunali in possesso di requisiti specifici riguardanti in particolare la garanzia di copertura del fabbisogno di combustibile legnoso proveniente da una gestione pianificata dei boschi e la disponibilità di adeguate strutture in cui allocare l’impianto." Ma certamente, se le materie prime ci sono e sono garantite nel tempo, l'impianto di produzione non potra' trovarsi nella ZI Pianetta. Non e' piu' tempo per sfumare la realta' con dei se e dei ma. I fatti si vedono, come il buongiorno di buon mattina.

    RispondiElimina
  147. Anche se... i Leonardo o i Alessandro si sono allontanati o fatti allontanare (ma questo è il destino dei gruppi umani di sbriciolarsi col tempo, quando i malintesi o i sottintesi si chiarificano) rimarrà pure un ultimo angelo custode, un mastr'angelo, per dare ogni tanto un soffio su questo blog che si spegne.

    Anche se... dopo le promesse non mantenute (già sfumate dopo quasi tre mesi) di trasparenza e dialogo cittadino fatte in pompa magna dai latori delle libertà pubbliche, non consentono nessuno spazio al dialogo e ancor meno al confronto (per dialogare bisogna perlomeno essere in due, altrimenti si chiama monologo), ci rimane o ci accontentiamo/scontentiamo di pubblicare commenti su questo sito, come fossero bottiglie vuote buttate al mare.

    Anche se... i gestori di questo blog ormai non hanno più niente da dirci, rimaniamo noi (anonimi) commentatori a farlo (ancora) respirare.

    Ma se... le risposte non vengono -ricordatevi dell'attitudine della precedente giunta Valentini e confrontatela con la nuova giunta Riccioni- e i commentatori sono un pugno, non fidatevi che gli occhi che leggono sono in molti, silenziosi e anonimi.

    Ma la "Amministrazione di Egidio Riccioni" dov'è?

    RispondiElimina
  148. Alessandro presente!26 agosto 2009 17:29

    Hai dimenticato almeno altri 2 Giovani Mafaldesi, caro anonimo. Ma soprattutto ti chiedo dove vivi se non ci vedi più? E poi mi sembra che c'è sempre qualcuno di noi che risponde quando qualcuno "la spara grossa" e io ho commentato molto negli ultimi giorni.
    Io non mi sono allontanato né tantomeno fatto allontanare dal gruppo!Siamo vivi e vegeti!
    Siamo anche noi tra quei tanti occhi che leggono quotidianamente il blog.
    Un' ultima cosa: se abbiamo avuto poco di cui informarvi in questi ultimi tempi è perché d' estate vanno in ferie tutti, d' estate non si decide niente. Siamo tutti impazienti di vedere la fine dell' incubo biomasse, ma non siamo noi a deciderne i tempi.
    Spero che la mia risposta sia stata esaustiva, ma se hai altro da dire sono disponibile ad ascoltarti.

    RispondiElimina
  149. Vivo, vegeto e impegnatissimo, ecco cosa sono. non mi soffermero sulle sciocchezze che mi danno per allontanato o cose del genere. Chi mi conosce sa che non è cosi, chi non mi conosce non ha il diritto di dirlo, quindi direi che il capitolo è presto chiuso.
    Per l'anonimo che mi ha subito risposto invece, mi scuso intanto per il ritardo, non dirò certo che sono qui sul blog ogni minuto, mentirei, ma non manco di tornare (come dice poi alessandro questo è un periodo morto per le decisioni quindi non sto a venire qui solo per polemizzare con i maldicenti).
    Caro anonimo, tu hai frainteso, io non metto certo in dubbio i vari aforismi e citazioni, ma quello che voglio dire è che Socrate non è qui, qui ci siamo IO, TE, i GM, le varie amministrazioni. Quindi preferisco far lavorare il mio di cervello, per quanto possa servire, che usare quello di saggi morti che dicono frasi generiche che possono essere vere per tutto e niente a seconda di chi le cita.

    Per quanto riguarda tutor e consulenti: il tutor è una grandissima CAZ..TA, e non mi interessa se sia Valentini o Riccioni, tale rimarrà per me, è chiaro? Se io fossi schierato con l'attuale sindaco, questa si chiamerebbe autocritica, dal momento che a mafalda posso considerarmi super partes dimmi tu come chiamarla!

    In ogni caso un consulente non è pagato per fare le veci del sindaco, ma per dare consulenze grazie alla sua esperienza/conoscenza (tanto piu che è un consulente LEGALE), e questi li hanno tutti i comuni.

    Ora scusatemi ma torno nella mia bara...

    RispondiElimina
  150. uno già stanco...26 agosto 2009 19:36

    Va bene faciamo finta che non essiste N. Valentini, nemeno E. Riccione, voglio dire, non abbiamo chi governe adesso il paese ( mi sembra 'sentire dire a diverse persone che non abbiamo amministratori) OK, allora siamo noi, anonimi a decidere cosa faciamo.
    Per essere capito, allora, chiedo a tutti gli anonimi che prima e dopo le ellezioni, con o senza questi ilustri politici (secondo voi dite sempre) dicevano e continuano a dire male a questi politici e peggio ancora adesso aggiungono e ancora dicono male ai GM ditemmi cosa faresti adesso, 'faciamo finta che non c'e nessuno a amministrare', ripetto chiedo a voi tutti, CHIEDO CORTESEMENTE A VOI ANONIMI : se dovresti fare funsionare questo piccolo ma piccolissimo comune, saresti capaci di proporre qualche idea importante?.
    Se non mi avete capito, dico sinceramente:
    GIà SONO STANCO DI SENTIRE LO SCONTENTO MA QUALCUNO è CAPACE DI PROPORRE QUALCOSA?
    ...piano, piano, uno alla volta, possono dare opinioni tutti, piano, uno alla volta...come che non si può dialogare? perche non ci vediamo in piazza? come è possibile che non ci mettiamo mai d'accordo? a me mi riconoscete, ma mai nessuno mi è fermato in piazza a dirmi qualcosa...dai che ADESSSO E RIENTRATTA LA DEMOCRAZIA...
    SPERO DA TEMPO LE VOSTRE IDEE, PERCHE SI SIETE SCONTENTI SICURO AVETE QUALCHE ALTERNATIVA...
    RINGRAZIO IN ANTICIPO, MA SIETE SERI ALMENO UNA VOLTA.

    RispondiElimina
  151. Anche se... dopo le promesse non mantenute (già sfumate dopo quasi tre mesi) di trasparenza e dialogo cittadino fatte in pompa magna dai latori delle libertà pubbliche, non consentono nessuno spazio al dialogo e ancor meno al confronto...

    "Il nostro impegno sarà per tutti i Mafaldesi, in modo trasparente e democratico, poiché un vero sviluppo della nostra Comunità si costruisce "INSIEME" e rispettando la "LIBERTÀ"' del Popolo sovrano. SEMPRE!"
    PROGRAMMA ELETTORALE INSIEME PER MAFALDA PER LA LIBERTA'

    "Diciamo No alla Centrale a Biomasse perché occorreva un diverso atteggiamento da parte dell'amministrazione uscente e cioè maggiore trasparenza ed informazione, ascoltare gli esperti e la volontà di noi Cittadini, prima ancora di impegnarsi con una firma che condanna Mafalda ed i Mafaldesi.
    Diciamo Sì alle energie veramente rinnovabili, come il fotovoltaico e l'eolico. Questi impianti dovranno essere realizzati (in modo preventivo) dopo essere stati concordati con la popolazione, per far sì che non pregiudichino il nostro territorio.
    Per tutto questo indiremo una consultazione popolare entro i primi 30 giorni"
    (PROGRAMMA ELETTORALE INSIEME PER MAFALDA PER LA LIBERTA')

    "Coltiveremo il dialogo e confronto civile con tutti nell'arco dell'intero mandato amministrativo, sia come presenza in sede, sia potenziando ed aggiornando settimanalmente anche tramite "INTERNET" il sito del Comune, dove si potranno consultare gli atti prodotti e le iniziative che l'Amministrazione intende promuovere."
    (PROGRAMMA ELETTORALE INSIEME PER MAFALDA PER LA LIBERTA')

    ...parliamo delle promesse fatte dai vincitori, lasciando per ora da parte la retorica dei vinti.
    ..."d' estate vanno in ferie tutti, d' estate non si decide niente"...
    nessuno ha imposto a nessuno di scrivere questo o quest'altro, di fare questa o quest'altra promessa.
    e se le parole hanno un senso e i numeri (si) contano: trenta significa trenta.
    "entro i primi 30 giorni" è uguale a 8 giugno più 30 giorni che fa 8 luglio al massimo - oggi siamo il 26 agosto.
    e non si parla di non so' che, si parla di "energie veramente rinnovabili", siamo in tema con il blog? o sbaglio.
    ma nell'intervista all'assessore Aurelia Spatocco pubblicata su questa pagina il lunedì 27 luglio 2009, non si legge nessuna referenza a questo punto ne a tutt'altro punto del programma elettorale agl'impegni presi in campagna elettorale dai vincitori.

    a meno che... non si volesse solo fare interventi di compiacimento, o per evitare di essere accusati maliziosamente di questo, nulla bisogno di aspettare la fine dell'estate e la cadute delle foglie per interrogare e interrogarsi. E non ditemi che tutti gli assessori e sindaco compreso sono a Cortina o sulla Costa Smeralda.

    Prosit!

    PS Mi astengo di riportare in extenso tutti i punti azzardati del PROGRAMMA ELETTORALE INSIEME PER MAFALDA PER LA LIBERTA', lasciando a ognuno la delizia di consultarlo online

    RispondiElimina
  152. uno gia stanco...26 agosto 2009 19:44

    19.36 :::

    Prosit!!!
    A tu salud!!!
    Alla tua salute!!! come vuoi tu!!!
    Va bene faciamo finta che non essiste N. Valentini, nemeno E. Riccione, voglio dire, non abbiamo chi governe adesso il paese ( mi sembra 'sentire dire a diverse persone che non abbiamo amministratori) OK, allora siamo noi, anonimi a decidere cosa faciamo.
    Per essere capito, allora, chiedo a tutti gli anonimi che prima e dopo le ellezioni, con o senza questi ilustri politici (secondo voi dite sempre) dicevano e continuano a dire male a questi politici e peggio ancora adesso aggiungono e ancora dicono male ai GM ditemmi cosa faresti adesso, 'faciamo finta che non c'e nessuno a amministrare', ripetto chiedo a voi tutti, CHIEDO CORTESEMENTE A VOI ANONIMI : se dovresti fare funsionare questo piccolo ma piccolissimo comune, saresti capaci di proporre qualche idea importante?.
    Se non mi avete capito, dico sinceramente:
    GIà SONO STANCO DI SENTIRE LO SCONTENTO MA QUALCUNO è CAPACE DI PROPORRE QUALCOSA?
    ...piano, piano, uno alla volta, possono dare opinioni tutti, piano, uno alla volta...come che non si può dialogare? perche non ci vediamo in piazza? come è possibile che non ci mettiamo mai d'accordo? a me mi riconoscete, ma mai nessuno mi è fermato in piazza a dirmi qualcosa...dai che ADESSSO E RIENTRATTA LA DEMOCRAZIA...
    SPERO DA TEMPO LE VOSTRE IDEE, PERCHE SI SIETE SCONTENTI SICURO AVETE QUALCHE ALTERNATIVA...
    RINGRAZIO IN ANTICIPO, MA SIETE SERI ALMENO UNA VOLTA.

    RispondiElimina
  153. uno gia stanco...26 agosto 2009 19:53

    CI VUOLE ESSERE MATURO E AVERE CORAGGIO PER CAMBIARE LE COSE, E SE NON SI PUò DA SOLO, ' EL PUEBLO UNIDO JAMAS SERA VENCIDO', HASTA LA VICTORIA SIEMPRE!!!
    ALTRIMENTI MEGLIO STARSI ZITTI!!!

    RispondiElimina
  154. A NOI SERVE:
    1)Più conoscenza, meno ignoranza;
    2)Più fatti concreti, meno retorica;
    3)Più trasparenza, meno pastoie burocratiche; 4)Più umiltà, meno arroganza;
    5)Più sincerità, meno ipocrisia;
    6)Più uguaglianza, meno privilegi;
    7)Più collettivo, meno privato;
    8)Più fratellanza, meno odio;
    9)Più armonia, meno divisioni;
    10)Più vigilanza,meno abusi.
    Se siete d'accordo, date un cenno di assenso, e soprattutto vigiliamo perchè queste norme di comportamento siano rispettate.

    RispondiElimina
  155. uno gia stanco26 agosto 2009 23:11

    ADESSSO COMINGIAMO A RAGGIONARE, COMPLIMENTI,MA CHI SIETE, PERCHE è ORA DI FARSI CONOSCERE NON è VERO? CONDIVIDO MA A MAFALDA, QUANTI SONO CAPACI DI METTERSI DI FRONTE A QUESTE REGOLE A VISO SCOPERTO E DIFENDERLI? QUANDO SI COMINCIA A RINUNCIARE PER CONDIVIDERE CON L'ALTRO?

    RispondiElimina
  156. uno già stanco...26 agosto 2009 23:16

    QUASI QUASI I DIECI COMANDAMENTI!!!

    RispondiElimina
  157. Aggiungerei:
    più coraggio,meno viltà
    più individui con difetti e pregi,meno massa.

    RispondiElimina
  158. 1)Più conoscenza, meno ignoranza;
    2)Più fatti concreti, meno retorica;
    3)Più trasparenza, meno pastoie burocratiche; 4)Più umiltà, meno arroganza;
    5)Più sincerità, meno ipocrisia;
    6)Più uguaglianza, meno privilegi;
    7)Più collettivo, meno privato;
    8)Più fratellanza, meno odio;
    9)Più armonia, meno divisioni;
    10)Più vigilanza,meno abusi;
    11) Più coraggio, meno viltà.
    La lista dei principi etici può continuare con il tuo contributo.

    RispondiElimina
  159. 1)Più conoscenza, meno ignoranza;
    2)Più fatti concreti, meno retorica;
    3)Più trasparenza, meno pastoie burocratiche;
    4)Più umiltà, meno arroganza;
    5)Più sincerità, meno ipocrisia;
    6)Più uguaglianza, meno privilegi;
    7)Più collettivo, meno privato;
    8)Più fratellanza, meno odio;
    9)Più armonia, meno divisioni;
    10)Più vigilanza,meno abusi;
    11) Più coraggio, meno viltà;
    12) Più soggettività, meno massificazione.
    La lista dei principi etici può continuare con il tuo contributo.

    RispondiElimina
  160. domandiamo ad una professoressa di religione o ad un prete di illuminarci sui giusti 'principi etici'...

    questo blog sta liqueficandosi
    scemando

    Miei amatissimi Giovani,
    Andrea, Leonardo, Maurizio, Fabio, Alessandro, Deborah e Rossana (+ 2)

    quando avrete digerito la birra e che le ferie estive saranno finite
    troverete magari il tempo per completare le domande
    a proposito di "modo trasparente e democratico"......."indiremo una consultazione popolare entro i primi 30 giorni"......."Coltiveremo il dialogo e confronto civile con tutti nell'arco dell'intero mandato amministrativo, sia come presenza in sede, sia potenziando ed aggiornando settimanalmente anche tramite "INTERNET" il sito del Comune, dove si potranno consultare gli atti prodotti e le iniziative che l'Amministrazione intende promuovere."

    siamo certi che 'l' assessore più giovane' per rispetto dei elettori (in particolare di quei 76 che l'hanno nominalmente scelta) risponderà con responsabilità e onestà,
    come lei stessa si è impegnata a fare nel giornalino InforMafalda, “Verba volant, scipta manent” (dixit)

    RispondiElimina
  161. Un Giovane Mafaldese27 agosto 2009 18:30

    Scusate, cari anonimi, vorrei precisare un concetto: nell' intervista, l' assessore risponde alle domande DA NOI POSTE. Se volete dialogo e confronto civile con l' amministrazione non dovete chiederlo a noi, ma a loro!

    RispondiElimina
  162. uno già stanco...27 agosto 2009 18:49

    1)Più conoscenza, meno ignoranza;
    2)Più fatti concreti, meno retorica;
    3)Più trasparenza, meno pastoie burocratiche;
    4)Più umiltà, meno arroganza;
    5)Più sincerità, meno ipocrisia;
    6)Più uguaglianza, meno privilegi;
    7)Più collettivo, meno privato;
    8)Più fratellanza, meno odio;
    9)Più armonia, meno divisioni;
    10)Più vigilanza,meno abusi;
    11) Più coraggio, meno viltà;
    12) Più soggettività, meno massificazione.
    13) Più idee, meno richieste
    14) Più confronto a viso scoperto, meno conigli
    La lista dei principi etici può continuare con il tuo contributo.

    AGGIUNGO, C'E QUALCHE TIFFOSO DI N VALENTINI , DELLA SINISTRA DI PRIMA O QUALCOSA CHE SI ASSOMIGLIE A LA VERA SINISTRA, MA QUALCUNO MATTURO CON VOGLIA DI DIRE LA SUA, MA CON RISPETTO? CON VOGLIA DI FARE CRITICA COSTRUTTIVA? QUALCHE PROPOSTA? COSA SI FA? O SI CONTINUA A INVIARE AI GIOVANOTI A DIFAMARE E A FARE COPIA INCOLLA DEL PROGRAMA IN QUESTO BLOG?. FATE UN PO DI MEMORIA COSA AVETE FATO PRIMA, NON IN QUESTI ULTIMI CINQUE ANNI? IO NON C'ERO, MA HANNO DETTO CHE QUALCOSA SI HA FATO, FORZE AIUTA COME ESSEMPIO...

    RispondiElimina
  163. Mavallà ... che tipo di commento è questo!

    A l'anonimo giovane mafaldese (Leonardo? Alessandro? o chi altro)
    fate un'ultima cosa sensata
    chiudete questo blog

    con questo tipo di commento vi siete giocato la credibilità

    se non lo chiudete
    ci rimarrà solo Guglielmo a evangelizzare
    dategli la password
    cosi' almeno eviterete di rimanere arrenati

    Andale compagnero!

    RispondiElimina
  164. ps Per Guglielmo

    la cosa divertente (si fa per dire)
    è che adesso Guglielmo critica come offensivo il mio intervento...

    ... ti segnalo caro Guglielmo che sono io l'autore del "Messaggio saggio -- Ripa Alta -- 12 genaio 2009" da te copia-incollato il 21 agosto 2009 17.44

    ... ti segnalo che critico ero e critico rimano contro la malafede di qualsiasi origine sia

    Claro!

    RispondiElimina
  165. Uno già stanco...27 agosto 2009 20:32

    va bene Ripa Alta, da adesso ti chiamerò Ripa Alta, va bene? mi fa piacere che ti firmi.
    Scherzo aparte, non ti riesco a capire, qualle messagio io critico? PERCHE IL TUO NOME DA TEMPO NON LO SENTO, ADESSO COMPAIE, dammi giorno e ora, non riesco a capire.
    In riferimento al copia incolla che tu dici, ha il tuo nome? (Ripa Alta?)CERTO...C'E L'HA allora nessuno ha violato il tuo Copyright o Diritto d'autore, è stato messo a mio parere come un ''Messaggio saggio'', in quel momento mi sembrava oportuno introdurlo ma con quel senzo e coil tuo 'nome'come deve essere. Ti sei sentito offeso o qualche cosa che non capisco, ti chiedo perdono.
    IO NON VENGO A EVANGELIZZARE A NESSUNO, IO L'UNICO CHE CHIEDO E :
    CHI HA QUALCHE PROPOSTA DA FARE DI COME AMMINISTRARE UN PICCOLISSIMO COMUNE COME MAFALDA, E FINO ADESSO NESSUNO è STATO CAPACE DI DIRE NIENTE O SVAGLIO? LAMENTARSI? UNA CODA LUNGA 7 KILOMETRI...
    IO NON SCRIVO PER EVANGELIZARE, RIPETO : DOVE SONO LE PROPOSTE SERIE?

    RispondiElimina
  166. un appello ai nostri amministratori:
    ci sarebbe da fare un po' di manutenzione al verde pubblico, c'è della sporcizia..nei vari luoghi dove ci sono i giochi per i bambini,ci sarebbero da manutenzionare le panchine, da rimettere alcune lampadine ai lampioni....
    questi lavori fateli fare ai giovani
    disoccupati di Mafalda ....che ne dite?
    F.to un lettore attento del blog.

    RispondiElimina
  167. un appello ai amministratori di questo blog:

    manifestamente c'è un desiderio insoddisfatto da parte della cittadinanza la più aggiornata di Mafalda, se non volete che questo blog continui a fungere da cassetto (bucato) delle lettere destinate a l'esecutivo comunale, perché non incoraggiati i camerati novellamente insediati a attuare le loro promesse elettorale e ad aprire una pagina web interattiva (web 2.0 per intenderci) per favorire il dialogo in "modo trasparente e democratico"?

    e se lor signori non hanno i meriti requisite per fare questo sul sito ufficiali del Comune di Mafalda (http://www.comune.mafalda.cb.it/), approfittassero dei molteplici mezzi messi a disposizione gratuitamente dalla rete per aprire un blog al pari di questo

    dategli una mano compiacente

    il resto è solo una questione di volontà (politica)


    F.to un altro lettore attento del blog.

    RispondiElimina
  168. Scrivi in italiano, altrimenti non ti capisce nessuno!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  169. ...e tu che volevi il referendum dopo 30 giorni, come hai fatto a vivere per 30 anni senza essere consultato per niente?

    RispondiElimina
  170. il referendum dopo 30 giorni non sono io a volerlo,sono stati loro a prometterlo ai cittadini e le promesse loro dicono(e lo dico anch'io)vanno mantenute!!!

    RispondiElimina
  171. e sul mancato referendum pro-contro biomassa da fare prima di firmare la convenzione non hai niente da dire?

    RispondiElimina
  172. La consultazione già si è avuta, sono le elezioni ad aver decretato il fututo.
    Chi lo continua a chiedere e solo per rivincita, di che poi?
    Di non essere stato capace di fare una propria lista?
    Meditiamo e pensiamo a come uscire da questo baratro.

    .....................................

    RispondiElimina
  173. chi l'ha scritto il programma elettorale di INSIEME PER MAFALDA PER LA LIBERTA' non sapeva che erano le elezioni a costituire la consultazione "pro-contro"?

    "Per tutto questo indiremo una consultazione popolare entro i primi 30 giorni" c'è scritto
    e se non hai il programma sotto gli occhi, rileggi il commento del 18 agosto 2009 17.39 per sapere a cosa si riferisce il "Per tutto questo"

    “Verba volant, scipta manent” (dixit l' 'assessore più giovane') - manca sempre la 'r'

    o si parla per dire qualcosa di sensato
    o si parla per movimentare l'aria

    ma se si è sensati, quelle parole scritte si applicano, quando si è una persona seria
    tanto più quanto si è rappresentante eletto dei cittadini

    RispondiElimina
  174. Intanto i GM si sono imboscati

    RispondiElimina
  175. Chiedo ufficialmente ai giovani di Mafalda, a quelli che hanno contribuito a far nascere questo blog, se ritengono che il referendum debba ugualmente tenersi, o se, viceversa, le elezioni, per loro, abbiano decretato la bocciatura della biomasse.
    Chiedo, altresì, sempre ai giovani, ma anche ad altri lettori del blog, se ravvisano nelle azioni poste in essere dell'attuale amministrazione comportamenti in linea con le promesse fatte, soprattutto in tema di trasparenza, di partecipazione e di parità di trattamento dei cittadini.

    RispondiElimina
  176. lasciando il blog come una zattera alla deriva

    RispondiElimina
  177. se ci siete battete un colpo

    RispondiElimina
  178. Scusa ma tu non hai il programma elettorale dell'attuale amministrazione per poter verificare da solo se le azioni poste in essere sono in linea con le promesse fatte ai cittadini?

    RispondiElimina
  179. volete sapere come andranno a finire i fatti?...ve lo dice una persona comune,forse più comune di chi comanda,la centrale a biomasse verrà realizzata cmq,ficcatevelo bene nei meandri del cervello,conseguentemente poi la cittadina di mafalda non avrà nessun beneficio,ma ribadisco la centrale si farà?poi...ora facciamo turismo?e chi le paghe?come la festa di partito del 13 agosto? i cittadini le paghe...ok...ahahahahahaah....che ridere!poi vorrei far riflettere coloro che han sostenuto l'attuale amministrazione,ricordo cari sign.che riccioni era nelle fila di valentini(SINISTRA) anni orsono,poi ha cambiato bandiera,poiché anch'esso è un guerriero senza bandiera,privo di idee,assetato da un potere senz'anima;quindi non direi offese al sign. valentini che a conti fatti qualcosa ha fatto,vedi la vivibilità del nostro paese,ora sicuro qualche coglione toglierà questo commento...iniziate ad avere paura buonist...tutti i nodi vengono al pettine...ah...voi che sostenete il premier ringraziatelo per l'imminente istallazione della nucleare a termoli...allora si...già...secondo la vostra logica non fà male...mentre al contrario la biomassa uccideva i bambini e dava vita ad animali a 3 teste...e si è...siete pozzi di scienza senza fine...ahahahaah ne vedremo delle belle...poi però steteva zitt...

    RispondiElimina
  180. per trovare il PROGRAMMA ELETTORALE INSIEME PER MAFALDA PER LA LIBERTA'
    cercare con google la frase
    "Per tutto questo indiremo una consultazione popolare entro i primi 30 giorni"
    (non dimenticare le virgolette,
    fate un copia-incolla che è più semplice)

    RispondiElimina
  181. Uno già stanco...29 agosto 2009 12:29

    caro amico, se la centrale si farà, NON ME NE FREGA IO ME NE VADO!!!, FUMATETELO TU VOI IL FUMO, PERCHE VOI LO AVETE SCELTO NON è VERO?!!!AMBIENTALISTI!!!AGGIORNATI???LA SCHIFEZZA LA SCEGLIETE VOI PERCHE IGNORATE E LA GODETE VOI, DA 50 ANNI LE CENTRALE A BIOMASE SI STANNO LASCIANDO, NON SIRVONO A NIENTE, ASINI, SIETE DELLE CAVERNE!!!
    E NON ME NE FREGA SE NON CAPITE NIENTE, PERCHE DA TEMPO CHE NON CAPITE COME SONO LE COSE A MAFALDA, GRAZIE A VOI MAFALDA è ROVINATA!!!GRAZIE STATE ZITT...
    ps. vivilidad del paese???ahahahahahahah ma scherzate no?

    RispondiElimina
  182. Il programma elettorale io l’ho letto con attenzione e posso assicurarvi che sarò il primo a criticarlo se non saranno prese certe posizioni sviscerate in campagna elettorale. Impegni come quello di fare il possibile che questa centrale non si realizzi. Informatomi direttamente dall’amministrazione, posso assicurarvi che stanno facendo tutto il possibile e ci sono buone probabilità che questo non si realizzi. Perciò rispondendo a chi dice che la centrale si fa sicuramente, dico di aspettare un attimo per vedere come andrà a finire. L’eventuale referendum nei primi trenta giorni, sarebbe stato un atto di vera democrazia, ma alla luce del risultato elettorale, dove il popolo si è espresso decisamente contro, l’impegno della maggioranza è quella di non farla realizzare non quella di ripetere un altro referendum. Qualcuno dice spesso di rileggere il programma elettorale, dice che gli elettori si sono espressi in base ai programmi elettorali presentati loro e che questo non viene rispettato. Io dico che nel programma di Valentini c’era la realizzazione della centrale,(anzi solo quello), in quello di Riccioni, tra le tante cose, c’era anche e prioritariamente la bocciatura della centrale a biomasse. Voi pensate che chi è andato a votare non abbia votato anche per questo? Chi l’ha detto che le elezioni erano il referendum?.............. Fare ricorso alla volontà popolare, specie per certe decisioni come la centrale a biomasse è d’obbligo per qualsiasi amministrazione. Chi si sottrae a queste volontà, vuole imporre il suo potere amministrativo e posso dire che a Mafalda è successo questo.
    Allora non è più giusto che questa amministrazione faccia il possibile per rispettare la volontà popolare che è quella di non farla realizzare? Dopo aver raggiunto questo obiettivo, che è quello elettorale, si potrà fare anche un referendum, chiedendo al popolo liberamente di esprimersi se nel suo territorio ci vuole questo tipo di insediamento oppure no e sono convinto che sarà fatta una scelta secondo coscienza senza pressioni, senza ricatti e lontano da campagne elettorali.

    F.to DIABOLIK

    RispondiElimina
  183. caro uno già stanco,
    impara prima l'italiano...poi scrivi post su questo blog senza fini logici...poiché sui blog s scrive di tutto,se vi dicessero l'asino vola...voi...si è vero vola...ma fatemi la cortesia di tacere piuttosto!!!blà,blà,blà...la centrale forse non è chiaro che si farà!!!stop...pensate e maledite chi volete,questa è la pura realtà!no avete ancora capito che mafalda è stata sempre comandata da maria cir,dallu preit e da d'ercul...nemmeno l'attuale amministrazione conta qualcosa al pari del trio magico...mah...sarà...si certo il fumo lo respireremo tutti,morendo come avete propangandato...ah...attenzione con chi si ha rapporti sessuali perché potrebbero nascere figli on 2 teste e tre palle...ah-ah-ah-ah-ah..? ma fatela finita...il comune sembra un mercato,vediamo cosa dirà l'attuale governo alla popolazione dopo 2 mesi di legislatura?chiaramente è sempre colpa di valentini che manovra i suoi giocattolini,ma con onor di causa al cospetto del trio magico!almeno è divenuto un qualcuno grazie a se stesso,tutti lo odiate perché ha due attributi da far invidia...staremo a VEDERE POI...quando il popolo a calci nel sedere sbatterà fuori dal comune quei soggetti,vostro malgrado lò CENTRALE A BIOMASSE VERRà REALIZZATA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  184. @ F.to DIABOLIK
    29 agosto 2009 16.01

    Sarebbe più convincente se il tuo comunicato stampa emanasse da un rappresentante ufficiale della giunta comunale, o addirittura dal sindaco Egidio Riccioni.

    (ma i GM dove sono?)

    Egidio Riccioni si è già espresso su questo blog, non avrebbe nessuna difficoltà a fare pubblicare la sua comunicazione qui.
    Peraltro aspettiamo già da un bel po' una sua articolazione verbale.
    Dal 8 giugno è assente, neanche sul giornalino InforMafalda ha trovato posto per prendere la penna.

    ps
    "Il programma elettorale io l’ho letto con attenzione",
    bene
    allora dimmi dove leggi il condizionale, una parola 'se', in riferenza a
    "Per tutto questo indiremo una consultazione popolare entro i primi 30 giorni"
    quello che si legge è un tono perentorio di NO e di SI,
    nessuno 'ma', 'forse', 'vedremo'

    “Verba volant, scipta manent” (dixit l' 'assessore più giovane') - manca sempre la 'r'

    RispondiElimina
  185. CHI OSSERVA QUELLO CHE SI SCRIVE.....29 agosto 2009 20:20

    A coloroche vogliono il referendum dopo le elezioni non ci resta che dirgli:
    "Perche' non l'avete chiesto a Valentini come in tanti lo hanno publicaente reclamato??
    Lui ha sempre risposto che il referendum saranno le elezioni.
    Ora la biomassa non si fara' a costo di andare ad occupare il palazzo Regionale.
    Nella vita occorre essere Giusti e non mescolare sempre le carte in tavola.
    Lasciate lavorare la Giunta e il Consiglio e dategli il giusto tempo.
    A chi dice che comandano sempre i soliti, questo e' uno che voleva che comandasse solo Valentini.Ma questo grande politico si e' distrutto con le Sue stesse mani, gli interessi erano troppo grandi rispetto al consenso. La gente di Mafalda non ha l'anello al naso.Ora che pensi al Suo investimento di Vasto..........
    Si possono fare tante cose e creare lavoro anche senza la biomassa........

    Un amico dei MAFALDESI

    RispondiElimina
  186. Ma chi l'ha scritto il PROGRAMMA ELETTORALE INSIEME PER MAFALDA PER LA LIBERTA'?

    Egidio Riccioni e camerati ?

    Oppure Nicola Valentini e subordinati ?

    CHI OSSERVA QUELLO CHE SI SCRIVE farebbe anche bene a leggere l'originale del programma elettorale si cui si è impegnata l'attuale giunta! e non a riferirsi a impressioni astratte.

    Cerca con google la frase
    "Per tutto questo indiremo una consultazione popolare entro i primi 30 giorni"
    poi ne riparliamo

    RispondiElimina
  187. x DIABOLIK CHE DICE DI AVER LETTO BENE IL PROGRAMMA ELETTORALE:
    PROGRAMMA ELETTORALE
    EMERGENZA BIOMASSA
    La nostra Amministrazione assume l'impegno che nessuna CENTRALE A BIOMASSE o impianti invasivi e nocivi verranno realizzati sul nostro territorio.

    RispondiElimina
  188. Amico mafaldese, il referendum è stato chiesto da quella parte che ora lo rifiuta, altro che giocare a ribaltare le accuse; è deleterio il tuo ragionamento perchè porta a giustificare comportamneti scorretti da parte dell'attuale amministrazione.Velentini qui non "c'azzecca" niente, ed invocarlo significa solamente preparare l'attuale aministrazione a fare ogni cosa, tanto trova te ed altri pronti a giustificarla, in nome di quanto non è stato fatto,o non sarà fatto, come se si esce dalle responsabilità con la sola invocazione delle respondsabilità passate degli altri. In tal modo la nostra comunità non solamente continuerà ad essere divisa dall'adio, dalle vendette, ma sarà destinata a continuare sulla strada del più bieco clientelismo, come è già dimostrato dalle malefatte di una amministrazione corrotta e di parte, sempre pronta a scommettere sulle divisioni per preparare quelli come te, già predisposti ed allenati ad essere spudoratamente partigiani,ad ingoiare rospi sempre più indigesti, come già i programmi lasciano intravvedere.Ma tu , insieme ai giovani che non osano pronunciarsi,con la solità viltà di chi si nasconde dietro la foglia di fico, rimani interdetto, ma sempre pronto a prostituirti per un dollaro bucato.
    Guglielmo, tu che parli di conigli che si nascondono dietro l'anonimato, non pensi che , nonostante la protezione del nick, manchi ancora libertà e soprattutto senso della giustizia ai tanti improvvisati scrittori del blog?
    Se non si risolve il problema della coscienza individuale che deve sempre essere al sevizio del bene collettivo, a nulla servono i tuoi appelli, come è sbagliato anche il tuo continuo inveire contro chi è stato sconfitto, dimenticando che i sanniti, popolo che era formato da una buona parte da molisani, anche quando sconfissero i romani, non inveirono contro i vinti, ai quali imposero solamente il passaggio sotto le forche caudine.
    Ai giovani dico che devono avere anche la forza di riconoscere i propri errori, con umiltà, senza lasciarsi guidare dall'orgoglio e dalla superbia, riconoscendo e non coprendo gli errori propri e di quella parte a cui hanno dato, in buona fede, credito.
    Si assummano le responsabilità, con onestà, se vogliono veramente essere liberi di partecipare proficuamente al bene di tutta la collettività.

    RispondiElimina
  189. uno già stanco...30 agosto 2009 20:55

    va bene se io mi sfogo e perche quelli che si mettono in contro di questa amministrazione, dovrebbero essere un essempio, e si almeno mettono la critica, potrebbero dare qualche alternativa.
    Mi da impotenza perche un paese piccolissimo come Mafalda, già dovrebbe stare meglio, e dificile pensare a fermarsi quando siete 1000 anime che si se mettessero nella stessa strada lo svilupo sociale, intelettuale e economico, ecc, sarebbe un gioco di bambini, ed è come dici tu, fino a quando la coscienza individuale non si metta al servizio del bene collettivo, SOLTANTO STIAMO A DARGLI DI MANGIARE A QUESTI CHE CI VOGLIONO DIVISI, SENZA OPORTUNITà DI SCEGLIERE E DECIDERE IL FUTURO DEL PAESE E NOSTRO, QUESTO E LA ROVINA DI MAFALDA, PROPIO QUESTO FERMA TUTTO SVILUPO POSSIBILE...

    RispondiElimina
  190. All'anonimo delle 29 agosto 2009 16.08
    Credo che l'italiano dovresti impararlo per prima tu!
    Poi non stare a dire baggianate di piazza, come i tuoi amici che la presidiano.

    All'anonimo delle 29 agosto 2009 21.17
    I giochi sono stati già fatti e tu... sei rimasto fuori.
    Peccato!

    ....................................

    RispondiElimina
  191. @ Anonimo
    31 agosto 2009 9.17

    fai il saputo ....
    ... ma i padroni di casa dove sono?

    i giovani mafaldesi si sono forse ritirati in qualche eremo con scorta di birre...
    ... magari dopo il rottino vi farete di nuovo sentire?

    RispondiElimina
  192. Ecco alcune risposte che il sindaco Valentini in data 11 settembre 2008 rilasciava ad un giornalista che lo intervistava. Potete leggere integralmente l’intervista, digitando su GOOGLE la parola Blog Mafalda.
    Chi o che cosa, secondo lei, ha plasmato l’identità dei Mafaldesi?
    Io credo che l’identità della mia gente sia stata plasmata dalla cultura contadina, dalla fatica nei campi, dalla povertà portata dalla guerra, dal dolore dell’emigrazione che è stata una costante della nostra storia. E credo che questi fattori storico-sociali abbiano fatto sì che l’identità dei Mafaldesi sia imperniata intorno ai valori dell’accoglienza, della mutualità e della solidarietà.
    Per quale aspetto della sua città va personalmente fiero?
    Vado personalmente fiero di quei valori dell’accoglienza, della mutualità e della solidarietà di cui le ho appena detto, intorno ai quali sono cresciute intere generazioni, che fanno parte della storia della mia città e che Mafalda sa ancora esprimere nonostante tutto.
    Una domanda che vorrebbe sentirsi rivolgere su Mafalda e la risposta che si darebbe.
    Vorrei che uno dei nostri giovani mi chiedesse a nome di tutti gli altri: “Sindaco, tu credi nel “Progetto Mafalda”?”
    Ed io gli risponderei: “Sì, se ci credete anche voi!!”
    I giovani, hanno chiesto al sindaco di parlarne insieme del progetto Mafalda, cosa non avvenuta e vista la contrarietà dei giovani a una parte del progetto, il sindaco che prima andava fiero dei suoi cittadini, gente solidale dedita all’accoglienza, plasmata dalla cultura contadina gente umile. Adesso sono diventati, gente che non hanno capito niente, rifiutano lo sviluppo e non sono più neanche ospitali. Tutto questo solo perché si è contrari ad un certo tipo di sviluppo? Ma il “SI, se ci credete anche voi”, ……. era rivolto ai giovani di Mafalda? I giovani hanno risposto, prima con la loro manifesta contrarietà alla realizzazione della centrale attraverso comunicati e manifestazioni, poi anche attraverso il voto elettorale, che forse alcuni giovani, non avrebbero mai espresso in questa maniera, se almeno fosse stato dato loro la possibilità di discuterne insieme. A Mafalda, qualcosa è cambiato, la gente si informa, i giovani, anche se non vogliono mischiarsi in attività politiche, questa volta hanno avvertito il pericolo e per dovere fatti sentire, esprimendo le loro idee. Allora, perché non accettare la loro risposta? A qualcuno non piace la loro risposta? Ma se il futuro di Mafalda è dei giovani, perche non programmarlo insieme a loro?
    A quelli che dicono che i giovani sono scomparsi e non si fanno più sentire, vi dico che quando occorre saranno sempre presenti, specie per questioni che riguarderanno il blocco della centrale.
    F.to Yuri Koval

    RispondiElimina
  193. salve a tutti;
    sono una persona che vi ha sostenuto,ma si è resa conto di esser stata presa in giro,è la prima volta che visito il blogb,onestamente tutti i discorsi non hanno un filo logico sensato a mio modesto parere,discorsi pieni di offese,dicerie paesane,pochi post sensati; è inutile publicare articoli di quotidiani,interviste rilasciate da fantomatici scenziati come montanari,radiato dall'albo degli scenziati;inviterei la s.v a ragionare con la propria testa,poiché è da pazzi rifiutare progetti rinnovabili volti allo sviluppo nell'anno 2009. A pensarci bene si è perso un treno importante,paesi limitrofi frebbero a gara per accaparrarsi il progetto mafalda! Invece noi l'abbiamo bloccato,perché signori cari,vi invito a riflettere,se il progetto fosse stato portato in atto dalla nostra attuale amministrazione e dal capogruppo,nonchè sindaco rag. Riccioni,tutti noi avremmo aderito senza polemiche alcune,rei di avere una ferrari in mano.No?invece è accaduto il contrario,per invidia ci siamo inventati qualsiasi cosa,dalle morti precoci,alle leucemie e quant'altro.Guardiamo in faccia la realtà,queste patolgie hanno origine da ben altri fattori!
    Comunque I fatti andranno così,la centrale verrà realizzata,e la cittadina non godrà di nessun beneficio...che faremo poi?la gente è stanca,stufa di esser presa in giro e dei soldi che sono stati spesi inutilmente in questi 2 mesi amministrativi!VOGLIAMO CHIAREZZA PER FAVORE! ALTRIMENTI SAREMO COSTRETTI A TUTTO PER CAMBIARE LE COSE... PERCHé NO.ANCHE NON FACENDOVI MANGIARE IL FAMOSO PANETTONE DI NATALE...MOLTI NOSTRI SOSTENITORI SONO OFFESI CIVICAMENTE...
    @1977@

    RispondiElimina
  194. uno già stanco...31 agosto 2009 18:06

    VA BENE UN'ALTRO CHE NON HA CAPITO NIENTE.. ti perdoniamo, informati e dopo torna...

    RispondiElimina
  195. uno gia stanco...31 agosto 2009 18:07

    dai il tuo nome se sei cosi convinto, perche vuo la rovina di mafalda di nascosto?

    RispondiElimina
  196. Yuri, basta con Valentini, che non c'è più, ed interessati di quello che fa l'amministrazione, senza giustificare, come fanno in tanti, il comportamento di chi fa scelte sbagliate, adesso e nel futuro, con paragoni con il passato "regime". Se la popolazione ha scelto questa amministrazione, lo ha fatto perchè crede che Riccioni offra maggiori garanzie di imparzialità e di buon governo, sempre se i voti racimolati non siano il frutto di accordi e di promesse elettoralistiche, come sembra , sulla base delle prime assunzioni e benefici elargiti. Voglio pensare che la vittoria sia soprattutto una esigenza di cambiamento,voluto dai tanti scontenti della sinistra, e non un confluire di persone assetate di potere e di interessi da tutelare.
    Ho l'impressione che il cartello della destra sia disomogeneo, soprattutto perche le parti hanno interessi contrastanti ed in concorrenza, e comunque, senza un disegno complessivo che sia di indirizzo per lo sviluppo e la valorizzazione delle risorse del nostro territorio. Per amministrare bene serve chiamare in raccolta tutte le potenzialità del territorio,soprattutto attingendo alle risorse umane, di qualunque colore,( serve anche il contributo di quelli che , secondo la voce autorevole di Sergio ,hanno perso il treno) che possono dare un contributo ad un disegno di vero cambiamento.
    Fare prima d'ogni cosa una rilevazione di tutte le risorse del territorio, in modo da averne un quadro generale , poi stendere un progetto per la loro valorizzazione, facendo attenzione a quelle risorse che qualificano e rappresentano la tipicità della nostra cultura, sia quella produttiva che quella legata alle altre manifestazioni della vita della comunità. Si parla di eolico, al cui progetto pare che l'amministrazione attuale stia lavorando. Mi pare che la scelta non sia affatto azzeccata, sia per l'impatto ambientale ,che impedirebbe alle nostre amene colline di essere visitate da un turismo attento all'ambiente, sia per il microclima della zona circostante, che verrebbe ad essere modificato, con danni irreparbile per la vegetazione. Per l'altra forma di energia, quella pulita, dal fotovoltaico,va utilizzata con molta attenzione, evitando che siano i privati conquistatori a sfruttarla,cercando, invece, di creare una società ad hoc per chiedere la partecipazione delle risorse umane del posto. Per quanto attiene al progetto complessivo, va data importanza ai servizi intercomuninali, vere e proprie aree con verde e strutture di ristoro e di divertimento, in zone strategiche, di richiamo per i turisti che arrivano nelle nostre zone costiere,costruite unendo le forze di più comuni, e servite da collegamenti rapidi sia verso il mare, sia verso le realtà locali, dove il turista possa ritrovare la tipicità della cultura dei nostri paesi. I progetti, se ben fatti, possono essere finanziati dalla comunità europea, specialmente se a queste aree si affiancano strutture ricettizie ottenute riqualificando le abitazioni esistenti e mettendole al servizio di un turismo attento all'ambiente, al paesaggio e alla tipicità dei prodotti dell'agricoltura, dell'artigianato,dell'arte, della cucina e del folklore locale. Il turista attento e qualificato deve trovare anche in itinerari regionali, attentamente scelti nel piano generale, il modo per arricchirsi spiritualmente, visitando i tanti beni culturali che hanno segnato la storia della nostra regione.
    Si accettano idee, consigli, partecipazione, aiuti, al fine di poter creare un'associazione che si interessi di queste cose, che lavori principalmente per il bene di tutti ed in collaborazione con quanti hanno a cuore lo sviluppo del nostro paese, sempre oltre gli steccati della politica della divisione, di cui siamo veramente stufi.

    RispondiElimina
  197. Scusa ma perché non ti sei candidato, visto che hai questo grande acume politico?

    RispondiElimina
  198. uno gi stanco...31 agosto 2009 19:32

    31 agosto...1856...
    SONO D'ACCORDO IN TUTTO CON TE...
    MA PER FARLO REALTà DEVI FARTI VEDERE, O TI DA VERGONIA CONDIVIDIRE DELLE IDEE?
    MA, COME è POSSIBILE LO SVILUPPO, SCRIVENDO UNA LETTERA NEL BLOG...
    COMUNQUE, MI FA PIACERE ASCOLTARE ALTERNATIVE...

    RispondiElimina
  199. Il candidato ideale deve essere:
    opportunista, arrivista, bugiardo,di bassa cultura (possibilmente con diploma comprato),di grande furbizia (alla Bertoldo per intendeci)
    Purtroppo, e mi dispiace per te, non ho queste qualità, ecco perchè mi esercito a buttare qui idee,che vengono immancabilmente liquidate con l'ironia.
    Comunque, un pensierino lo sto facendo per la creazione di un'associazione per la tutela e la valorizzazione delle risorse del nostro territorio, sperando che l'iniziativa trovi consensi sufficienti ed un seguito di iniziative e dibattiti non più in forma anonima.

    RispondiElimina
  200. in risposta ad uno già stanco...
    Forse chi non ha capito nulla sei proprio tu... sono in possesso di nrequisiti necesari per controbattere qualsiasi cosa,anche avvalendomi di laurea quinquennale,chi non ha capito nulla sei tu,da come scrivi avrai a dir poco la licenza media...staremo a vedere...quindi ho una schiera di votanti in rivolta,che di sicuro il voto lo daranno alla sinistra tra cinque anni,ma da come stanno i fatti forse molto prima!!!

    RispondiElimina